Il digiuno del 9 di Av

Tisha B’Av , il 9° giorno del mese di Av (17-18 luglio 2021), è il giorno più triste del calendario ebraico, in cui digiuniamo e preghiamo. È il culmine delle tre settimane di ristrettezza, un periodo di tempo durante il quale si segna la distruzione del Santo Tempio di Gerusalemme .

Cosa è successo il 9 Av ?

L’episodio degli esploratori. Gli Esploratori tornarono dalla Terra Promessa con notizie spaventose e gli israeliti esitarono alla prospettiva di entrare nel paese. D-o decretò che avrebbero quindi vagato nel deserto per 40 anni. 

Entrambi i Santi Templi di Gerusalemme furono distrutti in questa data. Il Primo Tempio fu bruciato dai Babilonesi nel 423 a.e.v. e il Secondo Tempio cadde in mano ai Romani nel 70 d.e.v., scatenando un periodo di sofferenza da cui la nostra nazione non si è mai completamente ripresa.

La rivolta di Bar Kochba contro i romani nel 133 d.e.v. si concluse con una sconfitta: gli ebrei di Betar furono massacrati il 9 di Av e il Monte del Tempio fu arato un anno dopo nella stessa data. 

Più tardi nella nostra storia, molte altre tragedie avvennero in questo giorno, inclusa l’ espulsione degli ebrei d’Inghilterra nel 1290 e l’ esilio nel 1492 di tutti gli ebrei dalla Spagna . 

Come si osserva il 9 di Av

Il digiuno inizia al tramonto dell’8 di Av e termina al calare della notte della notte successiva ( ritardato di un giorno quando il 9 Av è di Shabbat ). In questo periodo non lo facciamo

  • mangiare o bere
  • indossare calzature in pelle
  • fare il bagno o lavarsi (lavarsi solo fino alle nocche quando richiesto dalla halachah )
  • applicare unguenti o creme
  • impegnarsi in relazioni coniugali o qualsiasi forma di intimità
  • sedersi su una sedia di altezza normale fino al chatzot (il momento in cui il sole ha raggiunto il suo apice)
  • studiare la Torah (ad eccezione delle parti “tristi” che trattano della distruzione dei Templi, ecc.)
  • inviare regali o anche salutarsi (si può rispondere ai saluti)
  • impegnarsi in gite, viaggi o attività piacevoli simili
  • indossa abiti eleganti e festivi

Cosa facciamo

A partire da mezzogiorno dell’8 Av, limitiamo il nostro studio della Torah ai pochi argomenti consentiti che sono di natura triste o riguardano la distruzione dei Templi.

Mangiamo un pasto quadrato nel pomeriggio, prima dei servizi di Minchah . Poi, nel tardo pomeriggio , viene consumato un “pasto di separazione”, seudah hamafseket . Consiste in pane e un uovo sodo immerso nella cenere, accompagnato da acqua. Questo pasto viene consumato da solo, seduto su uno sgabello basso.

Il pasto deve finire entro il tramonto, quando tutte le leggi di Tisha B’Av entreranno in vigore.

I servizi serali di Tisha B’Av si svolgono nella sinagoga, dove l’arca è stata spogliata della sua tenda decorativa e le luci sono state abbassate. Le preghiere della sera sono seguite dal canto di Echà (le Lamentazioni di Geremia)

Le preghiere del mattino si svolgono senza tallit e tefillin , poiché entrambi sono considerati ornamenti. La maggior parte della mattinata è occupata dalla lettura dei Kinot , elegie che scandiscono le varie tragedie accadute al nostro popolo.

Zom Kal !!!

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.