Qualche pensiero sulla preghiera ebraica

Shavua tov a tutti!
È stata fatta una domanda a Rav Zilbershtein che è riportata nel suo libro “Shutim Vearev Na”.
Una persona sta facendo l’amidà (preghiera centrale del rito ebraico) e vede dalla finestra del tempio che il vigile sta passando a far le multe alle macchine parcheggiate senza parchimetro, si rende conto che anche lui si è scordato il parchimetro …la domanda di Halachà è la seguente: si può interrompere l’amidà per andare a metter il parchimetro evitando la multa?


Rav Zilbershtein risponde che si può.
H. Has al mamono shel Israel.
Cioè, Dio si preoccupa dei soldi di am Israel (popolo di Israele) e non vuole – has veshalom – una perdita economica…per questo è permesso interrompere l’amidà; proprio per questo motivo. Si tratta però di un’interruzione fisica, ossia spostarsi fisicamente da un posto all’altro…è chiaro che però l’interruzione a parole non è mai permessa perché considerata efsek gamur : interruzione completa.

Rav Zilbershtein riporta un altro caso in cui permetteva che durante l’amidà un padre che pregava col bimbo in braccio, potesse interrompere l’amidà portando fuori il bambino se quest ultimo disturbava il tempio piangendo…Ne deduciamo quindi che ci sono dei casi in cui l’amidà può essere interrotta muovendosi, ma mai parlando…
La domanda ora è: la persona che è uscita interrompendo l’amidà per mettere il parkimetro o per far uscire il bimbo che piange, quando rientra al tempio ricomincia amidà da capo o da dove si è interrotto?

Risposta: se la persona si è assentata per il tempo che impiegava a finire l’amidà, allora deve ricominciare da capo altrimenti da dove si è interrotto.

Parashà Ekev – commento di Eitan Della Rocca

וְעַתָּה֙ יִשְׂרָאֵ֔ל מָ֚ה יְהֹוָ֣ה אֱלֹהֶ֔יךָ שֹׁאֵ֖ל מֵֽעִמָּ֑ךְ כִּ֣י אִם־לְ֠יִרְאָ֠ה אֶת־יְהֹוָ֨ה אֱלֹהֶ֜יךָ לָלֶ֤כֶת בְּכָל־דְּרָכָיו֙ וּלְאַֽהֲבָ֣ה אֹת֔וֹ וְלַֽעֲבֹד֙ אֶת־יְהֹוָ֣ה אֱלֹהֶ֔יךָ בְּכָל־לְבָֽבְךָ֖ וּבְכָל־נַפְשֶֽׁךָ:

Deuteronomio 10-12

“Or dunque, Israel, che cosa chiede da te il Signore, Iddio tuo? (Null’altro) se non se temere il Signore, Iddio tuo, seguire tutte le sue vie, ed amarlo, e servire il Signore, Iddio tuo, con tutto il cuore e con tutta l’anima…”

Questo importantissimo verso della Parasha settimanale è la base di molte alachot e riflessioni.

Rabbi Zidkiau Ben Avram Arofe apre il suo libro di “Alacha shibole aleket”, riportando il Midrash che ci invita a non leggere :”מה ה״  cosa D. Chiede da te ?” Ma di leggere piuttosto : “מאה = cento  …H. Ti chiede soltanto 100 berachot al giorno (facilmente raggiungibili se si prega 3 volte al giorno) meno di Shabbat…”

Questo verso però contrasta con un insegnamento dei chachamim nel trattato di Berahot 33b: “Acol bide shamain huz meirat shamaim” tutto è nelle mani di H. tranne il timore di H.”

Continue reading “Parashà Ekev – commento di Eitan Della Rocca”

Parashà Vaetchanan

Dice il kedushat alevi (rabbi izhaq Levi miberdiciov) sull’inizio della parasha di vaetchanan.

“Vaetchanan el H. Baet ai lemor”
“E supplicai H. In quel momento dicendo”
Secondo il k alevi “dicendo” è superfluo…cosa ci viene quindi ad insegnare?
Moshe starebbe chiedendo una mano ad H. Per aiutarlo a pregare, “e supplicò H. Dicendo” supplicò di poter dire, di poter rivolgersi ad H. e poter pregarlo…
Questa è l’origine di :”H. Sefatai tiftah ufi iagid Teilateha” prima dell’amidà…questa formula non sarebbe stata inserita dagli anshe keneset aghedola, che formularono l’amida, e questo perché questi ultimi non avevano bisogno di chiedere una mano a pregare per il loro livello spirituale…
Più tardi, scendendo spiritualmente di livello, è diventato necessario imparare da Moshe rabbenu a rivolgersi sempre ad H. Prima della tefillà per far sì che lui stesso (baruch u u uvaruch shemo) possa aiutarci in questo arduo percorso.