Accensione delle candele di Chanukkà al Machon Miriam

Il nostro ufficio di Gerusalemme assieme al nostro Ulpan Machon Miriam di Shavei Israel hanno organizzato una speciale accensione delle candele di Chanukkà, con la partecipazione dei nostri educatori in lingua spagnola, Rav Natan Menashe e Rav Yechiel Chilewski, assieme alla nostra educatrice italiana la professoressa Ruth Mussi, e gli studenti italiani e di lingua spagnola.

Le celebrazioni hanno previsto l’accensione delle candele, canti di Chanukkà, la distribuzione delle chanukiot (menore) a tutti gli studenti e deliziose sufganiot (tipici dolci fritti) preparati da uno dei nostri studenti, lo chef Rodrigo Rivera che arriva dal Brasile.

Qui alcune foto e un video dell’evento:

Le comunità di Shavei Israel in tutto il mondo celebrano Chanukkà

Le comunità di Shavei Israel in tutto il mondo celebrano Chanukkà, la festa delle luci che unisce gli ebrei in tutto il mondo con la sua magica atmosfera di gioia, speranza e aspettativa come secoli fa. Festeggiamo insieme dando un’occhiata alle celebrazioni dalle varie comunità in diversi paesi e continenti! Iniziamo dall’India, dove i Bnei Menashe del Manipur e Mizoram si riuniscono per accendere le candele di Chanukkà.

Manipur

Mizoram

Mentre gran parte degli ebrei Subbotnik dell’ex Unione Sovietica celebrano Chanukkà in diaspora, un gruppo di quelli che hanno già fatto aliyah in Israele hanno recentemente ascoltato una lettura di Rav Shlomo Zelig Avrasin a Beit Shemesh, dove vive gran parte della comunità. Continue reading “Le comunità di Shavei Israel in tutto il mondo celebrano Chanukkà”

Preparare e separare la challà per Shabbat

Yael Mendoza, volontaria di Shavei Israel in Colombia, continua ad inviarci resoconti e belle foto dalle diverse comunità ebraiche che ha visitato nell’ambito del suo progetto.

Questa settimana si trova a Baranquilla – una città nella Colombia settentrionale – dove ha organizzato varie attività pre-Chanukkà, tra queste  l’importante mitzvà della separazione della challà – una parte della pasta va messa da parte con le dovute benedizioni. Le donne del luogo erano felici dell’incontro, di condividere questa esperienza e di assaporare questi bellissimi pani a Shabbat.

Le comunità di Shavei Israel in America Latina si preparano a Chanukkà

Visto che Chanukkà sta arrivando, tutte le comunità di Shavei Israel in tutto il mondo si stanno preparando a questa bellissima festa. Le prime comunità a condividere la loro gioia, sono state quelle in Cile e Colombia.

In Cile le persone si sono riunite per una illuminante giornata di studi sulla storia di Chanukkà, le sue leggi e costumi, assieme a Rav Avraham Latapiat. Le attività vengono organizzate per i partecipanti di tutte le età: il programma per i ragazzi nel Talmud Torah locale includono attività di disegno e artigianato, dove possono creare regali e quadri per Chanukkà.

Continue reading “Le comunità di Shavei Israel in America Latina si preparano a Chanukkà”

Bellissima mostra di fotografie a Gerusalemme

La scorsa settimana è stata inaugurata una bellissima mostra di fotografie presso l’ AACI di Gerusalemme, intitolata “Cameraderie”. La mostra presenta le foto dei partecipanti al corso di Yehoshua Halevi’s 2018 Master Photographer Year Course, tra questi Laura Ben-David, direttore marketing e media di Shavei Israel.

Le foto di Laura sono dedicata al viaggio dei Bnei Menashe, dall’India nord-orientale fino in Israele, e narrano i molti capitoli della loro storia: partenza dall’India, aliyà in Israele e la loro nuova vita nello Stato Ebraico.

L’ingresso alla mostra è libero, e si svolgerà fino al 31 dicembre. L’AACI si trova all’angolo tra 37 Pierre Koenig/2 Poalei Tzedek, a Talpiot quartiere di Gerusalemme.

Per avere informazioni riguardo un mostra da tenere alla vostra sinagoga, comunità o altro, contattateci alla mail office@shavei.org.

 

Le bambine del Cile e la gioia dello Shabbat

Avevamo già scritto (qui) dei laboratori organizzati da Rav Avraham Latapiat in Cile, per insegnare ai bambini l’importanza dell’osservare lo Shabbat. Durante il secondo semestre, la rabbanit Esther Miriam Latapiat ha continuato in questa direzione, facendo della gioia e del piacere dello Shabbat il tema principale del programma. Il rabbino e sua moglie hanno anche incoraggiato i genitori nel condividere questa bellissima esperienza con il loro figli.

La scuola ebraica ha organizzato tutta una serie di attività per i più giovani, collegate alla preparazione della casa per Shabbat – la produzione casalinga di candele, la decorazione della coppa per il kiddush, l’organizzazione della tavola e le regole per creare la giusta atmosfera in casa.

Speciale attenzione è stata dedicata ai vestiti per bambine per lo Shabbat, ottima occasione per insegnare le regole ebraico del vestiario. Dodici bambine hanno ricevuto in regalo dal rabbino e sua moglie abiti, calze e scarpe. Le famiglie hanno molto apprezzato i bellissimi vestiti e le tradizioni.

Ecco qui alcune foto delle bambine:

Preparativi per Sukkot!

Come ogni anno, anticipiamo l’inondazione di foto che ci sommergerà da tutto il mondo con immagini delle celebrazioni di Sukkot.

Costruendo ognuno la propria ed unica sukkà (capanna temporanea per celebrare la Festa delle Capanne) e preparando le quattro “specie” (mirto, cedro, ramo di palma e salice) ogni famiglia ebraica ricorda così l’esilio del nostro popolo nel deserto prima di entrare in Terra d’Israele.

Ecco le prime foto in arrivo!

Cracovia, Polonia

Nell’ambito delle preparazioni, il nostro emissario Rav Avi Baumol ha visitato la sinagoga Isaac di Cracovia per incontrare i bambini del Frajda – JCC, parlando del significato delle mitzvot nell’ebraismo, come coprirsi la testa con la kippà, indossare il tallit, appendere la mezuzà, costruire una sukkà ecc. Anche Rav Eliezer Gurare era presente e ha parlato di cosa sia casher e cosa no.

Continue reading “Preparativi per Sukkot!”

Laura Ben-David ha visitato la Scandinavia per parlare del lavoro di Shavei Israel

Laura Ben David, direttrice del marketing e dei social media presso Shavei Israel, ha visitato numerose comunità ebraiche in Scandinavia. Questo fa parte del suo lavoro come volontaria presso l’OTS Amiel BaKehila, sponsorizzato dal Ministero israeliano della Diaspora. Durante quest’ultimo viaggio in Scandinavia, ha potuto parlare degli ebrei “nascosti” e “perduti” di tutto il mondo e del lavoro che Shavei Israel svolge costantemente per aiutarli a riconnettersi alle loro tradizioni.

Laura ha parlato in Finlandia, Svezia, Norvegia e Danimarca. A Helsinki si sono tenuti due incontri, con 60 membri della comunità ebraica locale e con 90 bambini di tutte le età, tutti studenti dell’unica scuola ebraica della capitale. Tutti i partecipanti agli incontri di Laura erano molto emozionati e felici del tempo passato insieme. In particolare è rimasto impresso uno Shabbaton a Helsinki, dove Laura ha parlato della comunità Bnei Menashe e del loro commovente viaggio.

Ed ecco qui alcune foto:

Il figlio di un emissario di Shavei Israel, combatte il “terrorismo degli aquiloni” a Sderot

Yishai Salas di Sderot, figlio di Rav Elisha Salas, emissario di Shavei Israel in Spagna e Portogallo, combatte ogni giorno con gli aquiloni incendiari che vengono fatti atterrare in Israele, bruciando così i campi degli agricoltori e causando enormi danni ai raccolti e all’ambiente.

Salas che lavora come pompiere nella città oramai da 5 anni, ha aiutato a spegnere dozzine di incendi recentemente. “Sento il dovere di proteggere gli abitanti di Sderot e delle zone circostanti”, ci dice. “Per me e per i miei amici, il confronto con il fuoco è una vera e propria guerra, ma diamo il massimo delle nostre forze e capacità per permettere ai nostri residenti di condurre una vita normale, contenere i danni e salvare vite”.

Yishai, 27 anni, nato in Cile, è immigrato in Israele, da solo, per fare il soldato, servendo in un’unità medica nel battaglione Duchifat. Dopo la fine del servizio, ha deciso di rimanere a Sderot, per questioni ideologiche. “Sono orgoglioso di vivere in Israele”, ci dice, “mio padre è rabbino della comunità in Portogallo e ogni volta prima che inizi il mio turno, mi chiama per sapere come mi sento e per augurarmi buona fortuna”.

Lo staff di Shavei Israel è immensamente orgoglioso di Yishai e prega per il successo e l’incolumità, per lui e per tutti i nostri coraggiosi pompieri.