RACCONTI DI BNEI ANOUSIM

RACCONTI DI BNEI ANOUSIM

Nell’ambito della programmazione del nostro Maani Center, con l’aiuto e i consigli di Shaar Binyamin e del nostro caro amico Federico Pipman, rappresentante di Mama Mía 360, questa settimana si è tenuto uno speciale panel di storie personali chiamato “Tales of Bnei Anousim”. Abbiamo avuto come ospiti speciali Rav Eliahu Franco da El Salvador e Eliav Riera da Cuba.

Le storie sono state molto commoventi e hanno davvero ispirato tutti coloro che hanno partecipato. Viene a dimostrare l’importanza del popolo ebraico nel corso della storia. I nostri ospiti hanno condiviso la loro esperienza di ritorno al giudaismo e la strada difficile che hanno attraversato, così come tutte le benedizioni e i miracoli che hanno visto lungo il loro cammino e che continuano a vedere nelle loro vite costruite ora nella terra di Israele.

Puoi ascoltare le tue storie nei video che condividiamo di seguito (in spagnolo).

Abbiamo anche invitato Rav Natan Menashe che ci ha affascinato con una lezione speciale intitolata “Discovery” dove espone la scoperta dei segreti trovati nel Tanach e le sorprendenti rivelazioni della Megillat Esther. Nel libro di Ester ci sono i presagi degli eventi che sarebbero poi accaduti al popolo ebraico e la straordinaria performance della regina Ester che, come molti Bnei Anusim, dovette in seguito nascondere il suo ebraismo e la sua origine per salvarsi la vita e quella di tutto il popolo ebraico.

Abbiamo anche avuto l’onore di incontrare “per caso” due importanti personalità Israel Gantz, sindaco di Shaar Binyamin, e l’autore e scrittore del libro Pninei Halacha, Rav Eliezer Melamed, ci hanno fatto visita, dove ha condiviso un bellissimo messaggio su Tisha B’ Av.

L’evento è stato da molti catalogato come un incontro arricchente e necessario dove ogni persona presente ha potuto conoscere un po’ di più sull’ebraismo e sulle storie personali degli ospiti che, in modo speciale, aiutano a rafforzare e incoraggiare il popolo e il popolo ebraico in corso. conversione al giudaismo.

Guarda tutte le foto dell’evento a questo link.

RACCONTI DI BNEI ANOUSIM

UN’ESPERIENZA AL MUSEO ISRAELE

UN’ESPERIENZA AL MUSEO ISRAELE

Nell’ambito della nostra programmazione del Centro Ma’ani, con l’obiettivo di preservare, promuovere e diffondere il patrimonio e la cultura unici delle varie comunità, abbiamo portato un gruppo di 32 persone al Museo di Israele sotto la guida della nostra Edith Blaustein in spagnolo.

 I nostri partecipanti erano persone che sono tornate alle loro radici ebraiche e hanno superato la loro conversione attraverso il nostro programma di conversione in spagnolo Machon Miriam.

Abbiamo aperto l’attività con un’introduzione del rabbino Eliyahu Shefer, rabbino della comunità di Belmonte, in Portogallo. È stato molto emozionante ascoltare la sua storia personale che puoi ascoltare nel video seguente. (Ebraico con traduzione in spagnolo).

Inoltre, il rabbino Shefer ci ha regalato un paio di libri. Una era la sua memoria personale, che include la storia di come sua madre abbia venduto una menorah di famiglia al museo per avere soldi per la sua educazione in Israele. L’altro libro riguarda le sue indagini sulle antiche tombe ebraiche di Belmonte.

‘introduzione del rabbino Eliyahu Shefer, rabbino della comunità di Belmonte, in Portogallo

Eliav Riera, che ha partecipato al tour, ha osservato: “Nel passare degli anni è molto interessante come siano sopravvissute le tradizioni e le usanze ebraiche. Questa è la prova di quanto sia eterno il popolo ebraico”.

UN MEMORABILE TU B’SHEVAT A LODZ, POLONIA

UN MEMORABILE TU B’SHEVAT A LODZ, POLONIA

La comunità ebraica di Lodz, in Polonia, con l’emissario di Shavei Israel, il rabbino Dawid Szychowski, ha celebrato un Tu B’Shevat molto speciale.

La prima parte aveva lo scopo di incontrare gli attivisti polacchi che preservano l’eredità ebraica della loro città. I partecipanti hanno appreso dal rabbino Dawid di Tu B’Shevat e Lidka Checinska di Piotrkow Trybunalski hanno presentato l’organizzazione “Kesher” e le proprie attività per preservare l’eredità ebraica nella sua città. È la prima attivista a presentare da un elenco di attivisti nella regione che saranno invitati a presentare il loro lavoro nei prossimi incontri durante il programma annuale su “Il ciclo delle feste ebraiche: prospettive culturali e universali”

Per la seconda parte dell’evento, tutti si sono recati nella speciale Tenda della Pace, preparata dalla Chiesa cattolica nell’ambito della loro partecipazione alle “Giornate dell’ebraismo”. Le “Giornate dell’ebraismo” vengono celebrate ogni anno dal 1998 in molte città della Polonia dalla Chiesa cattolica. È un’opportunità per i cattolici di riscoprire le radici ebraiche della loro religione e ricordare loro che l’antisemitismo è un peccato.

La Tenda della Pace fu eretta nel luogo dove un tempo c’era la Sinagoga Ebraica di Baluty. L’evento è iniziato con un concerto commovente. La parte principale della serata è stata un ‘seder’ Tu B’Shevat guidato dal rabbino Szychowski, che ha spiegato il significato dei simboli e della festa.

Credito fotografico: Pawel Mnich

Da Tarapoto Al Suo Bar Mitzvah

Da Tarapoto Al Suo Bar Mitzvah

-Gli ebrei di Tarapoto sono ebrei del Perù che provengono dagli ebrei dell’Amazzonia-

Siamo felici di accompagnare i processi di conversione e anche di accompagnare le gioie dei nostri studenti anche dopo la conversione. Oggi vi presentiamo Baruch BenShajar Pérez che ha compiuto 13 anni e ha celebrato il suo Bar Mitzva (figlio dei comandamenti) ed è ora considerato, secondo la halacha (legge ebraica), responsabile delle sue azioni.

La famiglia condivide i loro sentimenti: anche se è vero che ogni giorno è un giorno di grande benedizione per noi e ringraziamo Dio per tutto, tuttavia, il giorno del Bar mitzvah è un giorno molto speciale per noi poiché segna un nuovo capitolo nella la vita di nostro figlio e ci sentiamo fortunati ad aver potuto celebrarla come cittadini israeliani dopo la nostra conversione e il lungo desiderio di essere in terra d’Israele.

Dice il Pirkei Avot 5:24,

a 5 anni inizia lo studio della Torah, a 10 lo studio della Mishnah e a 13 l’adempimento dei precetti.

Come ebrei, il futuro della vita si affronta nel presente con decisioni che abbracciano il futuro… il nostro futuro preparandoci nell’anticamera per poter entrare nella stanza (il mondo a venire).

Ogni passo della vita all’interno della nostra identità ebraica sarà sempre accompagnato dall’anelito alla continuità della vita attraverso le generazioni a venire.

Suo zio ha aggiunto: Voglio sottolineare che il mio caro nipote Baruch BenShajar è un giovane con virtù eccezionali, un giovane che riflette il desiderio di essere ogni giorno migliore in un mondo di Torah.

TU BI SHEVAT: PERCHÉ L’UOMO È L’ALBERO DEL CAMPO

TU BI SHEVAT: PERCHÉ L’UOMO È L’ALBERO DEL CAMPO

Il 16 gennaio 2022, in occasione di Tu B’Shevat, il 15° giorno del mese di Shevat celebrato come il ‘Capodanno per gli Alberi’, si terranno celebrazioni in tutto il mondo ebraico tra cui speciali ‘seders’, o pasti organizzati simili al seder di Pasqua, ma con particolare attenzione ai frutti speciali della terra di Israele.

Nella comunità ebraica di Łódź, in Polonia, si terrà un programma unico per gli attivisti della comunità ebraica e per le persone interessate a conoscere le tradizioni e la cultura ebraica.

La celebrazione sarà divisa in due parti: la prima parte degli eventi si svolgerà nel pomeriggio, nella comunità ebraica di Łódź situata a Łódź in ul. Pomorska 18. La seconda parte della cerimonia, in serata, sarà in realtà in una tenda organizzata dalla Chiesa cattolica come parte delle “Giornate del giudaismo”, dove apprendono e riconoscono le osservanze ebraiche.

Un seder (vino, frutta e parole della Torah) e un concerto speciale sono previsti come parte del procedimento.

L’intera cerimonia si terrà in conformità con le normative vigenti in relazione al Covid-19.

La quota di partecipazione

è di PLN 20 Per coloro che sono interessati a partecipare è possibile RSVP la vostra presenza e alloggi (facoltativi) fino al 14 gennaio 2022

Contatto:

Julia Sokołowska, poland@shavei.org

WhatsApp +48 883761640

PORTARE AVANTI LA TRADIZIONE

PORTARE AVANTI LA TRADIZIONE

Uno dei costumi tradizionali indossati dalle donne nello stato di Mizoram, nel nord-est dell’India, è l’abito chiamato ‘Puan’. I puan sono sempre stati una parte intrinseca del guardaroba di Mizo. Dopo che il popolo Mizo è passato da “Siapsuap” (una gonna d’erba) a vestiti di stoffa, il puan è diventato un indumento indossato da entrambi i sessi. Era semplicemente indossato avvolto intorno al corpo sotto le braccia.

Anche altri tipi di puane venivano tessuti e usati come biancheria da letto e scialli. Nel 20 ° secolo, gli uomini indossavano raramente puan poiché i pantaloni erano diventati di moda e popolari. Tuttavia, le donne continuarono a indossare puan, sebbene ora fossero indossate in stile sarong, avvolte intorno alla vita con una camicetta in cima; una pratica che continua ancora oggi. Un puan è normalmente lungo tra 55 e 60 pollici e largo 48 pollici. Oggi ci sono più di 30 varietà di puan, con diverse tribù che hanno le loro versioni, ognuna differenziata dai suoi motivi e strisce per contrassegnare i significati culturali. I motivi come il fiore di pan di zenzero, le stelle, le rose, la pelle di tigre, ecc., Sono tradizionalmente intrecciati. Il più noto e intricato dei Mizo puan è il ‘puanchei’.

Utilizzato nei balli festivi e in altre occasioni speciali, è il possesso più prezioso di una donna Mizo. È interessante notare che ancora oggi una donna non si sposa senza puanchei. Oggi i puane vengono realizzati anche in sacchetti per ricordare e mantenere viva la cultura Mizo. E non solo per le donne… Gli uomini a volte li indossano per indossare il loro tallit. Dopotutto, i puan fungevano da deposito della storia e della cultura, della tradizione e dei costumi del popolo Mizo in modi esteticamente gradevoli, pratici e utili.

UN CHANUKAH DA RICORDARE

UN CHANUKAH DA RICORDARE

Nonostante molte difficoltà, quest’anno abbiamo avuto la fortuna di portare le famiglie Bnei Menashe dall’India in Israele, di cui 262 a ottobre. Questi nuovi olim (immigrati) hanno celebrato la loro primissima Chanukah in Israele nel nostro centro di assorbimento a Goren, nel nord. Un certo numero di donne locali ha deciso di fare il possibile per contribuire a renderlo un Chanukah da ricordare.

L’iniziativa di raccogliere giocattoli nuovi (o come nuovi), o le donazioni per acquistarli, è stata pubblicizzata sia a Beit Shemesh che a Tekoa, nonché al pubblico in generale e la risposta è stata commovente.

L’acquisto dei regali è stato un lavoro di squadra straordinario. Shayna Levine-Hefetz, Tehila Derfler, Aliyah Derfler e suo fratello si sono divertiti a fare shopping presso l’incredibile Anak Stock a Kfar Etzion che, ancora una volta, ci ha regalato il 10% di sconto sui nostri acquisti. Hanno scelto con cura giocattoli e giochi adatti all’età di ogni bambino.Aliyah ha preso il comando, portando un taccuino con le età e i sessi di tutti per essere sicuri che ogni bambino abbia ricevuto un regalo.

Devorah Barr raccolse i doni di Shayna a Neve Daniel e li riportò a Shaina Abraham a Beit Shemesh, dove raccolse sia i doni donati che quelli acquistati e li avvolse tutti per renderli festosi e allettanti. Poi li ha consegnati ai nostri uffici a Gerusalemme, etichettati e pronti per essere distribuiti.

Allo stesso tempo, Tamar Okun, anche lei di Neve Daniel, ha passato in rassegna la sua collezione di abiti usati delicatamente che erano stati donati e ha preparato pacchetti organizzati con dimensioni e sesso chiaramente indicati. Ha quindi consegnato questi articoli ai nostri uffici, con grande stupore del personale nel vedere quanto fosse ben organizzato e facile da distribuire ai bambini.

Alla fine, gli articoli sono stati tutti caricati su veicoli e portati fino a nord fino a Goren, il nostro centro di assorbimento, e distribuiti ai bambini Bnei Menashe molto felici.

Che progetto straordinario che ha creato una Chanukah davvero memorabile!

BNEI MENASHE (RI)SPOSARSI IN ABBIGLIAMENTO TRADIZIONALE

BNEI MENASHE (RI)SPOSARSI IN ABBIGLIAMENTO TRADIZIONALE

Dopo la loro aliyah in Israele in ottobre e la conversione formale all’ebraismo, sei coppie Bnei Menashe che erano già sposate in India hanno la possibilità di passare di nuovo sotto la chuppah in una “seconda” cerimonia di matrimonio secondo la legge ebraica nel nostro centro di assorbimento a Goren.

Di solito le donne Bnei Menashe a queste cerimonie scelgono di indossare uno dei tanti bellissimi abiti da sposa che procuriamo per loro, vestendosi nel modo “occidentale” a cui gran parte del mondo è abituato. Tuttavia, questa volta, tutte e sei le coppie, sia gli uomini che le donne, hanno scelto di indossare il costume tradizionale dei Bnei Menashe. I Bnei Menashe, mentre si vestono alla maniera tipica occidentale, hanno anche numerosi articoli di propria progettazione e realizzazione, in particolare i tessuti che realizzano. Gonne, gilet e altri indumenti sono realizzati con questi tessuti speciali, ciascuno con uno degli oltre 50 modelli unici, simbolici di una diversa famiglia o “tribù”. Ecco alcune immagini dei matrimoni. Guarda quanti diversi di questi tessuti riesci a individuare.

Ecco alcune foto dei matrimoni. Guarda quanti di questi diversi tessuti riesci a riconoscere!

UN BAMBINO DI TRE ANNI IN ECUADOR SI FA IL PRIMO TAGLIO DI CAPELLI

UN BAMBINO DI TRE ANNI IN ECUADOR SI FA IL PRIMO TAGLIO DI CAPELLI

Il piccolo Moshe Muñoz, un bambino di tre anni in Ecuador, si è appena tagliato i capelli ed è molto emozionato. Non era solo un taglio di capelli, però. C’è un’usanza speciale che molti ebrei hanno di aspettare che un ragazzo abbia tre anni per tagliarsi i capelli per la prima volta, e poi si fa con una cerimonia speciale.

Moshe, figlio di Yaacov Muñoz, il capo della comunità ebraica di Ambato, in Ecuador, stava attraversando un rito di passaggio osservato da molti sia nelle correnti ashkenazite che sefardite dell’ebraismo. Chiamata “chalakah” in ebraico o “upsherin” in yiddish, la cerimonia è più di un semplice taglio di capelli. Si celebra l’ingresso formale del bambino nel sistema scolastico religioso ed è il momento in cui il ragazzo inizia a indossare la “kippah” e lo “tzitzit”.

L’idea di tre anni come fase di transizione deriva dalla mitzvah di “orlah”. La Torah dice che se pianti un albero, tutti i frutti che crescono durante i primi tre anni sono “orlah” – off-limits. Proprio come il frutto di orlah è vietato per tre anni, c’è una tradizione di lasciare in pace i capelli di un bambino durante i primi tre anni.

Il padre di Moshe, Yaacov, ha detto: “Sono molto grato ad Hashem perché mi ha dato un figlio e, naturalmente, a mia moglie. Ora abbiamo il piacere di celebrare la sua chalakah e speriamo che cresca con le “mitzvot” e sia grande nella Torah. Mia moglie ed io speriamo solo di godere di più felicità insieme come famiglia”.

Lo speriamo anche noi. La famiglia Muñoz è speciale per noi per tutto il lavoro che svolge per la propria comunità. È chiaro che crescere in casa Muñoz sarà il miglior esempio per il piccolo Moshe.

Mazal tov!

GIORNATA DELL’ALIYAH ALLA KNESSET

GIORNATA DELL’ALIYAH ALLA KNESSET

Per celebrare la commemorazione di Yom HaAliya da parte della Knesset, Michael Freund insieme a venti uomini e donne Bnei Menashe, sono stati invitati alla Knesset dal Ministro dell’Assorbimento, Penina Tamano-Shata.

I Bnei Menashe che hanno partecipato facevano tutti parte del gruppo che ha fatto aliya dall’India quest’anno a maggio / giugno, e sono venuti vestiti con il loro abito tradizionale e culturale, dimostrando un po ‘della loro cultura per la gente lì. La visita ha incluso un tour e l’incontro con vari dignitari. In una foto in movimento puoi vedere il Bnei Menashe davening mincha (servizi pomeridiani di preghiera) proprio fuori dalla Knesset.

Così commovente!!