Per il 72esimo anniversario della liquidazione del ghetto di Litzmannstadt di Lodz, parla uno dei nostri emissari in Polonia, Rav Dawid Szychowski

Il 29 agosto 1944, è partito dal ghetto di Lodz – organizzato dai nazisti – il trasporto verso il Campo di Concentramento di Auschwitz-Birkenau. La città di Lodz, con il suo sindaco Hanna Zdanowska, hanno voluto commemorare il tragico evento.

“E’ partito con quel trasporto 1/3 della popolazione di Lodz, parte integrante della società del tempo” sottolinea la Zdanowska.

Dawid Szychowski, rabbino a Lodz ed emissario di Shavei Israel ha partecipato, facendo notare come in questo momento debba esserci posto per il dolore silenzioso e per la sofferenza. Il rabbino Szychowski ha fatto l’esempio di Giobbe, che dopo avere perso tutti gli averi e la sua famiglia, si è concentrato sulla riflessione. “Il momento di immersione nel dolore è il momento nel quale ci incontriamo con Dio e con l’Assoluto, per porre la domanda: che senso ha la sofferenza”, ha detto il nostro rabbino.

Ecco qui uno degli articoli della stampa polacca dedicato all’evento:

http://www.dzienniklodzki.pl/kultura/a/72-rocznica-likwidacji-litzmannstadt-getto-spotkania-z-ocalalymi-w-programie-obchodow,10524612/

 

Cracovia corre per i Vivi e celebra la vita ebraica in Polonia

Nel 1945, quando i Nazisti furono sconfitti e la II guerra mondiale si concluse nella sua tragicità, Marcel Zielinski (nella foto qui sotto ad Auschwitz), uscì dal campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau e camminò fino alla sua città natale di Cracovia.

2_06_15_Krakow_VI_0363

Settantuno anni dopo, Zielinski è ritornato ad Auschwitz, ma questa volta come uno dei 150 partecipanti della terza annuale Corsa per i Vivi.

L’evento di beneficenza, fondato nel 2014 dal JCC di Cracovia (Centro Comunitario Ebraico di Cracovia) come versione ciclistica della nota Marcia dei Vivi  ad Auschwitz, consiste in una pedalata di 8 ore, 55 miglia, attraverso la campagna polacca – dagli orrori dei nefasti campi fino alla vivace rinascita della vita ebraica della Cracovia di oggi.

L’emissario di Shavei Israel in Polonia, Rav Avi Baumol, ha accompagnato Zielinski nella corsa quest’anno. Essere lì insieme è stato molto toccante, Rav Baumol racconta: “per me e per le 150 persone è stato forte vedere la tenacità e resistenza del popolo ebraico”.

La Corsa per i Vivi, è stata ispirata da Robert Desmond, un ciclista di Londra che nel 2013 ha voluto segnare il “percorso di liberazione” della sua famiglia al contrario: da Londra fino alle spiagge del D-Day in Normandia, attraverso Parigi, fino in Germania e in Repubblica Ceca, terminando al campo di Auschwitz-Birkenau.

Dopo il viaggio di 1350 miglia in un mese (del quale ha scritto nel suo blog), Desmond è arrivato a Cracovia dove ha fatto amicizia subito con Rav Baumol. Desmond si è innamorato di Cracovia e ha voluto dimostrare al mondo cosa stava succedendo in Polonia.

La Corsa per i Vivi è stata un grande successo, quest’anno sono stati raccolti 200mila dollari per le attività del JCC. Rav Baumol è il rabbino del JCC.

“Puoi spezzare le nostra ossa, distruggere le nostre comunità e cercare di sradicare la nostra memoria, ma noi sopravviveremo a tutto questo, noi continueremo a costruire” ha detto Rav Baumol dopo l’ultima Corsa.

Paul Schneller è un fotografo ebreo dei Paesi Bassi che sta scrivendo un libro sulla rinascita della vita ebraica a Cracovia. Ha fatto delle foto stupende della Corsa per i Vivi. Ecco qui una selezione:

I partecipanti alla Corsa hanno celebrato con una cena alla Sinagoga Itzhak di Cracovia. Ecco qui alcune foto:

2_06_15_Krakow_VI_0535 2_06_15_Krakow_VI_0653 2_06_15_Krakow_VI_L1008085 2_06_15_Krakow_VI_L1008096 2_06_15_Krakow_VI_L1008100 2_06_15_Krakow_VI_L1008170 2_06_15_Krakow_VI_L1008248 3_06_15_Krakow_VI_Ride_0080