Prepararsi per Sukkot in India

La festa ebraica di Sukkot è già iniziata, e le comunità di Shavei Israel si sono preparate in tutto il mondo per le celebrazioni. Sono state infatti costruite le capanne come ricordo degli accampamenti nel deserto degli Israeliti in fuga dall’Egitto. In generale, gli ebrei mangiano, dormono e festeggiano in queste capanne per i 7 giorni di Sukkot.

 

Qui vi presentiamo alcune foto del processo di costruzione delle capanne, e iniziamo con i Bnei Menashe dell’India. Le foto sono state inviate dal Manipur dalla nostra corrispondente Meital Singson.

Leggi tutto “Prepararsi per Sukkot in India”

Parashà Nitzavim – Il patto di ognuno di noi

Ogni cultura concepisce forme diverse di relazione ed impegno tra le persone e le istituzioni. Noi ci rapportiamo alle persone ed alle istituzioni, per iscritto o oralmente, sia attraverso le emozioni, che l’intelletto, che la legge. In questa parashà la Torà pone di fronte a noi una formula diversa di impegno: il Patto.

Il Patto che formula la Torà prevede la necessità di due parti, chiaramente differenziate ed obbligatoriamente presenti, che accettano il patto in modo esplicito. Da un lato abbiamo Dio, dall’altro il popolo di Israele composto da persone che, nel momento in cui viene stipulato il Patto, si rivolgono a Dio al singolare come se fossero un unico individuo. Il patto si realizza sempre tra due parti che mantengono la loro indipendenza ma che non sono obbligatoriamente uguali o reciprocamente equivalenti. Il concetto di Patto è applicabile al rapporto tra Dio e l’uomo, a quello di un uomo con sua moglie, a quello tra due uomini o a quello tra istituzioni con usi ed ideologie differenti: due uomini o entità “uguali” non hanno bisogno di un patto. Sarebbe inutile fare un patto con se stessi.

Leggi tutto “Parashà Nitzavim – Il patto di ognuno di noi”