13 parole e frasi essenziali in ladino

13 parole e frasi essenziali in ladino

di Shaked Karabelnicoff

Vedi articolo originale

Il ladino, noto anche come giudeo-spagnolo, è la lingua scritta e parlata degli ebrei originari della penisola iberica (Spagna e Portogallo). La lingua originariamente sviluppata dallo spagnolo medievale si fondeva con elementi dell’ebraico e dell’aramaico.

A differenza dello yiddish, non esiste ancora un corso di duolingo sul ladino. Si spera che un giorno le cose cambino, ha detto Alexandra Fellus, l’editore della rivista Ladino della Fratellanza Sefardita d’America. Fa parte del piccolo ma potente gruppo che lavora per mantenere viva la lingua secolare dei suoi antenati ebrei.

Abbiamo collaborato con Fellus, che gestisce l’account Instagram e il blog “Ladino with Lex”, per offrirti 13 parole e frasi ladino essenziali che tutti dovrebbero conoscere.

Ke haber?

Ke haber è un saluto ladino essenziale che si traduce in “cosa c’è di nuovo” o “come va?” È l’equivalente ladino dell’inglese, “come stai?”

Guay de mi

Guay de mi significa “oh mio” AKA la versione ladina di “oy!” È usato per esprimere frustrazione, simpatia o preoccupazione.
Ladino con consiglio Lex: Il “guay” si pronuncia come “perché” in inglese. Assicurati di inchiodare la pronuncia se vuoi sembrare un professionista!

Kerido

In ladino, Kerido è un vezzeggiativo che significa “amore mio”.

Mi alma/Mi vida

Mi alma e mi vida sono anche due termini affettuosi che significano “il mio cuore” e “la mia vita”. Sappiamo che chiamare una persona cara “la mia vita” potrebbe suonare un po’ forte in inglese. In ladino, queste frasi sono usate molto più regolarmente e non sono così intense. Un genitore potrebbe riferirsi al proprio figlio come mi vida, mi alma o kerido tanto quanto un partner romantico.

Ijo/Ija de ken sos tu?

Ijo (maschile) o ija (femminile) de ken sos tu è una frase che significa “sei figlio di chi?” Questo è qualcosa che diresti quando incontri qualcuno per la prima volta. In poche parole, questo è usato per riprodurre la geografia ebraica sefardita.

Echar Lashon

Echar lashon si traduce letteralmente in “gettare la lingua”. Un tempo significava chiacchiere o addirittura pettegolezzi: è fondamentalmente l’equivalente ladino di schmooze.

Kaminando kon buenos

Kaminando kon buenos significa “camminiamo con il bene” AKA circondati di brave persone. Consiglio abbastanza saggio.

Una grande bamia

In ladino, quando vuoi dire “oh no!” potresti dire es una grande bamya che letteralmente significa “è un grande gombo” — Sì, come il gombo vegetale. Questa frase è comunemente usata per significare “un grosso problema”. Non siamo sicuri di cosa avessero i madrelingua ladini contro gli okra.

Bendichas manos

Questo è importante se ti piace cucinare e mangiare. Bendichas manos si traduce letteralmente in “mani benedette”. Questa frase sefardita è usata per complimentarsi con qualcuno per la sua cucina. Ad esempio, se tua zia prepara i migliori boureka, potresti dirle che ha bendichas manos, soprattutto se vuoi che li faccia di nuovo.

Diremos bien para ke todo se aga bien

Questa frase ladina significa “diciamo che va tutto bene, perché tutto vada bene”. In altre parole, sii positivo se vuoi manifestare un risultato positivo. Una frase ottimista che tutti possiamo sostenere.

Si kere el dio

Si kere el dio significa “se Dio lo vuole” o più semplicemente “Dio vuole”. Soprattutto, questa frase è usata per proteggersi dal malocchio.

Nochada buona

In ladino, “buonanotte!”

Parshat Pinchas

Parshat Pinchas

Di Rav Reuven Tradburks

1° aliya (Bamidbar25:10-26:4)

Pinchas, figlio di Elazar, figlio di Aharon, fermò la peste. Meriterà il patto di pace, di sacerdozio. Quelli da lui uccisi furono Zimri, il principe di una famiglia di Shimon e Kozbi, la figlia di un principe di una famiglia di Madian. Dio ordina a Moshe ed Elazar di fare un censimento degli uomini di età superiore ai 20 anni.

La nostra parsha è la parsha della transizione. Aharon è morto. Elazar ha preso il suo posto. A Moshe viene detto che anche lui morirà prima dell’ingresso nella terra. Nominerà il suo successore. È in questo contesto che incontriamo l’uccisione di Pinchas di una coppia mista: un uomo ebreo e una donna madianita. E non un uomo e una donna qualsiasi; dignitari, capi delle rispettive famiglie. Pinchas salta nella breccia e li uccide.

Questa storia suona un campanello? C’è stata una storia nella Torah di una coppia mista, dignitari, un ebreo e un non ebreo? E dove qualcuno proprio non può tollerarlo e salta violentemente nella breccia uccidendo le persone? La storia dello stupro di Dina da parte del non ebreo Sichem. E nella breccia saltarono Shimon e Levi, uccidendo i maschi della città. Yaakov non era felice, perché quella non era la sua strada. Anche qui. 

Chi è Pinchas? Nipote di Aharon, discendente di Levi. Ma Aharon è l’emblema della pace. Guarda i meandri della leadership: Yaakov era favorevole alla pace mentre i suoi figli Shimon e Levi erano favorevoli all’azione violenta, sebbene di principio. Il pronipote di Levi, Aharon, era favorevole alla pace mentre suo nipote preferiva l’azione violenta sebbene di principio. Così è la vita. A volte i nipoti vanno a modo loro. Contrariamente all’eredità dei loro nonni. E questa è l’importanza cruciale di questa storia e di questo parsha. Transizione. Nuova leadership. A volte come il vecchio. E a volte no. Ma la leadership lo è.

2a aliya (26:5-51)

 Viene effettuato il censimento di ogni tribù, elencando le famiglie e il conteggio del censimento di ciascuna tribù. Il totale del censimento è di 601.730 uomini di età superiore ai 10 anni.

Sebbene il riassunto di questa aliya sia piuttosto conciso, in realtà è una lunga aliya di 47 versi. Lo scopo di questo conteggio è quello di preparare la divisione della terra, le cui istruzioni sono nella prossima aliya. Ma, in aggiunta, fa parte del dispiegarsi della transizione del potere. Questa storia è la ripetizione della storia del censimento fatto da Moshe e Aharon. La ripetizione di storie a Tanach indica spesso che la nuova generazione sta facendo un ottimo lavoro nel seguire le orme del vecchio. O non fare un buon lavoro. O fare un lavoro diverso, ma ugualmente eccellente. Ecco, ciò che era allora è identico a ciò che si fa ora. La differenza sta negli addetti al censimento: allora erano Moshe e Aharon, ora sono Moshe ed Elazar. Il ruolo di Elazar come nuovo leader Cohen sta mettendo radici.

3° aliya (26:52-27:5)

La Terra deve essere divisa secondo questo censimento; chi ne ha di più, riceve di più. La tribù di Levi è enumerata, anche se non riceveranno assegnazioni di terra. Nessuno di quelli del censimento di Moshe e Aharon è vivo per questo censimento, tranne Yehoshua e Calev. Le 5 figlie di Zelophchad interrogano Moshe ed Elazar: sebbene nostro padre abbia lasciato l’Egitto, non ha eredi maschi per entrare nel paese. Perché il suo nome dovrebbe essere dimenticato? Rivendichiamo la sua parte. Moshe ha portato la loro domanda davanti a D-o.

La pretesa di queste figlie è una pretesa legittima. Nella narrazione della transizione della leadership, Elazar sta ricevendo la sua prima lezione da Moshe: non lo sappiamo tutto. Niente di sbagliato con un leader, anche Moshe, che dice “Non lo so”.

4° aliya (27:6-23) 

A Moshe viene detto che le figlie di Tzelofchad hanno ragione; la parte del padre sarà loro assegnata. A Moshe viene detto di salire sulla montagna e scrutare la terra d’Israele perché non vi entrerà. Moshe chiede un successore. Dio gli ordina di trasferire la sua leadership a Yehoshua davanti a tutte le persone. Lo ha fatto davanti a Elazar e a tutta la gente.

Questo è un momento devastante per Moshe. La sua intera missione come leader è condurre il popolo nella terra promessa. Questo è ciò che gli è stato detto al roveto ardente; guida il Mio popolo alla terra. Sì, in questo momento di profonda delusione personale, pensa alla transizione. La missione è molto più grande dell’uomo. Se non sono io a guidarli, allora troviamone un altro.

Questo trasferimento di leadership, da Aharon a Elazar, da Moshe a Yehoshua, ci insegna 2 cose; sui leader e sul popolo ebraico. Se un leader è motivato dalla sua eredità, dalla sua realizzazione, quando gli viene detto che non raggiungerà il suo obiettivo, prenderebbe a calci e graffi per preservare i suoi obiettivi. Quando il leader è motivato dal servire il suo popolo, beh, allora è completamente diverso; le persone possono essere servite benissimo da me o da qualcun altro. Moshe non può permettere che la notizia della sua fine lo preoccupi. Il suo ruolo è guidare le persone. E se non lo farà, vuole assicurarsi che lo farà qualcun altro.

E Tla sua è una potente lezione sul popolo ebraico. Per quanto grandiosi siano Moshe, Aharon e Miriam, il popolo ebraico starà bene senza di loro. La transizione ce lo insegna; il popolo ebraico è molto più grande dei suoi capi. La promessa al popolo ebraico vivrà con nuovi leader.

5° aliya (28:1-15) 

Le offerte. Ci sono offerte specifiche per occasioni specifiche che sono il mio pane, il mio profumo gradevole. Giornaliero: 2 agnelli, uno al mattino, uno alla sera, accompagnati da farina con olio e vino. Come è stato portato al Sinai. Shabbat Mussaf: 2 agnelli in più con la loro farina, olio e vino. Rosh Chodesh Mussaf: 2 tori, 1 montone, 7 agnelli, con la loro farina, olio e vino e 1 capra come sacrificio per il peccato.

Ogni giorno c’è un’offerta fatta nel Tempio, l’offerta quotidiana di un agnello al mattino e al pomeriggio. Molto semplice. In occasioni speciali c’è un’offerta aggiuntiva, il Mussaf. Le occasioni speciali includono Shabbat, Rosh Chodesh e nel prossimo aliyot, tutte le festività dell’anno. Questa descrizione delle offerte di Mussaf viene letta in shul la maggior parte delle volte di qualsiasi lettura della Torah nel corso dell’anno. Viene letto per ogni Rosh Chodesh e come Maftir per ogni Yom Tov – 35 volte all’anno in Israele, 38 in chutz laaretz. Ho aggiunto un grafico alla fine di questo articolo – preso in prestito con un piccolo aggiustamento dall’Artscroll Chumash alla fine di questo Parsha. Noterai che lo Shabbat Mussaf è diverso da tutti gli altri. È semplicemente un doppio quotidiano; 2 agnelli. Niente tori, montoni o capre. Ti fa chiedere se l’affermazione talmudica che abbiamo un doppio neshama durante lo Shabbat e l’halacha che abbiamo 2 challot – è un’affermazione aggadica, un tocco midrashico o sta semplicemente estendendo ciò che dice la Torah stessa? Il Mussaf è un doppio. Così anche la nostra anima doppia. Così come il nostro godimento, il nostro challa, raddoppia.

6° aliya (28:16-29:11) 

Pesach è il 14 del 1° mese. Il 15 inizia la vacanza di 7 giorni di Matza. Il primo giorno è una vacanza. Il Mussaf per ogni giorno di Pesach: 2 giovenchi, 1 montone, 7 agnelli, con la loro farina, olio e vino e 1 capro per il sacrificio per il peccato. Il 7° giorno è un giorno festivo. Shavuot: viene portata la nuova offerta di cereali. Mussaf: come Pesach. Rosh Hashana: è una festa, un giorno di Teruah. Mussaf: uguale agli altri tranne 1 solo toro, non 2. Yom Kippur: è una festa, un giorno di afflizione. Mussaf: come Rosh Hashana.

Il tamid quotidiano e le offerte di Mussaf sono comuni; portato a nome dell’intera nazione d’Israele. Non ci sarebbe mai un annuncio nel Mikdash che il Mussaf di oggi è sponsorizzato da Sarah Cohen in onore del bat mitzvah di sua nipote. Non posso farlo. La nozione di approccio comunitario a D-o può spiegare l’anomalia del posizionamento di questa sezione. Non avevamo una descrizione abbastanza esauriente dei sacrifici nel Sefer Vayikra? Perché questa sezione sui sacrifici è fuori luogo, rimandata fino a qui? Perché si inserisce nel flusso tematico della fine di Bamidbar. Bamidbar è la marcia nazionale verso la Terra. Ma la vita ebraica e la società ebraica sono sia personali che comunitarie. Perseguiamo Dio personalmente. Facciamo la nostra mitzvoth. E occuperemo un posto particolare nella terra d’Israele; il nostro piccolo appezzamento di terreno che abbiamo appena descritto nell’aliyot precedente. Ma, inoltre, siamo parte di questo popolo. Come popolo abbiamo una relazione unica con D-o; e Lui con noi. Parte della terribile delusione per la strisciante alienazione degli ebrei da Israele a cui stiamo assistendo nel nostro tempo è la completa dissipazione del senso di essere parte di un popolo, un legame con il destino del popolo. Questo è ciò che è simboleggiato dalle offerte comuni.

7° aliya (29:12-30:1) 

Sukkot: il primo giorno è festivo. Mussaf: 13 giovenchi, 2 arieti, 7 agnelli con la loro farina, olio e vino e 1 capra per il peccato. Il 2° giorno di vacanza ha lo stesso Mussaf tranne solo 12 tori. Il 3° giorno è di 11 tori. Ciascuno dei 7 giorni ha un toro in meno, con tutte le altre offerte uguali. Shemini Atseret: è una vacanza. Mussaf: lo stesso di Rosh Hashana e Yom Kippur.

Immediatamente evidenti da questo grafico sono i raggruppamenti: Pesach e Shavuot, l’unicità delle offerte extra di Sukkot e l’abbinamento di Rosh Hashana e Yom Kippur e, stranamente, Shmini Atseret.

BNEI MENASHE (RI)SPOSARSI IN ABBIGLIAMENTO TRADIZIONALE

BNEI MENASHE (RI)SPOSARSI IN ABBIGLIAMENTO TRADIZIONALE

Dopo la loro aliyah in Israele in ottobre e la conversione formale all’ebraismo, sei coppie Bnei Menashe che erano già sposate in India hanno la possibilità di passare di nuovo sotto la chuppah in una “seconda” cerimonia di matrimonio secondo la legge ebraica nel nostro centro di assorbimento a Goren.

Di solito le donne Bnei Menashe a queste cerimonie scelgono di indossare uno dei tanti bellissimi abiti da sposa che procuriamo per loro, vestendosi nel modo “occidentale” a cui gran parte del mondo è abituato. Tuttavia, questa volta, tutte e sei le coppie, sia gli uomini che le donne, hanno scelto di indossare il costume tradizionale dei Bnei Menashe. I Bnei Menashe, mentre si vestono alla maniera tipica occidentale, hanno anche numerosi articoli di propria progettazione e realizzazione, in particolare i tessuti che realizzano. Gonne, gilet e altri indumenti sono realizzati con questi tessuti speciali, ciascuno con uno degli oltre 50 modelli unici, simbolici di una diversa famiglia o “tribù”. Ecco alcune immagini dei matrimoni. Guarda quanti diversi di questi tessuti riesci a individuare.

Ecco alcune foto dei matrimoni. Guarda quanti di questi diversi tessuti riesci a riconoscere!

UN MATRIMONIO ISRAELIANO (IN STILE) IN COLOMBIA

Siamo sempre felici di vedere come le nostre comunità crescono e diventano più forti. Un matrimonio all’interno della comunità è un grande esempio di questo e siamo molto orgogliosi, oltre che felici per la nuova coppia.

Quando Hillel David, della comunità di Beit Hillel a Bogotà, e Keyla Yehudit, della comunità di Bucaramanga, hanno annunciato il loro fidanzamento, è stato molto emozionante e naturalmente ha portato grande gioia alle loro famiglie, alla comunità e a noi. Tuttavia, vedendo le bellissime fotografie e i video della celebrazione, siamo rimasti sorpresi di vedere un matrimonio in stile israeliano, compresa la musica!

Il matrimonio è stato officiato da Rav Shimon Yechua, emissario di Shavei Israel in Colombia, che ci ha detto: “Mi sono sentito molto felice di vedere Hillel sposato. Conosco Hillel da oltre sette anni, dall’inizio dei miei giorni come rabbino in Colombia. L’ho visto crescere nei suoi sforzi e nella sua vita spirituale. Ora i miei auguri per Hillel e Keyla sono che costruiscano una casa insieme con amore, pace, gioia e abbondanti benedizioni”.

Amen a quello! ! Mazal tov!

DA SAN SALVADOR AL BRITH MILA- A SABRA

DA SAN SALVADOR AL BRITH MILA- A SABRA

Efrat e Chaim Menjivar, i nostri studenti di Machon Miriam, hanno condiviso con noi la loro grande gioia di celebrare il brit milà del suo primo figlio, un bechor Netanel Meir.
Hanno recentemente terminato il processo di conversione e abbiamo avuto il piacere di vedere il loro processo crescere in eretz Israel. Da quando sono venuti da San Salvador, quasi due anni fa siamo stati con loro passo dopo passo.

Chaim ha detto: La verità Hashem ci ha fatto vivere una storia incredibile dall’inizio del nostro processo, poi l’aliyà e ora il bambino… Netanel. Sentiamo davvero la divina provvidenza nella nostra vita.

Hashem ci ha dato persone che ci hanno aiutato così tanto… E per le quali siamo così grati e Shavei Israel è parte di tutto questo. Sono molto felice… E come pensi che ti sia grato per averci aiutato durante questo processo!

All’evento hanno partecipato anche membri della comunità di El Salvador che hanno fatto l’aliyà negli ultimi anni. Rav Eliahu Franco, il nostro amico e precedente presidente della comunità in El Salvador, ha l’onore di essere un sandak.

Sono un esempio da seguire e cogliamo l’occasione per congratularci con loro, per il loro impegno, la loro forza e la loro fede in Hashem!

Auguriamo loro di continuare così, perché Chaim, il pilastro della sua nuova famiglia, continui a studiare la Torah come fa, che Hashem li benedica ancora di più.

Salva gli ebrei subbotnik russi

Salva gli ebrei subbotnik russi

Michael Freund

Sebbene numeri indicibili si siano trasferiti in Israele nell’ultimo secolo senza problemi, all’inizio degli anni 2000 sono sorti ostacoli burocratici inspiegabili e da allora la loro immigrazione è stata bloccata.

Negli ultimi 15 anni, centinaia di ebrei subbotnik nel villaggio di Vysoky, nel sud della Russia, hanno languito nel limbo, aspettando con ansia l’opportunità di fare l’aliya e riunirsi ai loro cari nello Stato ebraico. Sebbene numeri indicibili si siano trasferiti in Israele nell’ultimo secolo senza problemi, all’inizio degli anni 2000 sono sorti ostacoli burocratici inspiegabili e da allora la loro immigrazione è stata bloccata. Con l’insediamento di un nuovo governo israeliano, è giunto il momento di rimuovere gli ostacoli sul loro cammino e salvare gli ebrei subbotnik russi prima che sia troppo tardi.

Gli ebrei SUBBOTNIK non devono essere confusi con i “Subbotnik”, un gruppo completamente separato di cristiani russi che hanno scelto di osservare lo Shabbat. La storia degli ebrei subbotnik, come gran parte della storia ebraica è piena di fede e determinazione, ma anche scandita da terribili sofferenze e tragedie. Le origini degli ebrei subbotnik risalgono alla fine del XVIII e all’inizio del XIX secolo, quando le sette giudaiche sorsero nella Russia meridionale per ragioni che gli studiosi hanno faticato a spiegare. Secondo gli archivi zaristi e i documenti della chiesa russa dell’epoca, il movimento si diffuse rapidamente e crebbe fino a raggiungere il numero delle decine di migliaia.

Pur rimanendo cristiani, molti aderenti assunsero alcune pratiche ebraiche, come osservare il “Subbot”, o sabato, il sabato, portandoli ad essere indicati come “Subbotnik”.Tra questi, tuttavia, c’era un piccolo gruppo che lasciò la fede ortodossa russa e subì la conversione all’ebraismo. Riferendosi a se stessi come ai “Gerim”, usando la parola ebraica per convertiti, iniziarono a praticare apertamente l’ebraismo, che nella Russia zarista non fu un’impresa da poco. Gli ebrei subbotnik osservavano la legge ebraica, sposavano ebrei ashkenaziti russi nella città di Voronezh, e alcuni mandavano i loro figli a studiare in yeshivot in Lituania e Ucraina. Il loro abbraccio all’ebraismo non passa inosservato, e il regime russo perse poco tempo nel tentativo di distruggere il movimento. Secondo il compianto Simon Dubnow, il grande storico dell’ebraismo russo e polacco, lo zar Alessandro I venne a conoscenza dell’esistenza degli ebrei subbotnik nel 1817, quando gli chiesero di lamentarsi dell’antisemitismo che stavano soffrendo “a causa della loro confessione della legge di Mosè”.

Piuttosto che proteggere i suoi sudditi, lo zar scelse di perseguitarli. Emise una serie di crudeli decreti contro gli ebrei subbotnik, che includevano il rapimento dei loro figli, e che culminarono nella loro deportazione nelle estremità della Siberia orientale. Nel corso del tempo, molti migrarono indietro, stabilendosi di nuovo nella Russia meridionale o in Ucraina mentre cercavano valorosamente di preservare la loro identità di fronte all’oppressione zarista e successivamente sovietica. Negli anni ’20, il sesto Rebbe Lubavitcher, Rabbi Yosef Yitzchak Schneersohn, inviò un emissario di nome Rabbi Chaim Lieberman a vivere e lavorare con la comunità. Fondò un mattatoio kosher e una fabbrica di tallit, o scialle da preghiera, che era presidiata dagli ebrei subbotnik e che ha gestito le comunità ebraiche in tutta la Russia. Operarono fino a quando Lieberman fu arrestato e assassinato dai comunisti nel 1937 per la sua promozione dell’ebraismo. Quando i tedeschi invasero l’Unione Sovietica durante la seconda guerra mondiale uccisero molti ebrei subbotnik a causa della loro ebraismo.

Successivamente, nei giorni bui della Russia stalinista, gli ebrei subbotnik affrontarono l’oppressione e la persecuzione a causa della loro ostinata insistenza nel rimanere fedeli all’ebraismo.Figure di spicco nella storia moderna della nostra nazione, come il capo di stato maggiore delle IDF Rafael Eitan e il leggendario Alexander Zaid, un pioniere della Seconda Aliyah, che fondò Hashomer, un gruppo di autodifesa ebraico, un secolo fa, erano di origine ebraica subbotnik. Così come Yossi Korakin, leggendario comandante dell’unità navale israeliana Shayetet 13, deceduto durante un’operazione antiterrorismo contro Hezbollah in Libano nel settembre 1997.Decenni di comunismo sovietico hanno avuto un pesante tributo, e negli ultimi anni un numero crescente di ebrei subbotnik ha purtroppo ceduto all’assimilazione e al matrimoni matrimoni, rappresentando una minaccia per il loro futuro di ebrei.

Ecco perché è così essenziale che Israele si muova rapidamente per permettere ai rimanenti ebrei subbotnik di fare l’aliya.Prima del 2005, centinaia di ebrei subbotnik del villaggio di Vysoky, nel sud della Russia, si trasferirono in Israele, mentre migliaia di persone provenienti da altre parti dell’ex Unione Sovietica arrivarono durante la grande ondata di aliya dalla Russia che ebbe luogo durante gli anni ’90.Quando l’aliya degli ebrei subbotnik è stata fermata nel 2005, ha causato loro grandi difficoltà, dividendo le famiglie e inviando un messaggio a coloro che sono ancora in Russia che non erano davvero i benvenuti nello Stato ebraico.Il risultato fu che centinaia di ebrei subbotnik nel villaggio di Vysoky si ritrovarono lasciati indietro.Il trattamento riservato loro è stato semplicemente imperdonabile. Non c’è motivo per cui dovrebbe essere così difficile per loro fare l’aliya e tornare al popolo ebraico.

Infatti, in un recente articolo su Tchumin, un giornale halakhico, Rabbi Pinchas Goldschmidt, il rabbino capo di Mosca, pubblicò un lungo e meticolosamente studiato studio degli ebrei subbotnik. La sua conclusione è che “non possiamo distogliere lo sguardo da questa comunità e lasciarli al loro destino”. In questo modo, scrive, è probabile che li portino a perdersi a causa del popolo ebraico nel giro di pochi anni. C’è, conclude Goldschmidt, “una grande base per giudicarli convertiti kosher”, e quindi dovrebbero essere portati sull’aliya in Israele, dove possono subire un ulteriore processo per rimuovere eventuali dubbi sul loro status ebraico.Anche questa è stata la posizione assunta di recente da Rabbi Asher Weiss, uno dei più importanti haredi decisori della legge ebraica.Alla luce di ciò, chiedo al Primo Ministro e al governo israeliano di agire immediatamente per portare gli ebrei subbotnik rimasti sull’aliya. Il tempo è essenziale.Gli ebrei subbotnik si aggrapparono coraggiosamente alla loro ebraismo per due secoli, sopravvivendo all’oppressione zarista, alla persecuzione nazista e alla tirannia sovietica. Abbiamo il dovere nei confronti loro e dei loro antenati di ridurre la burocrazia e consentire loro di tornare finalmente a casa.


Michael Freund è fondatore e presidente di Shavei Israel (www.shavei.org), che assiste le tribù perdute e altre comunità ebraiche lontane a tornare al popolo ebraico.

GUATEMALA: TORNA IN SINAGOGA PER LA PRIMA VOLTA DOPO COVID

GUATEMALA: TORNA IN SINAGOGA PER LA PRIMA VOLTA DOPO COVID

Momento emozionante a Shaarei HaShamaim, la nostra comunità a Città del Guatemala, Guatemala. A causa di Covid-19, è il primo “minyan” (raduno di preghiera della comunità) da marzo 2020! Ma è ancora più significativo di così… I membri della comunità si sono recentemente convertiti formalmente all’ebraismo. Quindi è letteralmente la prima volta che sono stati in grado di pregare insieme in un minyan formale in assoluto.

Il nostro rappresentante in Guatemala, che è anche presidente della comunità Shaar HaShamaim, Abraham Fernando Flores, è stato entusiasta di condividere le foto con noi. “Siamo così felici di essere di nuovo insieme, sentendoci come la comunità che siamo!”

Siamo contenti anche per loro. Possano continuare a crescere come comunità e nella loro conoscenza, fede e impegno.

17 coppie immigrate di recente dall’India si sposano in Israele

17 coppie immigrate di recente dall’India si sposano in Israele

Prima della cerimonia, hanno completato la loro conversione formale all’ebraismo da parte del Gran Rabbinato.

Un gruppo di coppie Bnei Menashe che sono immigrate di recente in Israele si è risposato mercoledì in una cerimonia condivisa in Israele, che è il maggior numero di coppie di quel gruppo che si sposano contemporaneamente.
Insieme a Shavei Israel, un’organizzazione che incoraggia gli ebrei della diaspora a rafforzare il loro legame con Israele e il popolo ebraico, le coppie si sono risposate nel loro centro di accoglienza nel villaggio giovanile di Ayanot, nel centro di Israele.

Prima della cerimonia, hanno completato la loro conversione formale all’ebraismo da parte del Gran Rabbinato.
Alcuni di questi immigrati indiani hanno aspettato anni prima di potersi trasferire in Israele. Sono stati finalmente in grado di fare la mossa con l’aiuto di Shavei Israel e del ministro dell’Aliyah e dell’Integrazione e della deputata blu e bianca Pnina Tamano Shata.

“Per generazioni, i governi israeliani si sono impegnati a incoraggiare e assorbire l’immigrazione da tutto il mondo e hanno alzato lo striscione per aiutare il maggior numero possibile di immigrati che stanno affrontando problemi nel processo di immigrazione in Israele”, ha detto Shata. Tutte le coppie hanno intenzione di stabilirsi nella città di Nof HaGalil, nel nord del Paese.

Qui condividiamo bellissime foto.

MATRIMONIO EBRAICO

SHAVUOT 5781

SHAVUOT 5781

Shavuot – La festa del dono della Torah
La parola Shavuot significa “settimane”. Celebra il completamento del periodo di conteggio di sette settimane dell’Omer tra la Pasqua ebraica e Shavuot.

La Torah fu data da Dio al popolo ebraico sul Monte Sinai a Shavuot più di 3.300 anni fa. Ogni anno, durante la festa di Shavuot rinnoviamo la nostra accettazione del dono della Torah sul monte Sinai. Il dono della Torah è stato un evento spirituale di vasta portata, che ha toccato l’essenza dell’anima ebraica per tutti i tempi. I nostri saggi l’hanno paragonato a un matrimonio tra Dio e il popolo ebraico. Shavuot significa anche “giuramenti”, poiché in questo giorno Dio ci ha giurato devozione eterna e noi a nostra volta Gli abbiamo promesso lealtà eterna. Scopri di più sul dono della Torah e su cosa significa per noi oggi. Come si celebra Shavuot?
Donne e ragazze accendono due candele per inaugurare la festa.
È consuetudine rimanere svegli tutta la notte per imparare la Torah la prima notte di Shavuot.
Tutti gli uomini, le donne e i bambini dovrebbero andare alla sinagoga per ascoltare la lettura dei Dieci Comandamenti il ​​primo giorno di Shavuot.
Come nelle altre festività, vengono consumati pasti speciali e non si può svolgere alcun “lavoro”. consuetudine mangiare latticini a Shavuot. Motivi per cui mangiamo latticini a Shavuot
Ci sono una serie di ragioni per questa usanza. Eccone alcuni:

Durante la festa di Shavuot, nel tempio veniva portata un’offerta di pane a due pagnotte . Per commemorare questo, mangiamo due pasti a Shavuot: prima un pasto a base di latticini e poi, dopo una breve pausa, mangiamo il tradizionale pasto di carne festivo.
Con la consegna della Torah , gli ebrei furono obbligati a osservare le leggi kosher . Poiché la Torah veniva data durante lo Shabbat , nessun bestiame poteva essere macellato né gli utensili potevano essere kasher, e così quel giorno mangiarono latticini. Ulteriori informazioni sul processo kosher.
La Torah è paragonata al latte nutriente. Inoltre, la parola ebraica per latte è chalav , e quando i valori numerici di ciascuna delle lettere nella parola chalav vengono sommati, 8 + 30 + 2, il totale è quaranta. Quaranta è il numero di giorni che Mosè trascorse sul monte Sinai quando ricevette la Torah.
Quando Mosè ascese al Monte Sinai, gli angeli esortarono Dio a riconsiderare la Sua decisione di dare la Sua preziosissima Torah agli esseri terreni. “Concedi la tua maestà ai cieli. . . Che cos’è l’uomo che dovresti ricordarti di lui e il figlio dell’uomo che dovresti ricordarlo? ” ( Salmi 8: 5 -7). Uno dei motivi per cui la richiesta degli angeli è rimasta inascoltata è a causa della meticolosa aderenza degli ebrei alle leggi della Torah, comprese le leggi kosher . Non così gli angeli, che durante la visita ad Abramo consumavano burro e latte insieme alla carne ( Genesi 18: 8) . A Shavuot mangiamo quindi latticini e poi facciamo una pausa prima di mangiare carne, per dimostrare il nostro impegno in questo mitzvah . Durante il pasto festivo, è anche opportuno bere vino, che contribuisce al carattere festoso del pasto.

Album Shavuot in tutto il mondo 5781

UN DOLCE ANNO NUOVO PER LE NOSTRE COMUNIT? IN SUD AMERICA

UN DOLCE ANNO NUOVO PER LE NOSTRE COMUNIT? IN SUD AMERICA

Le nostre comunit? in tutto il Sud America hanno appena celebrato Rosh Hashana, insieme al resto del mondo ebraico. In Colombia, il nostro emissario Rabbi Shimon Yehoshua ha organizzato regali alimentari e pacchetti per le persone che attraversano momenti difficili durante la pandemia di coronavirus.

In Cile, il nostro emissario Rabbi Israel Latapiat e le famiglie erano cos? eccitati per la vacanza che erano pronti prima che iniziasse e hanno condiviso queste belle foto.

Stiamo facendo tutto il possibile per fornire il sostegno e l’incoraggiamento necessari in questi tempi difficili della pandemia per le nostre preziose comunit? in tutto il mondo. Unisciti a noi in questa importante causa!