Le volontarie di Shavei Israel e un’estate indimenticabile in Colombia

Sarah Hess è di Cherry Hill nel New Jersey. Inizierà i suoi studi presso la Columbia University giusto tra un paio di settimane. Aria Smordin è di Vancouver in Canada. Si arruolerà nell’IDF questo autunno.

Ma per due settimane, lo scorso luglio, Sarah e Aria sono state lontano da casa, tenendo un seminario per 37 giovani donne a Bogotà in Colombia, a nome di Shavei Israel.

Non erano mai state in Sud America prima di allora, ma dopo avere sentito il presidente di Shavei Israel – Michael Freund – parlare ad un evento, hanno deciso subito di fare volontariato e vivere un’avventura indimenticabile.

Leggi tutto “Le volontarie di Shavei Israel e un’estate indimenticabile in Colombia”

Le comunità di Shavei Israel festeggiano il 68° compleanno di Israele

di Brian Blum

Israele celebra il suo 68° compleanno a partire da questa sera con lo Yom HaZicharon – la Giornata della Memoria per i Caduti – che passa poi nello Yom Ha’atzmaut (Giornata dell’Indipendenza) non appena il sole scende sul Mar Mediterraneo.

E’ un giorno molto speciale per Shavei Israel – dopo tutto, il nostro nome significa letteralmente “Israele Ritorna”. E’ quindi con grande gioia che auguriamo a tutte le nostre comunità e a tutti quelli che ci sostengono – felice Yom Ha’atzmaut!

Shavei Israel ha avuto il privilegio negli ultimi decenni di aiutare migliaia di Ebrei delle Tribù Perdute e le Comunità ebraiche “nascoste” a ritornare al Popolo ebraico e al moderno Stato Ebraico. Non saremmo riusciti da farlo senza di voi – vogliamo quindi condividere la gioia di tutte le nostre comunità nel mondo!

Leggi tutto “Le comunità di Shavei Israel festeggiano il 68° compleanno di Israele”

Le comunità di Shavei Israel hanno celebrato Pesach

Ecco qui come alcune delle comunità di Shavei Israel nel mondo hanno celebrato Pesach!

Varsavia

L’emissario di Shavei Israel Rav Yehoshua Ellis ha tenuto un Seder Modello per i membri della comunità ebraica polacca prima della festa. Per coinvolgere la generazione più giovane, Rav Ellis si è spostato in strada per organizzare una Gara Staffetta delle Dieci Piaghe con le rane (nei sacchetti neri) e una gara bendati per simboleggiare le tenebre.

IMG_1289-e1462284787414-225x300 IMG_1297-e1462284811192-225x300 IMG_1312-300x225 IMG_1335-300x225

 

Cracovia

Intanto, in un’altra parte della Polonia, Rav Avi Baumol ha intrattenuto la comunità con un corso di ceramiche e piatti da Seder, una sessione sulla preghiera Hallel come parte dell’Haggadà, una chiacchierata con i membri del JCC Senior Club, e infine un chametz party dove si doveva finire tutto il cibo non adatto a Pesach. Rav Baumol si è dovuto bere tanta birra prima dell’inizio di Pesach.

 

Ebrei Kaifeng

Le cinque donne cinesi che Shavei Israel ha aiutato a fare aliyah quest’anno  si sono recate sulle colline della Giudea per una passeggiata di Pesach. Ecco qui Gao Yichen, Yue Ting, Li Jing, Li Yuan e Li Chengjin sotto le famose palme del Moshav Matta, a sud-est di Jerusalem. (Photo credit: Tzipi Agrenat.)

Chinese-girls-in-Ein-Mata-tiyul-credit-Tzipi-Agrenat

 

Nigeria

Infine, la comunità ebraica Igbo in Nigeria è entrata nello spirito del bidikat chametz –cercare ogni resto di chametz prima di dichiarare che non c’è più nulla la notte prima del Seder. La Bidikat Chametz viene solitamente eseguita al lume di candela. Ufficialmente senza chametz, la comunità si è vestita a festa, ha riempito la tavola di vino e ceste di matzà e ha accolto la festa.

Le comunità di Shavei Israel si preparano per Pesach

 

Una rassegna dei preparativi delle nostre comunità in tutto il mondo per la festa ebraica della liberazione.

Bnei Menashe

I più giovani membri della comunità che vivono a Tiberia e Nazareth settentrionale si sono dati ai preparativi della matzah. Abbiamo qualche foto dei ragazzi con i genitori che impastano, spalmano e mangiano la matzah. In India, invece, i 7mila Bnei Menashe che aspettano di potere fare aliyah parteciperanno ad una serie di attività e alla cena del Seder, in gruppo o in famiglia.

Unknown-1-169x300 Unknown-3-169x300

 

Polonia

I nostri emissari Miriam e Rav David Szychowski hanno organizzato un laboratorio pre-Pesach per i membri della comunità di Lodz. Ci saranno molti giochi per i bambini e parole di Torah per tutti.

Lodz-cleaning-for-Pesach-services-300x225

A Cracovia, il nostro emissario Rav Avi Baumol ha organizzato della attività più artistiche – un laboratorio di ceramica, per creare dei piatti da Seder, e una serata di degustazione di birre (per liberarsi di tutte le birre rimaste, piene di chametz – vietate durante la festa). Rav Baumol ospiterà circa 160 persone al JCC per un Seder comunitario.

Il terzo nostro emissario in Polonia, Rav Yehoshua Ellis, è stato molto impegnato nella preparazione di sei giovani polacchi, affinché possano presiedere un Seder nelle piccole comunità ebraiche dove non c’è un rabbino. Il programma costituito da incontri regolari sin da Gennaio, sotto la supervisione di Rav Ellis, viene chiamato Aravim. Ne abbiamo già scritto nel nostro blog. Rav Ellis ha anche organizzato un “Seder modello” per le famiglie la scorsa domenica.

Colombia

Rav Shimon Yehoshua, nostro emissario in Colombia, terrà il Seder comunitario a Bogotá quest’anno. Parteciperanno circa un centinaio di persone, incluse diverse famiglie del vicino Ecuador, che sono state sfollate dopo il terremoto di magnitudo 7.8, che ha colpito il paese lo scorso sabato. 413 persone sono morte e più di 2500 sono rimaste ferite.

La comunità ha anche organizzato un laboratorio nelle scorse settimane per mostrare come pulire la casa per Pesach.

Chile

I bambini della comunità Bnei Anousim, si esibiranno in uno spettacolo teatrale in cui si rappresentava L’Esodo dall’Egitto, come elemento del Seder. Si sono anche tenute delle classi di Legge Ebraica e su come leggere l’Hagaddà, nelle scorse settimane. Già il riunirsi della comunità per i corsi è stato un grande successo, vista l’alluvione che ha bloccato quasi tutte le strade.

FullSizeRender-1024x576

 

El Salvador

Rav Yitzhak Aboud nostro emissario ha tenuto lezioni sulle leggi di Pesach per tutta la settimana, per i membri della comunità. Il grande Seder comunitario si svolgerà nel centro Beit Israel a San Salvador – quest’anno ognuno preparerà qualcosa, comprese le matzot.

Gli ebrei Kaifeng

Le cinque donne che Shavei Israel ha aiutato nell’aliyah dalla Cina quest’anno non vedono l’ora di celebrare Pesach per la prima volta in Israele. Lo faranno con le loro famiglie adottive. Le loro famiglie di origine in Cina faranno dei Seder nelle loro case, sognando di potere essere anche loro “L’anno prossimo a Gerusalemme”.

Portogallo

I Bnei Anousim portoghesi si ritroveranno a Belmonte, dove il nostro emissario Rav Elisha Salas terrà un Seder comunitario. Ci saranno tutti gli studenti di Rav Salas. Molti passeranno la notte nel centro comunitario costruito da Shavei Israel a Belmonte – Beit Ha’anousim.

Palma de Mallorca

Il nostro emissario, Rav Nissan Ben-Avraham è stato occupato ad insegnare ed organizzare lezioni su Pesach nelle scorse settimane. Finora la più deliziosa è stata la lezione su come preparare i dessert di Pesach, tenuta da Tony Pina, un Bnei Anousim del luogo, ritornato alle sue origini con l’aiuto di Shavei Israel, rinomato chef spagnolo.

2-1024x576

IMG-20160405-WA0015-169x300

5 Ebree cinesi hanno fatto aliyah questa settimana

Sono arrivate!

Negli ultimi mesi, vi abbiamo raccontato le storie di cinque donne ebree cinesi che, con l’aiuto di Shavei Israel, hanno ricevuto il permesso di fare aliyah. Lunedì 29 febbraio, Gao Yichen, Yue Ting, Li Jing, Li Yuan e Li Chengjin finalmente sono arrivate all’aeroporto di Ben-Gurion.

Shavei-1

Giornalisti, sia di testate locali che internazionali, sono arrivati per raccontare la loro storia, quella della comunità antica di Kaifeng che piano piano si fa strada verso Israele. I reporter israeliani sono rimasti molto stupiti, visto che le ragazze alla domanda su come si sentissero a casa, hanno risposto in ottimo ebraico!

Shavei-3-300x205

Questo perchè due delle cinque ragazze non solo tornano a casa, ma ritornano – Li Yuan e Yue Ting hanno vissuto da adolescenti nella scuola religiosa di Yemin Orde vicino a Haifa, dal 2006 al 2010, grazie a un programma sponsorizzato da Shavei Israel. Ma anche le altre tre ragazze parlano speditamente l’ebraico, visto che hanno studiato con i nostri emissari a Kaifeng.

Le cinque donne raggiungono i sette uomini che con l’aiuto di Shavei Israel avevano fatto aliyah nel 2009. Grazie a noi, già 19 persone della comunità di Kaifeng vivono in Israele.

12803124_10153928496807836_3823764238193008809_n-300x198

E’ stato un lungo percorso per arrivare fino a qui. “Abbiamo lottato per quasi 4 anni per ottenere i permessi e far venire queste ragazze qui”, racconta il presidente di Shavei Israel Michael Freund, al reporter di Israel National News Yoni Kempinski al Ben-Gurion Airport. “Ho passato molto tempo a importunare, inseguire e convincere burocrati, membri della Knesset e ministri. Ma grazie a Dio, finalmente i permessi sono arrivati e loro sono a casa”.

Leggi tutto “5 Ebree cinesi hanno fatto aliyah questa settimana”

L’aliyah dei Kaifeng: la storia di Li Chengjin

Li Chengjin vede l’aliyah come un’opportunità sotto diversi punti di vista. E’ un’opportunità per approfondire la sua fede, per rafforzare la sua capacità nel rispetto delle mitzvot, e anche un’opportunità per cambiare la sua carriera. “Lavoro come infermiera, ma non mi piace molto. Vorrei fare qualcosa di diverso”, ci dice.

Li-Cheng-Jin-with-passport

Quando la 28enne Li arriverà in Israele dalla Cina tra qualche mese, tutto sarà diverso, questo è sicuro – dal cibo alla lingua alla routine quotidiana, che inizialmente si svolgerà attorno ai suoi studi di ebraico all’ulpan e alle lezioni di Torah che la prepareranno al ritorno formale all’ebraismo.

Li è pronta. “Ho studiato per molti anni, ma c’è ancora tanto lavoro da fare”, ci dice. Attraverso lo studio, il lavoro, la fede tutto andrà meglio, sostiene, anche per gli ebrei di Kaifeng e per quelli di tutto il mondo.

Leggi tutto “L’aliyah dei Kaifeng: la storia di Li Chengjin”

Un ebreo cinese si arruola nell’IDF

di Brian Blum

E’ nell’esercito adesso: Tony (Hoshea) Liang è l’ultimo degli ebrei cinesi ad arruolarsi nell’IDF (Forze di Difesa Israeliane).

20151215024024

Sei anni fa Shavei Israel ha aiutato sette giovani uomini cinesi a fare aliyah dall’antica comunità ebraica di Kaifeng. Gidon Fan e Yonatan Xue hanno già completato il loro servizio nell’esercito, mentre Moshe Li ha ancora qualche mese davanti a sé (e la vita militare gli piace così tanto che vuole firmare per un altro periodo).

Tony, il più giovane tra i sette – aveva solo 18 anni quando arrivò in Israele – si è arruolato a metà dicembre, e servirà per sei mesi, di cui i primi tre saranno un ulpan di ebraico intensivo, con una particolare attenzione alla terminologia che serve nell’esercito. Sarà una specie di ritorno agli inizi della vita in Israele, quando Tony e i suoi amici cinesi studiavano all’ulpan del Kibbutz Sde Eliyahu. A questo sono seguiti diversi anni di studi in una yeshiva a Gerusalemme, prima che i sette uomini facessero conversione ufficiale all’ebraismo, sotto gli auspici del Rabbinato Centrale di Israele, due anni fa.

Da allora hanno seguito percorsi professionali differenti. Yonatan ha sfruttato il suo periodo nell’esercito per approfondire le conoscenze che si era portato dalla Cina, diventando un assistente odontoiatra. Tony nel frattempo, aveva iniziato una carriera nell’industria alberghiera, lavorando prima in un hotel della zona e ultimamente guidando gruppi di turisti cinesi nella Terra Santa – un lavoro che spera di potere continuare dopo il servizio militare.

20151223011559-576x1024

Gli ebrei hanno vissuto a Kaifeng, una volta tra le capitali della Cina imperiale, per più di mille anni, arrivando inizialmente come mercanti dalla Persia o dall’Iraq, facendo affari lungo la Via della Seta.

Leggi tutto “Un ebreo cinese si arruola nell’IDF”

L’aliyah dei Kaifeng: la storia di Gao Yichen

di Brian Blum

L’aliyah dalla Cina continua. Per la nostra serie di storie sulle cinque giovani donne della comunità ebraica di Kaifeng che immigreranno in Israele nei prossimi mesi, vi raccontiamo la storia di Gao Yichen.

Gao-yi-Chen-with-passport

Gao Yichen è la più giovane delle donne di Kaifeng che Shavei Israel sta aiutando con l’aliyah. Ha solo 22 anni, lavora part time mentre completa i suoi studi alla Jiangxi University di Medicina Tradizionale Cinese, e ha anche una laurea triennale in Musicoterapia. “La musica è la mia passione” dice. “E Israele, ovviamente”.

Anche se non ha mai visitato lo Stato Ebraico, Gao insiste nel volere fare aliyah in fretta. “Il prima possibile!”, dice. “Israele è dove hanno vissuto i miei antenati. Mio padre ha sempre voluto riportarmici. Io appartengo a Israele”.

Ha aspettato per molto tempo. “Per sei lunghi anni”, ci dice, riferendosi all’ultima aliyah di sette giovani uomini cinesi, che Shavei Israel ha seguito nel 2009.

Cosa sa Gao della sua futura casa? “La tecnologia e l’agricoltura sono molto sviluppate in Israele”, ci dice. “E le relazioni tra Israele e i paesi vicini sono tese”. Su di un piano più personale ammette che la lingua sarà “sarà difficile da imparare”, ma è pronta per questa sfida. “Venire in Israele sicuramente cambierà la direzione della mia vita, ma non vedo l’ora!”

Gao è un membro assiduo della comunità ebraica di Kaifeng. Non ci stupisce visto che suo padre è il chazan (cantore) quando la comunità si raccoglie per le preghiere. La sua famiglia rispetta Shabbat, mangia solo “cibo puro” (casher secondo le possibilità della Cina maiale-centrica) e celebra le feste ebraiche “secondo tutti i precetti” – cita Rosh HaShanà, Sukkot, Yom Kippur, Hanukkah e Pesach in particolare. I suoi amici non ebrei sono assolutamente rispettosi delle sue scelte.

Leggi tutto “L’aliyah dei Kaifeng: la storia di Gao Yichen”

L’aliyah dei Kaifeng: la storia di Li Jing

di Brian Blum

L’aliyah dalla Cina continua. Nei prossimi mesi, cinque ragazze ebree della Comunità Ebraica di Kaifeng immigreranno in Israele. Ognuna ha la sua storia affascinante da raccontare. Oggi vi presentiamo Li Jing.

Li-Jing-with-passport

A 27 anni, Li Jing è la più anziana delle cinque donne. Li è cresciuta a Kaifeng, ma ha studiato Marketing inglese all’Università di Xi’an, cittadina a sei ore di treno da casa e patria dei famosi Guerrieri di Terracotta.

Dopo gli studi Li ha lavorato come customer service manager a Kaifeng fino a due mesi fa, quando ha lasciato il lavoro per prepararsi meglio all’aliyah. “Mi piaceva molto il mio lavoro”, ci dice. Nondimeno è già pronta per nuove opportunità di business in Israele. In questi giorni sta studiando ebraico e inglese online con un tutor speciale di Shavei Israel.

Li-Jing-300x200

Diversamente da altre comunità con le quali lavora Shavei Israel, gli ebrei Kaifeng non hanno mai dimenticato o nascosto la loro identità. “Li Jing stessa ci dice che sapeva sin da bambina di essere ebrea. “Mio padre ci disse che i nostri antenati erano venuti da Israele. Tuttavia so che devo ancora imparare molte cose. Quando l’ho saputo ero piena di gioia. Ma poi mi sono confusa. Cosa significa davvero essere ebrei?”

Leggi tutto “L’aliyah dei Kaifeng: la storia di Li Jing”

Shavei Israel ha celebrato Chanukkà in tutto il mondo!

Tutte le comunità che Shavei Israel segue, sparse per il globo, hanno acceso quest’anno le candele di Chanukkà (alcuni privatamente, altri nelle strade delle loro città), cantato le canzoni tradizionali, mangiato i sufganiot (krapfen della Festa), e in generale illuminato il buio cielo di dicembre con tanta gioia!

Ecco qui le foto delle nostre splendide comunità in momenti di grande gioia!

Yediot-article-on-Bnei-Menashe-Hanukah-300x279

Articolo di giornale in cui si parla delle celebrazioni di Chanukkà dei Bnei Menashe

Cracovia, Polonia

Rav Avi Baumol ha acceso le candele con i bimbi dell’asilo.

Manipur, India

I Bnei Menashe di Manipur sanno sempre come celebrare con sfarzo di candele. E quest’anno non è stato diverso! Centinaia di persone hanno partecipato a Churachandpur e Mizoram.

Leggi tutto “Shavei Israel ha celebrato Chanukkà in tutto il mondo!”