Parashat Noach

Parshat Noach descrive: la distruzione del mondo attraverso il Diluvio, Noè e la sua famiglia, la storia della Torre di Babele e l’introduzione della famiglia di Avraham.

Le prime 2 parshiot nella nostra Torah, Breishit e Noach, sono essenzialmente storie di creazione parallele, o più precisamente una creazione e una ricreazione. Tuttavia, le lezioni da trarre non sono nei paralleli ma nelle differenze. Cosa c’è di diverso in questa ricreazione? Cosa comunica D-o a Noè che non ha comunicato ad Adamo?

1° Aliya (6:9-22)

Noè è giusto, mentre il mondo è pieno di malvagità. Noè è incaricato di costruire un’Arca, perché mentre D-o deve distruggere tutti gli esseri viventi, stabilisce un patto con Noè per salvarlo. Noè, la sua famiglia, 2 di ogni animale e il cibo devono essere portati nell’Arca. L’aliya termina con “Noè ha fatto tutto ciò che D-o ha comandato”.

Il mondo sarà distrutto con l’acqua. La Torah descrive nel secondo verso della Torah, che la prima cosa che esisteva nel mondo era l’acqua: “Lo spirito di D-o aleggiava sulle acque”. Se vuoi indicare che il mondo si sta riavviando, sta ricominciando, coprilo d’acqua, come se fosse “In the Beginning”.

C’è una descrizione dettagliata delle dimensioni dell’Arca, mentre non c’è quasi nessuna descrizione del male dell’uomo che sta causando la distruzione del mondo. La Torah è più interessata alla ricreazione che alla storia del fallimento dell’uomo. Il titolo della storia del Diluvio non è la distruzione del mondo, ma la ricreazione del mondo.

2° Aliya (7:1-16)

Noè è di nuovo descritto come giusto. Porta nell’Arca 7 di ogni animale puro, 2 di quello impuro e tutti gli uccelli. Noè aveva 600 anni e fece entrare la sua famiglia nell’Arca. L’acqua delle sorgenti degli abissi fu liberata e le riserve d’acqua di sopra furono ha aperto. Tutti entrarono nell’Arca, come Dio aveva comandato a Noè.

Entrambe le aliyot iniziarono con la giustizia di Noè e finirono con lui che fece come D-o comandò. In una parola, la giustizia è definita.

L’acqua inonda il mondo dal basso e dall’alto. Abbiamo già visto l’acqua sotto e sopra: nella Creazione, cap. 1:6, D-o separò tra le acque sopra e sotto e fece i cieli in mezzo. Là separò le acque; qui sta rilasciando tutta l’acqua, capovolgendo la Creazione.

3° Aliya (7:17-8:14)

Il Diluvio copre la terra. Tutti gli esseri viventi muoiono, tranne Noè e tutto ciò che è nell’Arca. D-o ricorda Noè. Le acque si ritirano. L’Arca si ferma sul Monte Ararat. Noah manda fuori il corvo. Allora Noè manda la colomba a vedere se l’acqua si è ritirata abbastanza da rendere la terra abitabile. Ritorna perché non ha trovato un posto dove riposare. Dopo 7 giorni viene mandata di nuovo fuori e torna con un ramoscello d’ulivo. La terza volta che viene mandata fuori, non torna. Noè rimuove la copertura e vede che c’è terraferma.
Ci sono molti dettagli sull’acqua e sul tempo. L’acqua che sale, l’acqua che si ritira, quanti giorni ha piovuto, quanti giorni ci sono voluti per ritirarsi. Ciò è in contrasto con la creazione iniziale del mondo. Nella creazione, ogni cosa creata è avvenuta immediatamente, ogni giorno nitido e definito. E dopo 6 giorni, la creazione cessò. In questa ricreazione, la copertura del mondo con l’acqua richiedeva tempo; il ritiro dell’acqua ha richiesto tempo. Come mai?

Questa è la parte più cruciale di questa storia. Il mondo non è stato distrutto – voglio dire, non è tornato a “tohu v’vohu – al vuoto e al vuoto”. D-o non ha guardato il male del mondo – l’uomo e gli animali – e non ha distrutto il mondo. Avrebbe potuto scegliere di distruggere completamente il mondo e ricominciare da capo con altri 6 giorni di creazione. Non l’ha fatto. Ha “ricreato” il mondo esistente – salvando Noè, salvando il mondo, coprendolo lentamente con l’acqua che esisteva.

La storia della Torah è l’amore e l’impegno di D-o nei confronti dell’uomo. Lui salva il mondo. Salva Noè. Ma anche prima di questo; Adamo ed Eva peccarono e furono puniti. Ma non distrutto. Caino ha ucciso Abele, il peccato più eclatante, ed è punito; ma non viene ucciso lui stesso. D-o è impegnato in questo mondo ed è impegnato nell’umanità. Distrugge il mondo in modo naturale, mantenendolo, coprendolo lentamente d’acqua e aspettando che l’acqua si ritiri. Questo stesso processo comunica il suo impegno per il suo mondo e per l’umanità.

4° Aliya (8:15-9:7)

A Noè viene detto di lasciare l’Arca con la sua famiglia e con gli animali, benedicendo gli animali affinché brulicano sulla terra. Noè offrì sacrifici su un altare. D-o si è impegnato a non maledire mai più la terra e gli animali a causa dell’uomo, né le costellazioni. D-o benedice Noè e la famiglia affinché siano fecondi e si moltiplichino, per riempire la terra. Possono mangiare le creature ma non possono uccidere l’uomo.

Gli echi della Creazione continuano. Noè e gli animali ricevono le stesse benedizioni fatte agli animali e all’uomo nella Creazione. Noah è il nuovo Adamo. Ma con una differenza drammatica. D-o promette che non ci sarà mai più una distruzione di terra, animali o stagioni. Questo non è stato promesso alla Creazione.

L’idea che D-o prometta è scioccante. D-o che fa promesse all’uomo? È motivato dall’offerta di un sacrificio di Noè? È tutto ciò che serve per ottenere una promessa divina per sempre? Potrebbe essere che un piccolo atto di offrire sacrifici superi tutto l’orribile male che l’uomo è in grado di perpetrare e ha perpetrato nella storia dell’umanità – è tutto ciò che serve per garantire che il mondo non meriti mai di essere distrutto? E solo la nozione che ci promette? Il chiaro messaggio della Torah è che l’umanità è così preziosa per D-o che si impegna con noi, indipendentemente dai nostri fallimenti.

5° Aliya (9:8-17)

D-o dice a Noè e alla sua famiglia che sta facendo un patto con tutti gli esseri viventi che il mondo non sarà mai più distrutto dal Diluvio. L’arcobaleno è un segno di questa alleanza tra noi. Vedrò l’arcobaleno e ricorderò questo patto eterno.

La parola “brit”, patto, ricorre 7 volte in questo paragrafo di 9 versetti. Conosciamo così bene l’arcobaleno dopo la storia dell’alluvione che il suo chiaro significato passa inosservato. D-o si sta impegnando al mondo. E, come per assicurarsi che Lui stesso non dimentichi, pone un segno, un ricordo del suo impegno.

Questo arcobaleno è una storia d’amore. Noè deve guardarsi intorno, chiedendosi: “Sta parlando con me? Cosa ho fatto per meritarmi questo? Il Padrone dell’Universo, che ha appena ricoperto il mondo d’acqua a causa dei fallimenti dell’uomo, si sta impegnando con me? E si lega con un arcobaleno, per non dimenticare?”

La storia della Creazione incorona l’uomo di maestà, creato a immagine di D-o. La storia ricreativa del Diluvio è una storia d’amore, l’amore di D-o per l’uomo, l’impegno che ha con l’uomo. E mentre un patto ha 2 parti, ognuna delle quali si impegna all’altra, in questa alleanza nulla è richiesto all’uomo. Solo Lui si impegna a noi.

6° Aliya (9:18-10:32)

Noè pianta una vigna, si ubriaca e giace esposto nella sua tenda. Cham vede Noè; gli altri figli lo coprono senza guardare.

Cham è maledetto, Sem è benedetto, Yefet ha concesso la bellezza. Sono elencati i numerosi discendenti di Noè, distintivi nella geografia e nella lingua.

Noè sembra seguire le orme agrarie di Adamo: Adamo fu posto nel Giardino dell’Eden, Noè pianta una vigna. Ma il declino dell’uomo nuovo non tarda ad arrivare. Le generazioni di Noè sono descritte come diverse, distinte, separate in nazioni, in lingue e regioni geografiche distinte. Questo dà origine a Nimrod, il guerriero: le distinzioni e i raggruppamenti danno origine naturalmente alla competizione.

7° Aliya (11:1-32)

La Torre di Babele, un tentativo di unire l’umanità si traduce in una dispersione e proliferazione di lingue. La genealogia dei discendenti di Noè continua fino a quando viene presentata la famiglia di Abramo, che viaggia verso la terra d’Israele.

La storia della Torre di Babele inizia come desiderio di unità, finisce con persone sparse in tutto il mondo. Il desiderio di unità sembrerebbe una buona cosa. Tuttavia, l’unità spesso implica l’essere uniti sotto di me, costringendo tutti ad essere come me. La storia del mondo è la storia degli imperi, che cercano di rendere il mondo un posto migliore essendo proprio come me. Il tema della dispersione, dell’esilio che iniziò con l’esilio di Adamo dal Giardino dell’Eden e Caino esiliato per vagare per il mondo, ha il suo capitolo successivo con la dispersione, l’esilio dei costruttori della Torre di Babele.

Questa dispersione ed esilio dei primi 2 parshiot della Torah saranno invertiti con la chiamata ad Abramo di venire nella terra d’Israele.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.