PARASHAT TERUMA’

PARASHAT TERUMA’

Di Rav Reuven Tradburks

Parash? Trum? ha un solo tema: le istruzioni per la costruzione del Mishkan (Tabernacolo). Mos? chiede contributi materiali. Vengono date istruzioni per la costruzione dell’Aron (armadio) per riporre le tavolette con i dieci comandamenti, i tavoli su cui saranno posizionati i pani, la Menora, il rivestimento del Mishkan, la costruzione del Mishkan, l’altare per le offerte nel cortile del Mishkan e il cortile che circonda il Mishkan.



1?. Aliya (25:1-16) Moses ? diretto a dire alle persone di fare donazioni di materiali: oro, argento, rame, materiali intrecciati, pelli di animali, olio, incenso e gioielli. Costruisci per Me un santuario e mi soffermer? in mezzo a loro. Costruisci un Aron: legno sovrapposto all’oro, pali da trasportare. E mettete l’Aron, le compresse che vi dar?.



La Torah descrive il Mishkan come un luogo in cui Dio dimora tra il popolo ebraico. Come l’Eterno, l’Infinito dimora tra le persone ? un tema per i filosofi. Ma si inserisce perfettamente nella corrente della narrazione della Torah. Nella portata di D-os verso le persone, Si avvicina sempre di pi?. Crea un mondo. Inizia il contatto con Adamo ed Eva, Caino e No?. Ma i loro peccati causano un esilio da Lui: Adamo ed Eva banditi dal Giardino, Caino che vaga per il mondo, la torre di Babele che disperde il popolo. Quando Inizia il contatto con Abramo, ? per avvicinarlo, promettendogli la terra. Interviene quindi in natura per liberare il popolo egiziano, dividendo il mare; ? andato ben oltre il semplice parlare con la gente, ora piuttosto ha messo il braccio intorno all’intero popolo ebraico. Poi si toglie il velo, parlando con tutta la citt? del Sinai. Il prossimo passaggio naturale ? un luogo dove abitare costantemente sulla terra, non solo di tanto in tanto. Si confronta con il rapporto tra un uomo e una donna: iniziare una conversazione, fare una promessa e un impegno, aiutarsi a vicenda e sostenersi a vicenda, contatto stretto e intimo come nel Sinai e poi in una casa.



2?. Aliya (25:17-30) Copri l’Aron con l’oro, da cui due angeli emergono faccia a faccia con le ali distese. Incontrer? e parler? l? con voi, dagli angeli che sono sull’Aron. Costruisci un tavolo rivestito in oro con pali da trasportare. Il Lejem Hapanim (Pan) sar? permanentemente situato l?.



L’essenza del D-os che ? inerente al Mishkan ? soggiogata con una copertura eccessiva. Le tavolette dei dieci comandamenti devono essere sigillate nell’Aron, coperte e nascoste nel Santo Sanct?rum. Mai da vedere. Lujot (compresse) sono il simbolo della nostra comunicazione con D-os. Li avrei presi, messi sopra un piedistallo ed esposti nei luoghi pi? pubblici. Eppure ? vero il contrario dell’esposizione pubblica. Mettili nell’Aron, coperto, situato all’interno del Santo Sanct?rum che ? nascosto da una tenda e dove nessuno pu? entrare, al sicuro da un Cohen Gadol (Sacerdote Supremo) solo una volta all’anno. Solo una persona all’anno sar? in grado di vedere l’Aron, anche se certamente non le compresse.



L’essenza di Dio nel Mishkan ? contrastata dal mistero della trascendenza; l’incapacit? dell’uomo di comprendere la Sua natura proprio coprendo ci? che simboleggia la Sua Intimit?: le tavolette dei dieci comandamenti. ? vicino e tuttavia nascosto. Dimorare in mezzo a voi e tuttavia irraggiungibile. Presente eppure impercettibile.



3? . Aliya (25:31-26:14) Forma una Menora in oro massiccio, con vasi, manopole e fiori e sette luci. Confermalo come l’hai visto nel Sinai. Crea tende intrecciate di tejelet, viola e rosso con cherubini. Queste lunghe tende dovrebbero coprire l’intero Mishkan, il tetto e i lati dell’edificio. Devono essere fatti in sezioni e poi uniti. Inoltre, crea tende per capelli di capra. E per di pi?, una copertura di ariete rosso e pelli tajash*.



Il Mishkan ? costituito da un edificio coperto da tre rivestimenti. All’interno dell’edificio, nella stanza pi? interna del Santa Sanctorum si trova l’Aron, nascosto da una tenda. All’esterno di questa tenda si trova il tavolo con i pani, la Menora e un altare per l’incenso. (Il seguente aliyot descrive questi dettagli). Tutto questo ? coperto da tre tende. Queste tende formano il tetto dell’edificio. Il primo set di tende ? tessuto da lane colorate con un design angelo. Pi? tende sono avvolte dal pavimento su un lato dell’edificio, passando sopra il soffitto e scendendo sul lato opposto fino quasi raggiungendo il terreno. Il secondo set di tende ? fatto di capelli di capra. Questi sono stati posizionati sopra il primo gioco, coprendoli completamente e avvicinandosi al terreno. Il primo set di bellissime tende intrecciate non ? stato visto affatto per coloro che si trova al di fuori del Mishkan. Furono visti solo dai Cohanim (sacerdoti) che entrarono nel Mishkan. Il terzo set di tende in pelle o pelle era sopra quelle dei capelli di capra nera.



Queste tende rafforzano la privacy, la natura tranquilla del Mishkan.



4?. Aliya (26:15-30) Crea pannelli in legno ricoperti d’oro. Questi si tremo su basi d’argento. La serie di pannelli rivestiti in oro avr? un totale di 30 amot sui lati. L’estremit? di uno di questi pannelli avr? 10 amot.



Era ammissibile che i Cohanim entrasse in questo Mishkan. Videro pareti d’oro e intravisrono verso l’alto videro le tende colorate tessute con il design degli angeli.



5?. Aliya (26:31-37) Quindi fai un parojet, una tenda tessuta di lane colorate con il design di un angelo. Questo divider? il Santa Sanctorum dall’area esterna. L’Aron sar? nel Santa Sanctorum. Il tavolo e la Menora saranno fuori da questo sipario. L’ingresso dell’edificio all’estremit? opposta del Santa Sanctorum avr? anche una tenda intrecciata in uno stufato a parete.



L’Aron non era visibile ai Cohanim, era nascosto dietro il sipario intrecciato con il disegno dell’angelo. Avrebbero visto la Menora e la Tavola con i pani cos? come un altare per l’incenso (non ancora descritto).



Si poteva vedere questa come una casa minimalista: luce, cibo, tavola. E il luogo privato interno dove El mora.



Questo parojet, o tenda, ? fatto di lana colorata tessuta con un motivo di cherubini o angeli. Questo stesso disegno di lana intrecciata con cherubini o angeli per la tenda appesa all’ingresso del Mishkan. E lo stesso design con cherubini viene utilizzato per tende che coprono l’intero Mishkan e sono visibili dall’interno. Com’erano i cherubini in questo design?



L’intera copertura Mishkan e parojet di fronte al Santa Sanctorum aveva un design diverso su entrambi i lati del sipario. Da un lato c’era un angelo con le ali che sembrava un’aquila. Dall’altra parte c’era un angelo con le ali che sembrava un leone. Il sipario all’ingresso del Mishkan aveva solo il design dell’angelo / leone su entrambi i lati.



6?. Aliya (27:1-8) Crea un altare di cinque piedi quadrati con le corna negli angoli, ricoperto di rame. Tutti gli utensili, i contenitori, le pale, i recipienti e le forche devono essere in rame. Pali di legno rivestiti in rame sono posizionati su anelli per trasportare l’altare.



Un’amante o ulna ? la lunghezza tra il gomito e la punta delle dita. Sarebbe un piede e mezzo, o mezzo metro. Cinque amot sarebbero sette piedi e mezzo per sette piedi e mezzo. Questo altare ? molto pi? grande di qualsiasi altro oggetto nel Mishkan.



Questo altare si trova all’esterno dell’edificio Mishkan contenente la Menora, la tavola, l’altare per l’incenso e il Santa Sanctorum con l’Aron. L’altare si trova nel grande cortile descritto nella prossima aliya. Mentre l’edificio Mishkan era completamente coperto, questo altare e l’area del cortile sono aperti sotto il cielo.



7?. Aliya (27:9-19) Crea tende di lino bianche e fini per il cortile intorno al Mishkan. Le tende dovrebbero essere appese alle corna. Il patio dovrebbe essere lungo 100 amot e largo 50. La tenda all’ingresso del cortile deve essere tessuta di lane colorate.



La struttura, la struttura statica del Mishkan ? completa. C’? molto simbolismo nell’Aron, nella Tavola, nella Menora, nell’Altare, di cui non abbiamo discusso. La nostra enfasi ? stata posta sulla tensione intrinseca nel contatto tra l’uomo e il D-os in un luogo terrestre. Questa tensione si comunica attraverso i condimenti, un modo simbolico di comunicare un messaggio dell’esperienza del sublime, misterioso, nascosto, indescrivibile del contatto divino con il terreno.

Parashat Zajor (Dvarim 25:17-19)

Shabbat prima di Purim leggiamo Parashat Zajor. Il verso dice che dovremmo ricordare ci? che Amalek ci ha fatto, attaccando i deboli tra di voi quando eri stanco e non hai sentito la paura di Dio. La parola ricordo ? considerata una Mitzva, non solo un buon consiglio. Leggere questi tre versetti almeno una volta all’anno soddisfa il requisito di raccontare ci? che Amalek ha fatto.

*Tajash- Secondo Rashi, un animale di molti colori che esisteva all’epoca.

Informazioni sull’autore:

Il Rav Reuven Tradburks ? il direttore di Maj?n Milton, il corso preparatorio in inglese per la conversione, un’associazione del Rabbinical Council of America (RCA) e Shavei Israel. Inoltre, ? il direttore della regione RCA-Israele. Prima della sua aliya, Rav Tradburks, ha lavorato per 10 anni come direttore della Vaad Harabonim Conversion Court di Toronto e come rabbino della congregazione a Toronto e negli Stati Uniti.