UN NUOVO RUOLO IMPORTANTE PER UN DIPENDENTE VETERANO

Shavei Israel è orgogliosa ed entusiasta di aver nominato un nuovo CEO, Edith Blaustein! Anche se potrebbe essere la nuova direttrice, Edith non è nuova a Shavei. In effetti, Edith ha lavorato duramente su molti aspetti di Shavei Israel negli ultimi 14 anni.

Edith Blaustein ha fatto l’aliya in Israele dal Sud America nel 2008. Nata a Montevideo, Uruguay, Edith, che ha un master in educazione, ha iniziato la sua carriera come insegnante di storia. È passato facilmente al management, con le sue naturali capacità di leadership alimentate da numerosi corsi in management e organizzazioni senza scopo di lucro. Dopo un periodo come direttrice della Yavneh School di Montevideo, è diventata direttrice generale di tutta l’educazione ebraica a Santiago del Cile, supervisionando i programmi e il curriculum di 1.500 studenti. Infine, per vari motivi personali, Edith decise di fare l’aliyah.

Accompagnata dal figlio più giovane, che all’epoca aveva solo 11 anni, Edith si trasferì a Gerusalemme, dove vivevano già due dei suoi quattro figli. In pochi mesi, Edith ha ottenuto un lavoro come vicedirettore di Shavei Israel, che comprendeva una vasta gamma di responsabilità, dall’insegnamento al Machón Miriam, il nostro programma di conversione della lingua spagnola, al lavoro con il Rabbinato e le risorse umane dell’organizzazione, che copre tutti gli elementi finanziari , come salari e pagamenti dei fornitori, nonché aspetti legali, come contratti e lavoratori.

Dopo 14 anni in questo ruolo, non sorprende che Edith sia stata nominata CEO di Shavei Israel, un ruolo naturale e gradito e un complemento perfetto per il fondatore e presidente Michael Freund.

Shavei Israel è cresciuto enormemente sin dal suo inizio. Dai suoi umili inizi nel centro di Gerusalemme, all’affollato ufficio ora situato nel quartiere Givat Shaul di Gerusalemme, l’organizzazione ha fatto grandi passi avanti, in particolare nel processo di aliya per Bnei Menashe. Edith è stata intimamente coinvolta in ogni aspetto di questo.

Naturalmente, lavorare con Bnei Menashe è solo l’inizio. Bnei Anusim, programmi di conversione, inclusa l’apertura del programma in lingua inglese Machon Milton e, una delle cose più importanti che Shavei Israel ha fatto negli ultimi anni, l’apertura del Centro Ma’ani per preservare, promuovere e diffondere il patrimonio e la cultura unici delle varie comunità con cui Shavei lavora. Come spiega Edith: “Vedere il nostro lavoro preservare le tradizioni e il patrimonio dei Bnei Menashe, degli ebrei Kaifeng, dei Subbotnik, dei Bnei Anusim e altri, è stata un’estensione incredibilmente importante del nostro lavoro, perché è fondamentale e molto significativo preservare il tradizioni che ogni comunità porta dai propri paesi di origine. Il suo cibo, la musica, la cultura e tutte le cose speciali che lo accompagnano”.

Dopo tanti anni dedicati, Edith ha molte storie da condividere. Uno aveva a che fare con la sua stretta collaborazione con il Ministero dell’Assorbimento. Come lei stessa racconta, “Lavoro a stretto contatto con Avi Mizrahi, il nostro Project Manager per Bnei Menashe e Absorption. Ogni mese dobbiamo generare molte informazioni e rapporti per il Ministero dell’Assorbimento perché siamo una grande operazione. Mia figlia, che è una contabile, era responsabile di tutti gli uffici del tesoro dell’Agenzia Ebraica, incluso in Israele.“Un giorno mi ha detto: ‘Ima, ho incontrato una persona importante e stavamo parlando di alcuni problemi con i rapporti per il Ministero dell’Assorbimento. Ha detto che voleva che incontrassi qualcuno in una fondazione con ottimi rapporti e forse la incontrerò. Chi era? Edith Blaustein!” Nel frattempo né Edith né Avi sono contabili (il background di Avi è come assistente sociale) eppure avevano i migliori rapporti!

Edith è molto entusiasta delle sue nuove responsabilità ampliate per l’organizzazione. “Sono molto attento a fare tutto con precisione”, spiega. “È uno Shavei Israel molto diverso da quello che avevo quando ho iniziato, anche se il nuovo ruolo è una continuazione di quello che stavo già facendo. Essere una donna in un ruolo di ‘regista’ non è così facile, sia dal punto di vista di relazionarsi con altre in posizioni simili, sia sul campo con le persone con cui lavoriamo. Ad esempio, i Bnei Menashe sono sempre stati un gruppo molto patriarcale con valori patriarcali, quindi per loro vedere una donna in questo ruolo non è sempre facile. Ma per le donne è molto importante che mi vedano in questo ruolo. Lo adorano e vogliono sempre fare foto con me, è stimolante”.

Personalmente, anche per Edith le cose sono cambiate e si sono evolute. Un mese dopo il suo arrivo in Israele, ha incontrato il dottor Yehuda Schwartz e ora sono sposati da dodici anni. Oltre ai suoi quattro figli, ora ha sette nipoti.

Pensando alle sue speranze e aspirazioni per l’organizzazione, Edith diventa seria. “Shavei Israel è un’organizzazione senza scopo di lucro le cui risorse provengono principalmente da donazioni. Siamo ebrei e siamo persone di fede; tutto il tempo vediamo miracoli e viviamo di miracoli. Non diamo per scontato che “andrà tutto bene” perché abbiamo molte sfide. Preghiamo, ad esempio, di poter continuare a portare i restanti 5.000 Bnei Menashe, per riunirli alle loro famiglie e continuare a sviluppare il loro assorbimento e la loro vita in Israele.

“E continueremo con tutte le altre straordinarie comunità con cui lavoriamo, non solo aiutandole, ma anche preservando le loro preziose tradizioni e il loro patrimonio. Tutto questo importante lavoro che facciamo sono cose di cui siamo molto orgogliosi”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.