La Biblioteca Nazionale ha trovato un raro testo del 18° secolo che descrive in dettaglio l’Inquisizione portoghese, un manoscritto vecchio di secoli, che racconta più di 100 anni di udienze e brutali esecuzioni di individui accusati di praticare l’ebraismo e altri “peccati”, è ora digitalizzato online
Di MICHAEL HOROVITZ

Un documento del 18° secolo che descrive in dettaglio le attività dell’Inquisizione portoghese, che puniva le persone per aver sostenuto le tradizioni ebraiche e aver commesso altre trasgressioni, è stato trovato dalla Biblioteca Nazionale di Israele e messo a disposizione online, ha annunciato la biblioteca.
Mercoledì l’Archivio centrale per la storia del popolo ebraico della biblioteca ha pubblicizzato il documento di 60 pagine scritto in portoghese, che racconta principalmente udienze pubbliche ed esecuzioni avvenute tra il 1540 e il 1669, la maggior parte delle quali a Lisbona chiamate autos-da-fé, che sono stati realizzati dalla Chiesa cattolica. Il manoscritto è stato ritrovato negli archivi della biblioteca. Le vittime dettagliate nei documenti erano per lo più cristiani convertiti di recente accusati di mantenere le loro usanze ebraiche, ma includevano anche “vecchi cristiani” ritenuti colpevoli di aver commesso atti di “sodomia, bigamia, possesso di libri proibiti e sacrilegio”, la dichiarazione della biblioteca disse.

Continua a leggere l’articolo

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.