I liceali Bnei Menashe visitano Auschwitz per la prima volta

I liceali Bnei Menashe visitano Auschwitz per la prima volta

Cinque adolescenti della comunit? ebraica Bnei Menashe hanno visitato Auschwitz, come parte del viaggio di classe volto all’educazione e presa di coscienza degli orrori nazisti e del genocidio del popolo ebraico.

I cinque ragazzi che hanno fatto aliy? dallo stato indiano del Manipur nel 2012 e 2014, con l’aiuto di Shavei Israel, stanno studiando presso il liceo Abir Yaakov nella citt? di Nahariya in Israele settentrionale.

Visitare la Polonia e imparare sulla Sho? nel luogo dove ? accaduta, ? parte regolare del curriculum di ogni liceo israeliano, che vede migliaia di studenti fare il viaggio lungo una settimana, ogni anno. Tuttavia questa ? la prima volta che un gruppo Bnei Menashe si ? unito a questo “rito di passaggio” israeliano.

“Mi sento pi? connesso all’ebraismo dopo avere imparato cosa sia stata la Sho?”, ci ha detto Yaniv Hoinge. “In realt?, mi da un forte senso di amore per Israele. La Sho? ha reso Israele ancora pi? importante per il popolo ebraico”.

Hoinge ? del?Churachandpur ? ha fatto aliy? nel 2012 con i suoi genitori. Gli altri ragazzi che sono volati in Polonia questa settimana sono Obed e Simeon Lhouvum di Gamgiphai in Manipur, arrivato anche lui in Israele nel 2012, e David Haokip e Tzion Baite, arrivati nel paese nel 2014 assieme alle loro famiglie.

Read more

Palermo accoglie i Ben? Anousim italiani per il Shabbaton sponsorizzato da Shavei Israel

Palermo accoglie i Ben? Anousim italiani per il Shabbaton sponsorizzato da Shavei Israel

Pi? di 50 ospiti da tutta Italia sono scesi a Palermo, la pittoresca capitale siciliana, lo scorso fine settimana per uno Shabbaton organizzato da UCEI e Shavei Israel.

Mentre l’UCEI gi? organizza Shabbaton comunitari del genere, due volte l’anno in Italia, questa ? stata la prima volta che veniva organizzato a Palermo – in gran parte come riconoscimento per il lavoro che Shavei Israel e il suo emissario Rav Pinhas Punturello stanno svolgendo nella regione dal 2013.

Lo scopo di Shavei Israel in Italia meridionale ? di rafforzare le comunit? locali Bnei Anousim nelle piccole cittadine di Puglia, Campania, Sicilia e Calabria.

Read more

Israele celebra la sua prima Giorntata dell’Aliy?! Rendiamola ancora pi? reale!

Israele celebra la sua prima Giorntata dell’Aliy?! Rendiamola ancora pi? reale!

Il tempismo non ? stato voluto, ma forse non ? un caso che Israele abbia celebrato la sua Festa dell’Aliy? nel periodo delle elezioni americane, dimostrando una voglia di unit? e senso di condivisione.

La nuovissima festa del calendario nazionale ebraico, istituita dalla Knesset a giugno di quest’anno, vuole enfatizzare l’importanza dell’aliy? in Israele, assieme al contributo cruciale che danno i nuovi immigrati nello sviluppo del paese.

In tutto il paese, marted? 8 novembre, nelle scuole si sono tenuti corsi sull’immigrazione in Israele, alla Knesset ci sono stati diversi incontri sul tema, e vi sono state cerimonie alla residenza del Presidente, ai quartieri generali dell’IDF e negli uffici della Polizia Israeliana.

La giornata si ? conclusa con un incontro al?Jerusalem?s International Convention Center con il primo ministro Benjamin Netanyahu, il ministro della difesa Avigdor Lieberman, la ministra dell’integrazione Sofa Landver e il presidente dell’Agenzia Ebraica Natan Sharansky. Gli ultimi tre sono immigranti loro stessi.

“Come me, centinaia di migliaia di olim (immigrati) arrivano in Israele ogni anno per lo stesso senso di connessione alla loro terra”, Landver ha detto al?The Jerusalem Post. ?Sono orgoglioso ed emozionato che per la prima volta si tenga una giornata dedicata all’aliy? in Israele”.

Shavei Israel in particolare apprezza l’istituzione della Giornata dell’Aliy?.

Da quando ? stata fondata la nostra organizzazione, ci siamo dedicati alla promozione su scala internazionale dell’accoglienza degli esiliati. Il nostro lavoro con le comunit? ebraiche in India, Cina, Europa e nelle Americhe ha aiutato migliaia di ebrei a riconnettersi alle proprie radici e alla propria terra.

E non abbiamo finito.

Rendiamo la Giornata dell’Aliy? reale per ancora pi? ebrei. In questo momento 700 Bnei Menashe aspettano di fare aliy? con il vostro aiuto.?Visita la pagina?per fare oggi la tua donazione.

Il primo ministro Netanyahu ha tratto queste conclusioni da questa giornata. L’aliy? “? lo scopo principale dello Stato Ebraico e la realizzazione della profezia biblica”, ha detto. “Il Popolo Ebraico sta ritornando in Terra d’Israele e costruendo lo Stato d’Israele. Questa ? una grande festa per tutti i cittadini, nuovi e vecchi”.

Il presidente di Shavei Israel – Michael Freund – parler? al prossimo Limmud in Gran Bretagna

Il presidente di Shavei Israel – Michael Freund – parler? al prossimo Limmud in Gran Bretagna

Il presidente di Shavei Israel – Michael Freund – ? stato appena confermato come uno dei relatori della conferenza di Limmud a dicembre, che si terr? a Birmingham in Gran Bretagna.

limmud_290_452

Limmud, evento nato proprio in Gran Bretagna, si svolge oramai in 40 comunit? di tutto il globo da Melbourne a Mosca. Tuttavia ? in Gran Bretagna che si trova la rete pi? estesa di Limmud, con i suoi eclettici ritiri di studio ebraico.

L’evento di dicembre, si svolger? in alcuni alberghi attorno al pittoresco Lago Pendigo, alle porte di Birmingham, e si prevedono circa 3mila persone per le classi che spazieranno dalle questioni contemporanee del mondo ebraico agli studi tradizionali di Torah, con tanta musica e rinfreschi di contorno.

Read more

Radici di Sicilia – Shabbaton a Palermo con UCEI e Shavei Israel

Radici di Sicilia – Shabbaton a Palermo con UCEI e Shavei Israel

L’Ucei, assieme a Shavei Israel, ha organizzato un bellissimo Shabbaton a Palermo, dal 10 al 13 novembre 2016, nel prestigioso Hotel Federico II.

Alle tre giornate parteciperanno Rabbanim e studiosi, tra cui il nostro emissario in Italia – Rav Pinhas Punturello. Saranno giornate di studio e divertimento, in una delle citt? pi? suggestive d’Italia, una volta cuore dell’ebraismo mediterraneo, dove da qualche anno sta rinascendo una comunit? vivace e attiva.

In foto?il programma, con costi e contatti per l’iscrizione.

Vi aspettiamo!

 

Da San Paolo a Beersheva: Rachel riscopre le sue radici ebraiche

Da San Paolo a Beersheva: Rachel riscopre le sue radici ebraiche

La pi? grande speranza di Rachel Souza Lima ? il ritorno di tutti i Bnei Anousim. Rachel (Elizabeth), 39 anni, lo dichiara mentre ci racconta di come ? ritornata all’ebraismo dei suoi antenati, e del suo grande viaggio dal suo Brasile in Terra di Israele, dove vive oggi con suo marito e i figli.

Nata a Luc?lia (San Paolo), Rachel madre vedova di 4 figli, ricorda bene il ?primo incontro con il suo rabbino. Questo evento esplosivo le ? bastato per capire come le sue regole di casa, la kasherut e la purit? familiare, significassero che aveva?delle radici ebraiche.

In quei primi tempi, rispettare le mitzvot era abbastanza difficile, ma dava soddisfazione, Rachel spiega con una nota di nostalgia. “Non ero ancora ufficialmente ebrea, ma smisi di lavorare il Sabato, dicevo preghiere speciali, imparavo a cantare le canzoni religiose, ed ero molto felice”.

Read more

Michael Freund vince il “Premio Aliyah”

Michael Freund vince il “Premio Aliyah”

Il presidente di?Shavei Israel?Michael Freund ha vinto il secondo annuale “Premio Aliyah”, come riconoscimento per le migliaia di ebrei che Shavei Israel ha portato in Israele dall’India, dalla Cina, dalla Penisola Iberica, dal Sud America, dalla Polonia e da altri angoli del mondo.

La cerimonia si ? svolta la scorsa settimana presso il Kibbutz Ramat Rachel a Gerusalemme, alla presenza di circa 2mila pellegrini da circa 150 paesi. Il premio ? stato presentato dal pastore Tom Hess della All Nations Prayer Convocation e dal presidente dell’Agenzia Ebraica – Natan Sharansky.

Che modo meraviglioso per iniziare l’Anno Nuovo. E un ottimo modo per ricordare del difficile lavoro che Shavei Israel svolge nel costruire un futuro ebraico in Terra Santa. A tutti gli ebrei che aspettano il loro turno per fare aliyah, vogliamo augurare “Prossimo anno a Gerusalemme!”.

Anche il Jerusalem Post ha dedicato all’evento spazio nella versione a stampa:

michael-wins-aliyah-award-use-text

Una guida per le Feste del mese di Tishrei (in spagnolo)

Una guida per le Feste del mese di Tishrei (in spagnolo)

Shavei Israel ? felice di presentare una guida speciale per le Feste in spagnolo, pensata appositamente per i Bnei Anousim – i discendenti degli Ebrei costretti a convertirsi al cattolicesimo durante l’Inquisizione.

La guida include due articoli speciali per ogni festa (Rosh HaShana, Yom Kippur e Sukkot), assieme alle regole di ogni festa e pratiche e tradizioni tipiche del periodo.

rosh-hashana-spanish-guide

Per Rosh HaShan? abbiamo una splendida spiegazione di come fare il “seder” tradizionale, per iniziare un anno pieno di benedizioni.

La sezione di Yom Kippur ha le tipiche confessioni dei peccati “vidui”, dettagliati e spiegati.

Per Sukkot si spiega il “seder ushpizin”, con il quale invitiamo i nostri patriarchi ad entrare nella Sukk?, uno diverso per ogni giornata.

Tutti i materiali sono in spagnolo e con la pronuncia fonetica. Il download ? gratuito. Speriamo che porti gioia in molte case!

Shana Tov? a tutti, che possiamo essere iscritti tutti nel libro della vita, salute e longevit?.

Per scaricare la guida?clicca qui.