La popolazione Lemba (Zimbabwe, Malawi, Sudafrica)

Due uomini Lemba

I Lemba sono una popolazione presumibilmente ebraica dell’Africa meridionale, molti dei quali vivono tra Zimbabwe, Malawi e Sudafrica. La comunità nell’insieme conta circa 70mila persone. Anche se parlano gli stessi linguaggi Bantu dei loro vicini africani, alcune delle pratiche religiose dei Lemba sono simili a quelle del giudaismo. Le loro tradizioni suggeriscono una loro migrazione in Africa, dalle comunità ebraiche dello Yemen.

Nonostante però i Lemba possano essere discendenti di antenati ebrei, non hanno praticato il giudaismo da molti secoli. Successivamente, alcuni hanno voluto passare all’ebraismo. Oggi, molti Lemba sono Cristiani o Musulmani.

Alcune delle pratiche religiose e credenze simili a quelle del giudaismo includono:
• Sono monoteisti (chiamano il loro Dio creatore Nwali).
• Riservano un giorno alla settimana alla santità e alla preghiera di Nwali (simile allo Shabbat ebraico).
• Pregano Nwali di tutelare i Lemba, considerandosi il popolo eletto.
• Insegnano ai figli di onorare il padre e la madre.
• Non mangiano maiale e altri cibi proibiti dalla Torah, o le combinazioni proibite dei cibi permessi.
• Il loro metodo di macellazione, che permette loro di consumare la carne, assomiglia alla scechità ebraica.
• Praticano la circoncisione maschile (modelli di organi maschili circoncisi sono stati trovati nel Gran Zimbabwe).
• Incidono una Stella di Davide sulle loro pietre tombali.
• Ai Lemba viene sconsigliato di sposare non-Lemba, così come agli ebrei viene sconsigliato di sposare non-ebrei.
• I Lemba seppelliscono i loro morti in posizione distesa piuttosto che accovacciata. Continue reading “La popolazione Lemba (Zimbabwe, Malawi, Sudafrica)”

Aliyah dall’India: Paomang Issachar Haokip canta una nuova canzone nella Terra Santa

Brian Blum

Vi presentiamo una serie di profili dei Bnei Menashe che hanno fatto aliyah in questi ultimi due anni con l’aiuto di Shavei Israel. Questa settimana “cantiamo” le preghiere di Paomang Issachar Haokip.

———-

Paomang Issachar Haokip ama cantare. Il Bnei Menashe 43enne del piccolo villaggio di Mateyang dello stato indiano nordorientale di Manipur, ha fatto da chazan (cantore) per la sinagoga della comunità, per dieci anni. Successivamente venne nominato presidente della comunità Bnei Menashe di Mateyang.

Nonostante fosse molto gratificante potere cantare lodi a D-o in India, Issachar sognava “da anni e anni” di fare aliyah, per potere “gridare al Creatore” dalla Terra d’Israele.

Il chazan è anche conosciuto come il shaliach tzibur, che significa letteralmente “l’agente della comunità”. Il chazan tramite questa mansione porta un gran carico di responsabilità: rappresentare fedelmente e umilmente tutti quelli che sono venuti a pregare. Per dieci anni, quando Issachar ha recitato le benedizioni della preghiera Amidah a nome della sua comunità, implorando D-o di permettere il rientro degli esiliati a Zion, ha sperato che la sua preghiera si avverasse – e che anche lui fosse incluso nel grande rientro nella Terra Santa. Continue reading “Aliyah dall’India: Paomang Issachar Haokip canta una nuova canzone nella Terra Santa”

Un matrimonio ebraico in Polonia

Brian Blumsafe_image

Quando Chaim Kobylinski e Dvora Loksova si sono sposati alla fine del mese scorso a Varsavia, la cerimonia è stata molto di più di una semplice unione tra due ragazzi Ebrei innamorati. Piuttosto, il loro matrimonio è servito da simbolo dell’importante rinascita della vita ebraica in un luogo dove il 90 per cento della popolazione ebraica è stato assassinato durante l’Olocausto.

Il presidente di Shavei Israel, Michael Freund, è stato presente al matrimonio di Chaim e Dvora. “Molti hanno creduto che l’Olocausto sia stato un colpo troppo forte per lo sviluppo della vita ebraica in Polonia” racconta. “E invece, eccoci qua, a cantare e ballare a ritmo di musica ebraica tradizionale, con Chaim e Dvora che si sposano sotto la chuppah nel cortile della Scuola Ebraica di Varsavia”. Continue reading “Un matrimonio ebraico in Polonia”