Parashat Vayechì

Vayechi significa vita, ma la parshà inizia parlando di morte e finisce con la morte. Yaakov chiede di essere sepolto in Israele. Yosef giura che lo farà. Yaakov eleva i suoi nipoti, Ephraim e Menashe, ad essere uguali ai suoi figli come tribù che stabiliscono la terra d’Israele. Benedice Efraim e Menashe. Yaakov chiama tutti i suoi figli e li benedice. Yaakov muore. È sepolto con grande onore a Maarat HaMachpela. I fratelli temono che ora Yosef si vendichi. Yosef li rassicura. Yosef chiede di essere sepolto in Israele al ritorno del popolo ebraico. Muore e viene deposto in una bara in Egitto. L’amato libro di Breishit è concluso.

1st Aliya (47:28-48:9)

Yaakov chiede a Yosef di giurare che non lo seppellirà in Egitto ma piuttosto con i suoi antenati. Yaakov si ammala. Dice a Yosef che D-o gli è apparso nella Terra d’Israele; gli fu detto che i suoi discendenti avrebbero avuto un dominio permanente nella terra d’Israele. Efraim e Menashe saranno trattati come tribù uguali nel dividere il paese. Rachel è morta durante il viaggio verso la terra e l’ho seppellita lì.

Il popolo ebraico è sistemato in Egitto. Ed è proprio questo il tema di questo parsha. Yaakov sta combattendo, spingendo, perseverando su un tema; questa non è casa. Tutto ciò di cui parla è la terra d’Israele: non seppellitemi in Egitto, Efraim e Menashe saranno uguali nel dividere la terra, possano prosperare nella terra (di Israele); benedice i figli sottolineando la loro posizione nella terra.

Yaakov insiste: siamo qui ma ci saremo.

In effetti, se avessi scelto da dove iniziare questo parsha, avrei eseguito il backup di un verso. (Anche se la parola “Vayechi” suona bene). L’ultimo versetto del parsha della scorsa settimana è: Yisrael dimorò nella terra d’Egitto, Gosen, la tenne e fu estremamente prospera.

Questo è esattamente lo stesso verso (quasi) dell’inizio di Vayeshev. Lì, Yaakov voleva stabilirsi, mettere radici, costruire una nazione in Israele. Ora, eccolo che sta facendo esattamente questo; assestarsi, mettere radici. Ma nel posto sbagliato; in Egitto, non in Israele.

Perché Yaakov menziona che Rachel è morta improvvisamente ed è stata sepolta sulla strada per Beit Lechem? Forse questo è un momento tenero di padre e figlio. Sta parlando con Yosef. “Yosef, hai perso tua madre tragicamente, all’improvviso. Rachel, mia cara moglie. Tua madre. Tu, così giovane, è stato tutto così improvviso, non hai avuto la possibilità di seppellire tua madre nel modo in cui ti sto chiedendo di seppellire me. Io e te abbiamo condiviso quel tragico momento. Ora è così diverso. io anziano. Tu, un uomo adulto, di grande successo. Forse avremmo avuto più figli. In sua memoria, in suo onore, i tuoi 2 figli prendono il loro posto come miei figli a pieno titolo, per riempire il vuoto che avrebbe potuto essere.”

Un momento malinconico, tenero, condiviso, tra istruzioni di portata nazionale.

2° Aliya (48:10-16)

Yaakov non può vedere. Abbraccia e bacia Efraim e Menashe. Yaakov pone la mano destra su Efraim, il minore; mano sinistra su Menashe il più anziano. D-o davanti al quale camminarono i miei antenati e che mi protesse, benedici questi. E possano crescere nel paese.

Non puoi non sentire gli echi del padre di Yaakov, Yitzchak: cieco, ha dato la bracha al più giovane, non al più vecchio. Ma qui Yaakov non ne benedice uno solo. Benedice entrambi con lo stesso bracha. Questo cambia tutto. L’era di “uno è dentro e uno è fuori” è finita. Tutti fanno parte del popolo ebraico. E questi sono i nipoti. Nipoti significa lungo termine, futuro, eredità, tutti i figli.

3° Aliya (48:17-22)

A Yosef non piace il passaggio di mano. Corregge Yaakov. Yaakov esita. Entrambi saranno fantastici, anche se il più giovane sarà maggiore. Li benedisse entrambi: gli ebrei benediranno con “Possa D-o farti come Efraim e Menashe”.

Yosef soffriva del favoritismo di suo padre. Non vuole lo stesso per i suoi figli. Ma Yaakov insiste. Perché c’è differenza tra esclusione e distinzione. Yaakov non esclude nessuno. Entrambi sono dentro. Entrambi sono benedetti. Gli ebrei in futuro benediranno sia Efraim che Menashe. Ma Yaakov dice a Yosef: mentre d’ora in poi tutti gli ebrei fanno parte del popolo ebraico, mentre tutti sono dentro, non sono identici. Alcuni saranno più grandi, altri meno grandi.

4° Aliya (49:1-19)

Yaakov chiama i suoi figli per dire loro cosa accadrà con loro. Si rivolge a loro individualmente. Reuven, il mio primogenito. Shimon e Levi, a causa della tua ira, non associano il mio onore. Yehuda, hai salvato mio figlio dalla distruzione; l’autorità non si allontanerà da te. Zvulun abiterà sulla costa. Yissachar è un potente lavoratore; vedrà la bontà e la bellezza della terra. Dan, il giudice della nazione. D-o, aspettiamo la tua salvezza.

Manca una parola al discorso di Yaakov a ciascuno dei suoi figli: D-o. La Torah non dice che benedice i suoi figli. Le benedizioni provengono da D-o. Yitzchak benedisse suo figlio: Possa D-o darti la rugiada dei cieli… Anche Yaakov stesso ha appena benedetto Efraim e Menashe: Possa D-o davanti al quale camminarono i miei antenati benedica questi giovani. E Yaakov ha detto a Y

osef il popolo ebraico benedirà: Possa D-o benedirti come Efraim e Menashe.

Le benedizioni provengono da D-o. Perché Yaakov non menziona nemmeno una volta il nome di D-o nel suo indirizzo ai suoi figli? Perché non li sta benedicendo. Li sta descrivendo. Sta sottolineando loro, mentre sta per morire, che il loro posto non è in Egitto. Il loro posto è nella terra d’Israele. E ci arriveranno, con tutti i loro svariati talenti. Per costruire una nazione. Una nazione ha bisogno di leader, marina mercantile, agricoltura laboriosa, giustizia. Yaakov sta infatti affermando ai suoi figli come sarà lo stato del popolo ebraico nella terra d’Israele. Sarete tutti inclusi perché serviranno tutti i vostri talenti. E siete tutti diversi ed essenziali.

5° Aliya (49:20-26)

Il discorso di Yaakov a ciascun figlio continua. Gad, legionario. Asher, pane e prelibatezze. Naftali, un messaggero veloce. Yosef ha avuto delle avversità, ma con l’aiuto di D-o ha prevalso ed è stato enormemente benedetto.

Con la descrizione di Binyamin nella prossima aliya, le descrizioni sono complete. La nazione ebraica sarà edificata nella terra d’Israele grazie a tutti voi. Nessuno è fuori, tutti sono dentro. Sarà una nazione di agricoltura, esercito, leadership, taglie, giustizia, commercio e commercio. Sarà una nazione colorata, diversificata e di successo.

Yaakov sta guidando duro, combattendo, perseverando nel suo messaggio: siamo qui in Egitto solo temporaneamente. La terra d’Israele è dove saremo.

6° Aliya (49:27-50:20)

La fine di Yaakov è vicina. Ordina ai suoi figli di seppellirlo a Maarat Hamachpela, descrivendo in dettaglio l’acquisizione da parte di Avraham e la sepoltura lì di tutti gli avot e imahot. Yaakov muore. Yosef ottiene da Paro il permesso di seppellire Yaakov in Israele. Una grande processione accompagna la sua sepoltura. Al ritorno in Egitto, i fratelli dicono a Yosef che Yaakov ha comandato loro di dire a Yosef di sopportare il peccato commesso da loro. Yosef piange sentendo questo.

L’entourage di sepoltura di Yaakov è pieno di onore e rispetto per lui. Il popolo ebraico si è guadagnato una grande fama. Allo stesso tempo, la fine del libro di Breishit trova il popolo ebraico stanziato in Egitto, senza una fine in vista.

7° Aliya (50:21-26)

Yosef ribatte che D-o li ha portati in Egitto in modo che possano sopravvivere. Yosef vede i suoi pronipoti in Egitto. Yosef fa promettere ai fratelli di portare le sue ossa in Israele quando saranno redenti.

Yosef è sia generoso che pio: tu, i miei fratelli non mi hai venduto qui. Piuttosto, era il piano di D-o salvare la nostra gente, mettendomi nella posizione di salvarvi tutti. Questo è sia generoso con i suoi fratelli che pio nel vedere la Mano di D-o salvare le persone.

L’unico problema è che ha torto.

One thought on “Parashat Vayechì

  • December 16, 2021 at 5:09 pm
    Permalink

    L’unico problema è che ha torto.
    In cosa consisterebbe il torto imputato a Yosef?

    Ringrazio anticipatamente per la risposta.
    Mazel Tov!

    Reply

Leave a Reply to gianni tagliani Cancel reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.