Una storia d’amore – L’identità di una famiglia anusim in Portogallo

Una storia d’amore – L’identità di una famiglia anusim in Portogallo

Nell’ovest del Portogallo, all’ombra dei Monti Bianchi, si trova la città portoghese di Belmonte, la “bella montagna”. Nel 1492 il centro storico assorbì molti degli esuli spagnoli, in seguito all’ordine di espulsione dei re di Spagna. Gli esuli triplicarono il numero degli ebrei in Portogallo. 600 famiglie ebree ricevettero un permesso di soggiorno permanente in cambio di un alto riscatto, e le altre ricevettero un permesso di soggiorno temporaneo e furono considerate “servi del re”.

Il matrimonio di re Manuele con la figlia dei re di Spagna la portò a chiedere l’espulsione anche degli ebrei dal Portogallo. Manuel rifiutò: gli ebrei che rimasero nel suo paese erano ricchi e istruiti, e avevano utili relazioni diplomatiche nel mondo e relazioni commerciali internazionali. Ma Isabella II fece pressioni su suo marito, e nel 1496 dichiarò che coloro che non si fossero convertiti al cristianesimo dovevano lasciare immediatamente il paese su navi fornite dal governo. Decine di migliaia di ebrei si sono radunati nelle piazze di Lisbona prima del viaggio, ma le navi non si sono presentate. Invece, vi fu tenuta una cerimonia di battesimo forzata dal capo della Chiesa Centrale di Lisbona e dai suoi rappresentanti, e fu emesso un nuovo ordine che vietava agli ebrei di lasciare il Portogallo.

La conversione forzata e radicale degli ebrei portoghesi al cristianesimo, a differenza del cosiddetto processo di cristianizzazione volontaria che gli ebrei di Spagna hanno attraversato, ha portato la maggior parte degli ebrei portoghesi a non abbracciare sinceramente il cristianesimo, ma a mantenere società segrete chiuse, all’interno delle quali hanno mantenuto segretamente il loro ebraismo come martiri. L’assimilazione degli ebrei portoghesi nella società non fu accolta positivamente dalla popolazione locale. Il sospetto religioso e la gelosia per i successi economici e l’alto status di molti ebrei nel governo e nelle professioni prestigiose, alimentarono l’odio popolare. Predicatori e predicatori hanno predicato contro i “Conversos” – i nuovi cristiani, e hanno impiccato su di loro tutte le squadre del Portogallo. E quando nel 1506 una pestilenza colpì Lisbona e il re fuggì dalla città, la folla incitata li massacrò. In seguito al massacro Manuele revocò il divieto di lasciare il Portogallo, ma la maggior parte dei convertiti aveva già scelto di rimanere cristiani nel regno. Una minoranza tenne segreto il proprio ebraismo nonostante la paura dell’Inquisizione, che dal 1536 operò in Portogallo e perseguitò a morte i convertiti tornati all’ebraismo.

Questo è lo sfondo della storia della comunità Anussim di Belmonte, nel libro di Hannah Toug. Al centro del libro ci sono le donne: nonna Gabriella-Sarah, figlia Miriam-Maria e nipote Isabel. Attraverso i loro occhi sperimentiamo lo speciale modo di vivere e di pensare dei marziani a Belmonte, anche alla fine del Novecento, dopo che la comunità fu esposta e restituita all’ebraismo, e fu istituita una sinagoga con un rabbino sefardita-ortodosso là.