Parashat Bereshit

Autore: Rav Reuven Tradburks

L’ultimo parasah della Torah copre meno di un giorno; il primo parasah della Torah si estende per 1000 anni.

Parsah Beresheet copre la creazione, Adamo ed Eva nel Giardino dell’Eden, l’omicidio di Abele da parte di suo fratello Caino e le generazioni che si concludono con Noè e l’imminente distruzione di tutti tranne Noè e della sua famiglia.

1ª Aliyah (Cap. 1:1-2:3)

La storia della creazione va dall’inanimato (luce, terra, mare) alla vegetazione, agli uccelli, ai pesci e agli animali. E infine all’uomo. È una progressione, una progressione evolutiva, dal meno sofisticato al più sofisticato. All’uomo è comandato di essere fecondo e moltiplicarsi, di dominare il mondo e di governare gli animali.

Il capitolo 1 e la prima aliyah finiscono in modo diverso. Il capitolo 1 termina con la fine della Creazione, la fine dei 6 giorni della Creazione. Il paragrafo dello Shabbat inizia nel Capitolo 2. Tuttavia, la prima aliyah termina, non con la fine dei 6 giorni della Creazione, ma con la fine dello Shabbat. Includiamo lo Shabbat come parte della storia della Creazione.

Perché dove Egli si ferma è dove iniziamo noi. Mentre cessava, stava passando le chiavi all’uomo. Questo è un principio cruciale del giudaismo: il sesto giorno, D-o disse all’uomo: “Tu prendi il controllo, governi il mondo e lo sottometti”, e poi, per dimostrarlo, si riposò il settimo, come per dire: “Lo dico sul caso. tu sei il mio compagno, prendi il comando.”

Il Midrash fa questo punto: il paragrafo di V’yachulu termina con “laasot”. Non finisce come gli altri 6 giorni: era il pomeriggio e la mattina, il settimo giorno. Dice che D-o ha smesso di farlo. Smetti di fare, ora è il tuo turno di fare.

2ª Aliyah (Ch 2,4-20)

Un resoconto più dettagliato della creazione dell’uomo. D-o crea l’uomo dalla polvere della terra e gli dà nel naso il respiro della vita. È posto nel Giardino dell’Eden, pieno di bellissimi alberi, per lavorarlo. Gli comanda di non mangiare dall’albero della conoscenza o della vita. E dichiara che non è bene che l’uomo sia solo; Lo farò donna.

Il linguaggio del capitolo 2 contrasta nettamente con quello del capitolo 1. Questa creazione dell’uomo è più simile a un romanzo che a un libro di scienza. Personalità, moralità, umiltà, emozione. Il capitolo 1 è la creazione dell’umanità; Il capitolo 2 è la creazione di una persona. Adamo è creato dall’adama, la terra, un inizio piuttosto umile. È stato creato da solo. Questo non va bene. Ti viene dato un ordine. C’è il bene e il male. Deve lavorare il giardino, non governarlo. Gli animali vengono portati da lui per nominarli.

Questo è l’inizio per l’uomo per capire chi è e chi non è. È stato creato a immagine di D-o, incaricato di essere un partner da D-o. Ma non è Dio Stesso. Egli governerà il mondo, come governa. Egli deve nominare gli animali, come D-o chiamò il giorno, la notte, i cieli e i mari. Poiché Egli è un Creatore, l’uomo deve essere un creatore, un creatore di vita attraverso i bambini, un creatore di vegetazione attraverso il giardino. D’altra parte, non è bene che sia solo, perché c’è solo Uno che è Solo. D-o è il Comandante, egli comandava. L’uomo deve essere come D-o, essere creativo, dare un nome alle cose, prendere il suo posto come guardiano del mondo. Ma fino a che punto si spinge è la questione della 3a aliyah.

3a Aliyah. (2: 20-3: 21)

La donna è creata. Il serpente convince Eva che se avesse mangiato del frutto proibito, sarebbe stata come D-o, conoscendo il bene e il male. Lei e Adam mangiano del frutto e i loro occhi si aprono e sono coperti di foglie di fico. Si nascondono da D-o, che sfida la loro disobbedienza. Tutti sono puniti: il serpente scivolerà, la donna darà alla luce i suoi figli nel dolore, e la coltivazione della terra da parte dell’uomo sarà con il sudore.

È difficile trovare una storia più ricca di simbolismo nel Tanakh. Un serpente che parla, la tentazione della bellezza, dell’arroganza, del fallimento, del nascondersi da D-o, della colpa, delle conseguenze. Molte e varie lezioni sono tratte da questa storia.

L’uomo, creato a immagine di D-o, deve aspirare alla sua alta vocazione, ricordando che non è altro che l’immagine di D-o Stesso. Il serpente convinse Eva, e poi convinse Adamo, che l’uomo può essere il determinante del bene e del male. Che quando D-o cede all’uomo la leadership in questo mondo, dà anche all’uomo il ruolo di legislatore del bene e del male. In quanto si sbagliano. E D-o risponde spingendovi un po’ indietro nelle vostre attività più creative, come per dire che finché siete creatori, io sono ancora il Creatore. Eva, quando crederai e avrai figli, il momento creativo per eccellenza dell’umanità, sarà con il lavoro, un ricordo delle tue origini terrene. E uomo, quando crederai dalla terra, sarà con il sudore. C’è solo Colui che Crea con la pronuncia di una parola, con facilità. Egli è il Creatore, tu, un creatore. Ed egli è il Comandante del bene e del male, mentre tu sei il sovrano.

4. Aliya. (3:22 ​​- 4:18)

L’uomo viene esiliato dal Giardino dell’Eden. Nascono Caino e Abele. Portano offerte a D-o; Abele accetta, Caino no. Caino uccide Abele. “Sono io il tutore di mio fratello?” Caino è destinato a rog la terra.

Il peccato incontra l’esilio. Il peccato di Adamo porta l’esilio dal Giardino dell’Eden. Il peccato di Caino porta vagabondaggio, impotenza. 4:16 spiega l’esilio: Caino cessò di stare davanti a D-o. Questo introduce un concetto pilastro di uomo e D-o. L’avversione divina per l’uomo si traduce in distanza. Adamo espulso dal giardino. Caino mandò via l’opportunità di stare davanti a D-o. Più tardi, la Torre di Babele porterà dispersione. Solo Avraham invertirà questo e viaggerà non lontano ma in un luogo specifico.

5a Aliyah. (4:19 – 4:22).

Un’aliyah curiosamente breve. Lemech e le sue mogli Ada e Tzila hanno figli. Uno è l’iniziatore della zootecnia, uno della musica a corda e degli strumenti a fiato e uno della produzione di rame e ferro.

L’umanità avanza meravigliosamente nel dominio creativo del mondo: la padronanza degli animali, l’espressione artistica creativa della musica e la produttività avanzata del rame e del ferro. Ma, mentre l’uomo deve dominare il mondo, la brevità della menzione è quella di sottolineare che di importanza molto maggiore è la sua padronanza di se stesso. La Torah è molto più interessata al comportamento etico dell’uomo e al rapporto con D-o che alla sua padronanza del ferro e all’espressione creativa della sua musica.

6ª Aliyah, (4:23 – 5:24). Generazioni da Adamo a Noè.

Enos è descritto, 4:26, che profana il nome di D-o. Rashi spiega che alle persone e alle cose sono state attribuite qualità divine. L’inizio dell’idolatria. È sbagliato chiamare Abramo il primo monoteista. D-o parlò con Adamo ed Eva, Caino e Abele portarono offerte, e parlò con Caino, e Noè sarà istruito da D-o.
Piuttosto, l’uomo si allontanò da D-o, fallì nel suo comportamento e si allontanò. Avraham non è il primo monoteista; Egli è il primo ad essere abbracciato e avvicinato da D-o. L’umanità primitiva è rifiutata; Avraham si sta avvicinando.

7a Aliyah. (5:25 – 6: 8)

Si presenta a Noè. D-o è deluso dall’uomo, la sua aspettativa di vita è ridotta a 120 anni. D-o progetta di distruggere l’uomo, gli animali e gli uccelli. Noè trova la grazia davanti ai suoi occhi.

La parasah va dalla creazione alla distruzione imminente. Anche se non è registrato, l’umanità ha mitzvoth. D-o ha aspettative sull’umanità e queste aspettative non sono state soddisfatte. Anche se deluso, non distruggerà l’umanità, ma ricomincerà con Noè.


Informazioni sull’autore:

Rav Reuven Tradburks è il direttore di Machon Milton, il corso preparatorio inglese per la conversione, una partnership del Rabbinical Council of America (CAR) e Shavei Israel. Inoltre, è il direttore della regione CAR-Israele. Prima della sua aliya, Rav Tradburks, ha servito 10 anni come direttore della Corte di conversione del Vaad Harabonim di Toronto e anche come rabbino della congregazione a Toronto e negli Stati Uniti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.