Parashà Vayigash

Parashà Vayigash

Rav Reuven Tradburks

La Parsha inizia nel bel mezzo della storia. Yosef ha appena detto a Yehuda a tutti i fratelli che Binyamin, diventerà schiavo di Yosef. Tutti gli altri sono liberi di andarsene. La nostra Parsha inizia con la lunga e appassionata richiesta di Yehuda a Yosef di consentire a Binyamin di tornare a casa, mentre Yehuda assumerà il suo posto di schiavo. Yosef è sopraffatto. Ordina a tutti di andarsene. E dice ai suoi fratelli: “Io sono Yosef”. Li istruisce di portare Yaakov. Paro manda i fratelli a casa con dei carri per portare Yaakov e il resto della famiglia. Yaakov si riunisce con Yosef. L’intera famiglia si stabilisce a Gosen. Yaakov incontra Paro. La carestia peggiora. Yosef acquisisce tutto l’Egitto per Paro.

1st Aliya (44:18-30)

Yehuda supplica Yosef: questo è il caro figlio di nostro padre. Mentre ci hai chiesto di portarlo qui, ti abbiamo detto che lasciare suo padre avrebbe spezzato il cuore di nostro padre. Quando dovevamo comprare del cibo, nostro padre ci disse che se fosse successo qualcosa a Binyamin, sarebbe sceso negli abissi. E ora, se torno da mio padre senza il ragazzo, e la sua anima è legata alla sua…

L’aliya finisce sospesa in aria. Yaakov e Binyamin, le loro anime sono legate… Non potrebbe esserci modo migliore per trasmettere il dramma; ponendo fine all’aliya con le loro anime legate.

Yehuda guadagna la leadership da questo momento drammatico. Si sta assumendo la responsabilità. Non l’ha ancora detto, ma lo farà nella prossima aliya: farà di tutto per garantire il ritorno a casa di Binyamin. La sua intera discussione è una questione di preoccupazione per suo padre. Suo padre morirà di crepacuore, perdendo gli unici 2 figli dalla sua cara moglie.

Ora, mentre Yehuda è l’unico attore in questa aliya e mentre le sue azioni sono eroiche e di potente sostanza, c’è un attore muto; Yosef. Mettiamoci nei panni di Yosef. Quando sentiamo le parole di Yehuda ci è familiare, perché conosciamo l’intera storia fino a qui. Eravamo lì quando i fratelli sono tornati a casa, abbiamo sentito le interazioni con Yaakov, la sua angoscia al pensiero della partenza di Binyamin.

Yosef non ne sa nulla. Cosa è successo quando non sono più tornato a casa? Mio padre era addolorato? Gli sono mancato? Sappiamo che Yaakov era inconsolabile quando i fratelli portarono il cappotto insanguinato. Ma Yosef non lo sa. Tutto quello che è successo dopo che è stato gettato nella fossa è un vuoto per lui. Mio padre è vivo? Cosa sapeva di quello che mi è successo? Perché non è venuto a cercarmi?

Il discorso di Yehuda a Yosef è come tirare il sipario: Yosef è ora al corrente di ciò che suo padre pensava che gli fosse successo, di quanto suo padre ami Binyamin, che è come un sostituto Yosef per Yaakov. Drammatico è il momento in cui Yosef dice ai fratelli chi è; questo momento per Yosef lo è altrettanto. È uno sguardo nella casa di suo padre, una casa di cui non sa nulla da 22 anni. Questa è la prima volta che sente che suo padre aveva il cuore spezzato per quella che pensava fosse la morte di Yosef. Non mi ha cercato perché pensava che fossi morto.

2° Aliya (44:31-45:7)

Yehuda garantì il ritorno di Binyamin. Non potrà sopportare di vedere il dolore di Yaakov. Yehuda rimarrà al suo posto come schiavo. Yosef non può più sopportarlo. Ordina a tutti gli altri di uscire. Solo con i suoi fratelli afferma: Sono Yosef tuo fratello. Nostro padre è ancora vivo? I fratelli sono sbalorditi. Li rassicura che la sua vendita all’Egitto era il piano di D-o per salvare la famiglia attraverso questa carestia.

Cosa ha detto Yehuda che Yosef non poteva più sopportare? I commentatori hanno letto questo nel contesto dell’intento di Yosef in tutta questa storia. Perché ha accusato i fratelli di essere spie? E chiedere che portino Binyamin? E piantare il suo calice nella borsa di Binyamin? Sembrerebbe che stia cercando di ricreare la scena del delitto. Hanno venduto Yosef, il loro fratello come schiavo. Venderebbero di nuovo Binyamin come schiavo; o si sono pentiti? L’offerta di Yehuda di rimanere al posto di Binyamin è una vittoria, teshuva.

Potrebbe essere inteso in modo completamente diverso. Binyamin è il sostituto di Yosef in famiglia. Con Yosef andato, Binyamin prende il suo posto. Quando Yehuda racconta quanto Yaakov ami Binyamin, Yosef non sta ascoltando Binyamin, sta ascoltando Yosef. Binyamin sostituisce Yosef a Yaakov. L’amore di Yaakov per Binyamin è in realtà il suo amore per Yosef in assenza di Yosef. Yosef, sentendo parlare dell’amore di suo padre per lui è sopraffatto. Ha bisogno non solo di sentire, ma di vedere suo padre. Ed è quello che dice ai suoi fratelli.

3° Aliya (45:8-18)

Yosef continua: D-o mi ha mandato come maestro in Egitto. Presto, vai a dire a nostro padre che Yosef è un sovrano in Egitto. E venire. Ti stabilirai a Gosen. Dillo a nostro padre, porta nostro padre. Abbraccia e bacia Binyamin, abbraccia e bacia i fratelli. Paro ascolta ed è contento. Aiuta a facilitare il viaggio di Yaakov.

Yosef è chiamato Yosef Hatzadik non solo perché ha resistito alle avances della moglie di Potifar. Menziona D-o 4 volte. Il suo parla di D-o e crede che tutti i suoi travagli siano il piano di D-o. Trascura i suoi travagli personali scrutando nel Divino. La sua ascesa a governare in Egitto non è lui; è il piano di D-o. Non nega la sua posizione di potere, ma si considera solo una pedina nella Mano Divina per aiutare la sua famiglia a sopravvivere.

4° Aliya (45:19-27)

Paro dà i carri per portare Yaakov. Yosef dà ai suoi fratelli cibo e vestiti; al padre, animali carichi di provviste. I fratelli dicono a Yaakov che Yosef è vivo, sovrano in Egitto. Il suo cuore perde un battito. Lo spirito di Yaakov rinasce.

Perché Yosef dà i vestiti ai suoi fratelli? E perché, se Yaakov deve venire presto in Egitto, perché mandargli animali carichi di cibo?

I fratelli presero il cappotto di Yosef; Yosef dà i vestiti ai fratelli.

E i sogni. Yosef sognò covoni di grano che si inchinavano a lui. E delle stelle che si inchinano a lui. Agricoltura e potere. Yosef fa sapere a Yaakov; io sono il sovrano. E guarda la taglia agricola. I sogni si sono avverati. Ma non nella terra d’Israele. Nella terra d’Egitto.

5° Aliya (45:28-46:27

) Yaakov offre offerte a Beer Sheva. D-o lo chiama; Yaakov, Yaakov. E lui dice, Hineni. Non aver paura. Scenderò con te e ti riporterò su. L’intera famiglia scende. La Torah elenca la genealogia della famiglia; le 70 anime che sono venute in Egitto.

Questa semplice aliya cambia tutto. I colpi di scena della storia dei fratelli sono ora visti in grandangolo; la fotocamera si sposta da vicino a un obiettivo grandangolare. Yaakov sta pensando alla storia ebraica. Ad Avraham fu detto che i suoi figli sarebbero stati schiavi in ​​una terra straniera per 400 anni. Yaakov, mentre è ansioso di vedere Yosef, è nervoso all’idea di trasferire tutta la sua famiglia in Egitto. Torneranno mai? È complice dell’abbandono della promessa che gli ebrei vivranno nella terra d’Israele?

D-o lo chiama con quella frase che suona di dramma: Yaakov, Yaakov. hineni. D-o lo rassicura; ti riporterò indietro.

E il paragrafo successivo, la genealogia inizia e finisce con la stessa frase: questi sono i Bnei Yisrael che sono venuti in Egitto. La storia ebraica ora lascia la terra d’Israele. E non tornerà per tutto il resto della Torah. Yaakov era giustificato nella sua paura. Questo è il momento dell’esilio del popolo ebraico dalla terra d’Israele.

6° Aliya (46:28-47:10)

Yaakov e Yosef si riuniscono, tra abbracci e lacrime. Yosef pianifica attentamente con i fratelli. Devono dire a Paro che sono pastori. Si stabiliranno a Gosen. Paro è d’accordo con ciò che Yosef ha pianificato. Yaakov benedice Paro.

La drammatica riunione è di 2 versi. Un po’ anticlimatico. Yosef fa in modo che la sua famiglia venga preservata; sia materialmente che rimanendo insieme e lontano dagli egiziani.

Oh, che amara ironia. Perché sappiamo cosa verrà dopo. La Torah è andata oltre la storia di Yosef, dei suoi fratelli e di suo padre. La Torah descrive ora la storia dell’Esodo dall’Egitto. Sapete come è iniziata la storia dell’Esodo? Yosef trasferì tutta la sua famiglia in Egitto. Li ha sistemati con successo; forse con troppo successo?

7° Aliya (47:11-27)

Yosef sostiene la sua famiglia. Il cibo in Egitto diventa scarso; tutto è precario. Yosef acquista oro, bestiame e terreni per Paro. Salva la terra dei sacerdoti. La gente diventa schiava di Paro. Yaakov e la famiglia abitano a Gosen, mettono radici lì e prosperano.

L’ironia continua. Yosef crea un Paro estremamente potente; denaro, bestiame, scorte di cibo, schiavi. Controllo su tutto l’Egitto. Che ironia; Yosef ha creato il primo capitolo della storia dell’Egitto. Un Paro estremamente potente. L’intero popolo ebraico in Egitto. Ricorda Yosef Hatzadik, così chiamato perché ha visto il piano di D-o. Come disse ai suoi fratelli, “D-o mi ha messo qui per salvarvi in ​​tempo di carestia”. Ebbene, Yosef si sbagliava. Ha visto solo il capitolo 1 della storia. La vera storia è che D-o mi ha messo qui per portarvi tutti in Egitto, per consolidare il potere di Paro. Ciò si tradurrà nel tuo essere schiavi. E lasciando l’Egitto tra segni e prodigi. Yosef è una pedina. Ma in una storia molto più grande di quanto possa immaginare.

Informazioni sull’autore

Rav Reuven Tradburks è il direttore di Machon Milton, il corso preparatorio inglese per la conversione, una partnership del Rabbinical Council of America (CAR) e Shavei Israel. Inoltre, è il direttore della regione CAR-Israele. Prima della sua aliya, Rav Tradburks, ha servito 10 anni come direttore della Corte di conversione del Vaad Harabonim di Toronto e anche come rabbino della congregazione a Toronto e negli Stati Unit