Parashà Massei – commento di Eitan Della Rocca

Dalla Parashà della settimana (Mattot in Erez Israel) impariamo la gravità del giuramento.
È scritto nel Talmud: tov shelo tidor mishetidor velotekaiem
È meglio non fare un voto piuttosto di farlo e non mantenerlo…

Il Rama di Fano ci dice che per ogni giuramento o voto che facciamo viene creato un angelo…se mettiamo in pratica ciò di cui ci siamo presi carico l’anima di questo angelo vive…altrimenti muore.

Il Rebbe di Slunim ci dice che la bocca, organo principalmente adibito alla parola…è anche lo strumento con cui maggiormente serviamo H. 
Le principali mizwot le facciamo tramite la parola: talmud Torà, tefilla, berachot…
Proprio per questo, esattamente come gli strumenti del Tempio erano adibiti solo al Tempio, allo stesso modo lo strumento della parola deve essere adibito solo alla kedushà.

Aggiungo solamente che in questo periodo è importante rafforzarsi nella propria integrità.

Continue reading “Parashà Massei – commento di Eitan Della Rocca”