UN SEDER DI ROSH HASHANA SEFARDITA

Quando si tratta di Rosh Hashanah, le famiglie Sefardite e Mizrahi come la mia a Calcutta, in India, hanno un segreto da condividere con il resto del mondo ebraico: un caratteristico seder di Capodanno ben oltre le mele immerse nel miele. . La prima notte di vacanza, teniamo una cerimonia speciale a casa durante la quale recitiamo benedizioni su una varietà di cibi che simboleggiano i nostri desideri per il prossimo anno.

Tutte le benedizioni in questo rituale iniziano con le parole yehi ratzon (che sia la volontà di Dio) e tutte richiedono doni divini di generosità, forza e pace. Il rituale è noto come seder (ordine) perché le benedizioni vengono recitate in un ordine specifico. Ironia della sorte, quell’ordine varia in base all’usanza e alla comunità.

Le origini del rituale possono essere fatte risalire al Talmud (Horayot 12a), dove Abaye parla di presagi che hanno un significato e suggerisce che all’inizio di ogni nuovo anno le persone dovrebbero prendere l’abitudine di mangiare i seguenti cibi che crescono a profusione e quindi simboleggiano la prosperità: zucca, una verdura simile a un fagiolo chiamata robbia, porri, barbabietole e datteri.

È difficile tracciare come la cerimonia si sia evoluta da quella menzione talmudica alla sua forma attuale. Secondo l’autore di libri di cucina Gilda Angel (Cucina festiva sefardita), “Si dice che quando lo studioso babilonese Hai Gaon (939-1039) lasciò la sinagoga di Rosh Hashanah, i suoi studenti gli portarono un cesto pieno di frutti diversi su cui recitato varie benedizioni e versetti biblici”. Il rabbino di Baghdadi Hakham Yosef Hayyim (1832-1909) menziona la cerimonia nella sua raccolta di leggi e pratiche ebraiche.

Proprio come il seder pasquale, dove cibi come erbe amare e matzah simboleggiano sofferenza e libertà, al seder Rosh Hashanah anche i cibi che mangiamo diventano vasi di significato. Ogni pasto simboleggia un buon augurio per l’anno a venire, e prima di consumare ogni pasto c’è una speciale benedizione da recitare, molte delle quali sono il risultato di giochi di parole sul nome ebraico o aramaico del cibo. Con ogni benedizione, l’aspetto mondano del pasto è guarnito con un senso di santità, shock e persino umorismo.

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE, VISITA L’ARTICOLO ORIGINALE IN INGLESE:

Un sefardita Rosh Hashanah Seder | Il mio apprendimento ebraico

One thought on “UN SEDER DI ROSH HASHANA SEFARDITA

  • September 30, 2022 at 10:37 am
    Permalink

    MELOGRANO רִמּוֹן

    L’Altissimo רִםּ che si unisce וֹ al Messia ן (per risollevarci).

    Il melograno rappresenta tutta la potenza dell’Alto che solleva chi è piegato dalle sofferenze. In particolare la nun ן diritta si riferisce al Messia che si risolleva dalla sua condizione per trascinare tutti nella redenzione.

    Il melograno per i suoi numerosi semi è sempre stato segno di abbondanza, ricchezza e fertilità.

    È uno dei prodotti elencati nella Bibbia come beni preziosi della Terra Promessa: “Paese di frumento, di orzo, di viti, di fichi e di melograni; paese di ulivi, di olio e di miele” (Dt 8:8).

    Inoltre, il melograno nella tradizione ebraica è simbolo di onestà e correttezza, dato che il suo frutto conterrebbe 613 semi, che, come altrettante perle, sono le 613 prescrizioni scritte nella Torah.

    Cantico dei Cantici 8:
    2 Ti condurrei, ti introdurrei nella casa di mia madre; m’insegneresti l’arte dell’amore.
    Ti farei bere vino aromatico, del succo del mio melograno.

    Aggeo 2:
    18 Considerate bene da oggi in poi (dal ventiquattro del nono mese, cioè dal giorno in cui si posero le fondamenta del tempio del Signore), 19se il grano verrà a mancare nei granai, se la vite, il fico, il melograno, l’olivo non daranno più i loro frutti. Da oggi in poi io vi benedirò!

    Una volta poste le fondamenta del Tempio, sarà il Messia il garante e l’artefice del successo e della benedizione, anche se le piante non daranno il loro frutto. Nel melograno è nascosta la promessa di D-o di risollevare l’umanità per mezzo del Messia!

    Mangiare i semi del melograno è come assorbire tutta la potenza nell’aver ottemperato all’osservanza delle mitzvot. Capire ogni mizvah ci rende liberi, e come ogni seme ben curato esso produrrà altri frutti di vita spiritualmente sana!

    Shalom,
    Giovanni

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.