Shavei Israel ha organizzato per la prima volta le celebrazioni del Lag B?Omer per gli ebrei Subbotnik in Israele

Di Brian Blum

Gli Ebrei Subbotnik di Beit Shemesh hanno costruito un fal? di Lag B?Omer
Gli Ebrei Subbotnik di Beit Shemesh hanno costruito un fal? di Lag B?Omer

Esther Surikova era preoccupata. La grigliata e il fal?, che aveva programmato per la comunit? di Ebrei Subbotnik di Beit Shemesh lo scorso mercoled? notte, si accavallava con un altro evento degli ebrei immigrati in Israele dalla Russia ? una festa per celebrare ?Il Giorno della Vittoria? ? il 70? anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale. Gran parte dei Subbotnik di Beit Shemesh era stata invitata ad ambedue le celebrazioni.

Quindi la Surikova, che dirige il dipartimento di Shavei Israel per la Russia e l?Europa Orientale, era sorpresa e felice quando quasi tutta la comunit? di Subbotnik ha deciso di partecipare alle festivit? di Shavei Israel per Lag B?Omer.

Questa ? stata la prima volta che Shavei Israel ha organizzato un evento per il Lag B?Omer in Israele. Solitamente, Rav Zelig Avrasin, emissario di Shavei Israel per i Subbotnik, si trova in Russia quel giorno. La Surikova spiega: ?E? una data speciale e importante a Visoky (dove risiede gran parte della comunit? Subbotnik). I membri della comunit?, anche quelli che si sono spostati in citt? pi? grandi, tornano a Visoky per visitare i cimiteri ebraici?.

L?elemento principale del Lag B?Omer in Israele, ovviamente, ? il fal? e la grigliata, e la Surikova si ? assicurata che ci fossero molti hamburger e hot dog. Mentre la carne sfrigolava fuori, Rav Avrasin ha tenuto una lezione e discussione sulle origini cabalistiche del Lag B?Omer. Shavei Israel ha pubblicato un opuscolo dedicato al Lag B?Omer in russo per la comunit?, lo scorso anno.

Rav Avrasin ha anche colto l?occasione per annunciare che terr? presto un corso online (in russo) sulla Cabala, servendosi del libro di Rav Adin Steinsaltz ?The Thirteen Petalled Rose?.

Ecco qui altre foto della grigliata di Beit Shemesh:

13383_413081492185822_8192678071421838175_n 15591_413232775504027_924388876343340097_n 1385812_413232975504007_2828884052991956162_n 11243470_413232712170700_3493316932544021915_n10632842_413233048837333_5938802443193145805_n 11055311_413232752170696_1873328774546140710_n 11209356_413232945504010_3561266983366259554_n (1)

Per alcuni ebrei Subbotnik, finalmente il primo viaggio a Gerusalemme

Di Brian Blum

image3-300x225Per quanto incredibile possa sembrare, per alcuni membri della comunit? Subbotnik che vivono a Beit Shemesh, un viaggio in giornata a Gerusalemme, organizzato la settimana scorsa da Shavei Israel, ha incluso la loro prima visita al Muro del Pianto. Prima volta o meno, una fermata al Kotel ? stata chiaramente il punto centrale per i 28 partecipanti, tutti trasferitisi in Israele da Visoky e zone limitrofe, della Russia meridionale.

Duecento anni fa, ai primi dell?Ottocento, sotto il regno dello zar Alessandro I, migliaia di contadini russi si convertirono all?ebraismo. Il nome ?Subbotnik? viene dal loro amore per la ?Subbota?, in russo sabato. Molti di loro immigrarono in Israele durante la Seconda Aliyah, ai primi del Novecento e si sono pienamente integrati nella societ?; l?ondata immigratoria per?, degli ebrei dalla Russia meridionale, ultimamente ? diminuita. Circa 300 Subbotnik vivono oggi a Beit Shemesh, che si trova a 30 minuti di strada da Gerusalemme. Read more