La stella di David al picco di Pawngpui

Giuseppe chiamò il suo primogenito Manasse e disse: «È perché Dio mi ha fatto dimenticare tutti i miei guai e tutta la casa di mio padre».

Questo articolo è stato scritto dall’autore, incentrato su una donna ebrea in India, che ha lottato contro ogni previsione per opporsi al patriarcato radicato nel suo stato, ma per comprendere lei e le sue conquiste in modo olistico, dobbiamo sapere chi sono i Bnei Menash, la tribù di Mannaseh, quali erano le loro origini, e come sono finiti in India? Leggiamo e capiamo! In Egitto, Manasse ed Efraim nacquero a Giuseppe da Asenath figlia di Potifera, sacerdote di On ( Genesi 46:20) I discendenti di Manasse attraverso Makir, divennero il clan makireo (Makir era il padre di Galaad); e per mezzo di Galaad, la famiglia di Galaad. La tribù di Manasse e la tribù di Efraim sarebbero diventate note come La casa di Giuseppe. Come primogenito di Giuseppe, Manasse ricevette la doppia parte dell’eredità, nonostante la maggiore benedizione di influenza e prosperità di Efraim. La tribù di Manasse ricevette una doppia porzione di terra alla conquista di Israele. Manasse ricevette una terra nella Transgiordania, a est del Giordano, e una vasta porzione di terra a ovest del Giordano. La tribù di Manasse, quindi, fu l’unica delle 12 tribù d’Israele a ricevere un’eredità su entrambe le sponde del fiume Giordano.

L’esilio

Quando il regno indipendente di Israele, fondato dalle 10 tribù del nord dopo la morte del re Salomone (X secolo aEV), fu conquistato dagli Assiri alla fine dell’VIII secolo aEV, molti israeliti furono ridotti in schiavitù. La popolazione dell’VIII secolo della regione collinare di Samaria era di 95.000 – 100.000 (Na’aman, Ancient Israel & its Neighbors, 231) dalla regione collinare di Manasse, 50.000; dalla città di Samaria, 15.000; e dalla regione montuosa di Efraim, 33.000. Così le 27.290 persone deportate da Sargon II alla caduta di Israele erano oltre un quarto della sua popolazione totale. Col tempo la tribù di Manasse fu assimilata da altri popoli e divenne così nota nella leggenda come una delle tribù d’Israele.

LA SIGNORA DI FERRO EBREA:

Un membro dei Beni Manashe, la tribù di Manasseh, una tribù perduta di Israele che trovò casa nell’India nord-orientale e nel Myanmar, Lalthlamuani, fece qualcosa che presto divenne una grande novità in India, facendo rallegrare le femministe di tutto il paese e i responsabili politici e gli attuatori pensano perché ci sia voluto così tanto tempo prima che accadesse. Diventando la prima donna in assoluto a contestare un’elezione di Lok Sabha a Mizoram, Lalthlamuani ha distrutto il patriarcato dilagante in quella parte dell’India e ha senza dubbio creato la storia. Spiegando la sua visione, ha detto: “Il riconoscimento della nostra identità fa parte della Nuova Gerusalemme che immagino. Voglio che le Nazioni Unite riconoscano che siamo una tribù perduta di Israele. Inoltre, voglio portare tutti gli ebrei, sparsi in alcune parti del nordest e del Bangladesh, sotto la Nuova Gerusalemme”. Ha assunto la presidenza della Convenzione popolare israeliana di Chhinlung.

Società Patriarcale Mizo:

Cerchiamo di capire la società da cui, Lalthlamuani, è sorta per sfidare il patriarcato, in questo mio sforzo prendo aiuto a un documento di ricerca intitolato “The Status of Women in Mizo Society” scritto da Janet C. Lalhmingpuii, e  Vijanti Namchoom in Journal of North East India Studies. Quando si tratta di successione alla proprietà a Mizoram, anche in assenza di un figlio maschio, una figlia non potrebbe rivendicare, per diritto, la proprietà di famiglia a Mizoram, ma normalmente andrebbe al parente maschio più vicino. tra i Mizo le donne avevano uno status molto basso e non potevano acquisire una vera appartenenza al campo politico-giurale né nella loro casa natale né nella famiglia del marito. Anche dopo la nascita del primo figlio, nella famiglia coniugale venivano chiamati “monu” (sposa). Infatti, fintanto che la coppia viveva con la famiglia natale del marito, la moglie, normalmente, non acquisiva lo status di membro a pieno titolo ed era sempre indicata come monu (Nunthara 1996: 85). Molti uomini Mizo maltrattano le loro mogli come aiutanti, subordinati o come servitori e non pensarli come partner. Nella società Mizo tradizionale il posto delle donne nella famiglia in questo senso era che erano sotto il dominio autocratico degli uomini. Quando si tratta di politica, lo stato ha un totale di 6.11.124 elettori di cui le femmine costituiscono 3.08,84 superando la loro controparte maschile di 6.644 elettori. Nonostante ciò, dal record della storia elettorale di Mizoram, lo stato ha visto finora solo due donne ministre in 32 anni. La prima è stata Lalhimpuii del Mizo National Front (MNF), che è stata eletta nel 1987 e la seconda donna ministro è stata Vanlalawmpuii Chawngthu, che è stata inserita nel gabinetto dell’ex Lal Thanhawla nel 2014. lo stato ha un totale di 6.11.124 elettori di cui le femmine costituiscono 3.08,84 superando la loro controparte maschile di 6.644 elettori. Nonostante ciò, dal record della storia elettorale di Mizoram, lo stato ha visto finora solo due donne ministre in 32 anni. La prima è stata Lalhimpuii del Mizo National Front (MNF), che è stata eletta nel 1987 e la seconda donna ministro è stata Vanlalawmpuii Chawngthu, che è stata inserita nel gabinetto dell’ex Lal Thanhawla nel 2014. lo stato ha un totale di 6.11.124 elettori di cui le femmine costituiscono 3.08,84 superando la loro controparte maschile di 6.644 elettori. Nonostante ciò, dal record della storia elettorale di Mizoram, lo stato ha visto finora solo due donne ministre in 32 anni. La prima è stata Lalhimpuii del Mizo National Front (MNF), che è stata eletta nel 1987 e la seconda donna ministro è stata Vanlalawmpuii Chawngthu, che è stata inserita nel gabinetto dell’ex Lal Thanhawla nel 2014.

L’ascesa di Bnei Menashe: 

Negli ultimi quarant’anni, un movimento di giudaizzazione ha messo radici tra i Chikim a Mizoram, Manipur, e lo Stato Chin della Birmania settentrionale, secondo Myer Samra   , docente associato presso il Dipartimento di Antropologia dell’Università di Sydney. Diversi membri delle tribù Chin-Kuki-Mizo che parlavano lingue della famiglia linguistica tibeto-birmana e mongoloide nel loro aspetto facciale hanno iniziato a sostenere di essere una delle tribù perdute di Israele. Questo movimento ha spinto un piccolo segmento dei Chikim alla piena conversione al giudaismo, all’insediamento in Israele e all’adozione di uno stile di vita radicalmente diverso. Nel 1936, il revivalista Saichhunga affermava che i Mizo erano “i tribali perduti di Israele”. Nel 1951 questa idea fu ripresa da  Challianthanga, il diacono capo della Chiesa Pentecostale Unita nel villaggio di Buallawn, che si trova a 140 km, a malapena alfabetizzato. a nord di Aizawl, la capitale dello stato di Mizoram. Challianthanga ebbe una visione che lo persuase che i Mizo erano discendenti di una delle tribù perdute di Israele. Di conseguenza, per sfuggire all’annientamento nell’imminente guerra di Armaghedon, dovettero seguire i precetti biblici diretti agli israeliti e tornare nella loro patria storica, Israele. Negli anni ’80 i leader Bnei Menashe, collegati con il rabbino israeliano Eliyahu Avichail, fondatore di un’organizzazione dedicata alla ricerca dei discendenti delle tribù perdute. Una volta convinto delle loro origini ebraiche, Avichail introdusse il Bnei Menashe nella pratica ebraica ortodossa contemporanea e in festività come Hanukkah. Avichail e altri hanno aiutato alcune famiglie Bnei Menashe a immigrare in Israele negli anni ’80 e ’90. “Grazie a Dio, ci sono 4.500 Bnei Menashe in Terra Santa che realizzano i sogni dei loro antenati”, afferma Tzvi Khaute, coordinatore della comunità di Shavei Israel per il Bnei Menashe in Israele e in India. L’ex insegnante di economia del liceo di Manipur “ha fatto Aliyah”, cioè è immigrato in Israele, nel 2000.

Conclusione:

Ci sono ancora molti Bnei Menashe in India e Lalthlamuani  è uno di loro. Nel 2013 i membri totali della comunità erano 7000 in India, concentrati principalmente a Churchandpur nel Manipur e Mizoram, 5000 Bnei Manash seguono attualmente il giudaismo secondo Seikhokan Hangshing segretario generale del Bnei Manashe Council, a Manipur. Secondo un quotidiano locale di Manipur India, dodici nativi degli Stati nordorientali (dell’India) tra cui Manipur e Mizoram sono attualmente sui fronti di guerra che combattono per l’esercito israeliano. Un Avi Hangshing del Corpo di carri armati delle forze di difesa israeliane (IDF), proveniente da Kangpokpi, è stato ferito durante la guerra in corso nel villaggio di Jbail nel Libano meridionale. Tinkhopao Phultual (60) di Churachandpur ha detto che pregano ogni sabato alla sinagoga per la sicurezza dei soldati ebrei nativi e per la vittoria di Israele. Lalthlamuani, la vedova del presidente fondatore della Convenzione popolare israeliana di Chhinlung, Lalchhinhima Sailo, morto il 4 aprile 2007, si è contesa come indipendente contro cinque rivali maschi per l’unico seggio parlamentare nello stato di Mizoram. I passi di Lalthlamuani hanno mostrato di cosa sono capaci i Bnei Menashe, sono un legame vivo tra le antiche civiltà dell’India e di Israele, quello che dobbiamo fare è preservare la loro cultura ovunque si trovino in India o in Israele.

leggi testo originale

https://blogs.timesofisrael.com/the-star-of-david-at-the-peak-of-phawngpui/

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.