Parashà Ekev – commento di Eitan Della Rocca

וְעַתָּה֙ יִשְׂרָאֵ֔ל מָ֚ה יְהֹוָ֣ה אֱלֹהֶ֔יךָ שֹׁאֵ֖ל מֵֽעִמָּ֑ךְ כִּ֣י אִם־לְ֠יִרְאָ֠ה אֶת־יְהֹוָ֨ה אֱלֹהֶ֜יךָ לָלֶ֤כֶת בְּכָל־דְּרָכָיו֙ וּלְאַֽהֲבָ֣ה אֹת֔וֹ וְלַֽעֲבֹד֙ אֶת־יְהֹוָ֣ה אֱלֹהֶ֔יךָ בְּכָל־לְבָֽבְךָ֖ וּבְכָל־נַפְשֶֽׁךָ:

Deuteronomio 10-12

“Or dunque, Israel, che cosa chiede da te il Signore, Iddio tuo? (Null’altro) se non se temere il Signore, Iddio tuo, seguire tutte le sue vie, ed amarlo, e servire il Signore, Iddio tuo, con tutto il cuore e con tutta l’anima…”

Questo importantissimo verso della Parasha settimanale è la base di molte alachot e riflessioni.

Rabbi Zidkiau Ben Avram Arofe apre il suo libro di “Alacha shibole aleket”, riportando il Midrash che ci invita a non leggere :”מה ה״  cosa D. Chiede da te ?” Ma di leggere piuttosto : “מאה = cento  …H. Ti chiede soltanto 100 berachot al giorno (facilmente raggiungibili se si prega 3 volte al giorno) meno di Shabbat…”

Questo verso però contrasta con un insegnamento dei chachamim nel trattato di Berahot 33b: “Acol bide shamain huz meirat shamaim” tutto è nelle mani di H. tranne il timore di H.”

Continue reading “Parashà Ekev – commento di Eitan Della Rocca”

L’emissario di Shavei Israel visita l’Ecuador

L’Ecuador oggi ha tante giovani comunità di Bnei Anusim in forte crescita. Sono composte da dozzine di persone che vogliono studiare Torah e fare proprie le tradizioni ebraiche, per riconnettersi al proprio passato. Rav Shimon Yehoshua, l’emissario di Shavei Israel in Colombia, ha recentemente visitato il paese condividendo con noi diverse immagini della loro vita.

Avevamo già scritto di Ambato, composta da 60 persone circa che vanno aumentando, e dell’importante lavoro di Renán (Yacov Ben Abraham) Muñoz Palacios, rappresentante di Shavei che al momento sta studiando per diventare rabbino. Questo è stato il gruppo di persone che ha accolto in nostro Rav Yehoshua nella città.

Un’altra zona visitata dal nostro rabbino è stata quella di Quito – capitale dell’Ecuador – dove un gruppo di 15 Bnei Anusim ha deciso di vivere ebraicamente come ad Ambato. Il gruppo ha partecipato ad una lezione di Torah organizzata da Rav Yehoshua. Si è parlato delle celebrazioni inerenti a Tisha be’Av, dove si ricorda e piange la distruzione del Tempio, e si prega per la redenzione.