600 anni di ostilità: i Conversos vogliono tornare mentre gli ebrei lasciano Palma di Maiorca

I discendenti degli ebrei costretti a convertirsi al cristianesimo 600 anni fa nella località turistica spagnola, mantennero in segreto le loro tradizioni ebraiche; ora, i discendenti di Conversos cercano di tornare all’ ebraismo, ma non tutti sono accoglienti

“Andavamo in chiesa ogni domenica, ma a casa una candela accesa tutta la settimana. Era una candela per il Santo Shabbat”, ha detto Pinchas, della famiglia Piña, discendente da ebrei di Palma di Maiorca che furono costretti a convertirsi al cristianesimo durante l’Inquisizione 600 anni fa.

Quando il ricercatore di piccole comunità ebraiche, Ayelet Mamo Shay, gli è stato chiesto come avesse scoperto il suo ebraismo, ha risposto con sicurezza di averlo sempre saputo. Sua nonna urlava loro di non mescolare carne e latte e usava persino un coltello speciale per macellare i polli in un modo particolare. Piña ci racconta che lui stesso macella i polli con lo stesso “coltello speciale”.

La località turistica spagnola ospita attualmente 50 famiglie. All’interno di questa minuscola comunità, si sono sviluppati conflitti interni tra coloro che gli antenati avevano resistito alla conversione al cristianesimo e i Conversos che ora hanno deciso di tornare al giudaismo. Dopo secoli di conversioni forzate, che hanno ridotto la comunità, questi conflitti interni stanno attualmente mettendo in pericolo l’esistenza della comunità.

Palma di Maiorca, capitale delle Isole Baleari in Spagna, vanta una ricca storia ebraica, piena di sconvolgimenti. Alcuni sostengono che gli ebrei vi giunsero già dopo la distruzione del secondo tempio nel 70 EV. I nativi dell’isola includono il famoso posek, Simeon ben Zemah Duran, 1391-1444 (noto come Rashbatz), classificato tra i più grandi rabbini dell’Algeria. La storia della comunità inizia a farsi interessante (e alcuni dicono oscura) durante l’Inquisizione e l’espulsione degli ebrei dalla Spagna nel 1492.

Nel 1435, la comunità ebraica dell’isola, composta da 4000 persone, fu costretta a convertirsi al cristianesimo. Da allora non c’è stata alcuna comunità apertamente ebraica sull’isola. Le sinagoghe furono convertite in chiese e le croci ornavano le porte dell’antico quartiere ebraico. Tutti i Conversos sorpresi a rispettare le leggi ebraiche, le mitzvot furono espulse.

Ayelet Mamo Shay – imprenditrice, giornalista e ricercatrice professionista di piccole comunità ebraiche nel mondo – ha studiato la storia della comunità ebraica di Maiorca e visita spesso l’isola. Spiega che 15 famiglie sono classificate come “Chuetas” – un termine dispregiativo usato per riferirsi a famiglie che si sono convertite al cristianesimo e che sono state effettivamente emarginate dalla comunità cristiana locale.

“Chiunque si chiamasse Aguiló, Bonnin, Cortès, Fortesa, Fuster, Martí, Miró, Picó, Pinya/Piña, Pomar, Segura, Tarongí, Valentí, Valleriola o Valls è stato condannato a vita di stenti ed esclusione sociale ed economica. Sebbene non potessero vivere come ebrei, si trovarono esclusi dalla comunità cristiana e si sarebbero sposati solo tra di loro”, dice Mamo Shay.

La vita ebraica continuava in segreto. L’architettura dell’isola testimonia passaggi segreti dalle case di famiglia alle chiese un tempo sinagoghe. Gli edifici tradiscono varie caratteristiche omaggi; strane usanze che coinvolgono l’accensione di candele, il digiuno in giorni che non sono correlati al calendario cattolico, nonché i rituali e le usanze relative al mangiare e alla preparazione del cibo.

I discendenti di queste famiglie hanno raccontato questi ricordi a Mamo Shay, che è anche presidente della Camera di Commercio di Gibilterra-Israele, è stata informata di questi fatti dai discendenti di quelle famiglie, che ha intervistato come parte della sua ricerca.

Mamo Shay ci dice che la questione del rimpatriato Conversos è ampiamente nota tra le comunità locali. “Abbiamo fatto un pasto meraviglioso preparato per noi dall’ex chef del re di Spagna, che discende da una famiglia Converso. Mi ha detto che ha lasciato la posizione prestigiosa perché voleva tornare alle sue radici ebraiche. Ha detto: “Mi sento malissimo a cucinare il maiale”. Mi ha anche parlato di rituali segreti praticati dalla sua famiglia, tra cui immergersi nell’acqua e separare latte e carne.“

Gli ebrei sono tornati a Maiorca negli ultimi secoli. Per molti anni la comunità ebraica ha operato separatamente da quella dei Chueta, che ora ne rivendicano il nome. Fino a sette anni fa, la comunità ebraica di Maiorca contava 100 ebrei e 30 ritornanti, armati di documenti genealogici secolari che dettagliavano nascite, morti e documenti di matrimonio delle chiese cattoliche locali che dimostravano le loro radici ebraiche.

L’uomo che li ha guidati al ritorno all’ebraismo è il rabbino Nissan Ben Avraham, originario di Maiorca, discendente della famiglia Converso Aguiló, che lui stesso “tornò”. Il rabbino Ben Avraham sottolinea che anche lui aveva sempre saputo delle sue radici ebraiche.

Una sinagoga a Palma di Maiorca

“Era più evidente quando veniva picchiato a scuola negli anni ’70, durante il regime franchista. Nei 500 anni trascorsi dall’espulsione degli ebrei dalla Spagna e dalle conversioni forzate, tutte le religioni diverse dal cattolicesimo furono ufficialmente vietate. Negli anni ’70 iniziarono ad essere permesse altre religioni, ma anche quella in modo informale. Da adolescente, sono stato sorpreso di scoprire una comunità ebraica. Era una congregazione riformata di ebrei dall’Inghilterra. Affittarono una stanza in un albergo che usarono come sinagoga. Ho iniziato a frequentare le funzioni settimanali e a giocare a bridge lì. Questo è stato 50 anni fa”, afferma Ben Avraham.

Nel 1977, all’età di 17 anni, ha creato Aliyah. Poiché la sua discendenza ebraica è solo dalla parte di suo padre, ha subito una rigorosa conversione allachica legale ebraica supervisionata dall’allora rabbino capo Shlomo Goren. “Il processo di conversione in Israele era molto più semplice all’epoca. Oggi sarebbe impossibile. Ho incontrato il rabbino capo che mi ha chiesto da dove venissi. Gli ho detto che venivo dalla Spagna. Mi ha chiesto dove si trovasse in Spagna. Quando gli ho detto Mallorca, ha subito detto ‘Ah, sei una Chueta!’. Quello era il rabbino Goren. Era ben informato sulla storia del popolo ebraico. Il mio “compleanno” di conversione è il decimo di Nissan”, il giorno in cui ho iniziato il processo.

Ci volle un lungo processo prima che il rabbino Ben Avraham diventasse un rabbino di Maiorca. “Circa 19 anni fa, sono stato avvicinato da un’organizzazione chiamata ‘Amishav’, gestita dal rabbino Eliyahu Avichayil, che stava cercando ‘ebrei perduti’ da tutto il mondo. Mi hanno detto che c’erano dei Converso in Spagna che volevano tornare. Ero sorpreso. Sono cresciuto lì. Non ci sono ebrei lì. Mi è stato detto che mi sbagliavo e che c’erano più ebrei che avevano segretamente mantenuto la loro religione.

“Siamo andati in Spagna e ho trovato più persone a Maiorca oltre a Grenada, Cordoba e Barcellona interessate a tornare alle proprie origini. Siamo entrati in contatto con un gruppo a Maiorca che voleva tornare all’ebraismo e ho iniziato a visitare quelle comunità.

הרב ניסן בן אברהם

“Amishav si è diviso ed è stata fondata una nuova organizzazione, chiamata ‘Shavei Israel’. Il rabbino Avichayil è morto alcuni anni fa e la sua organizzazione ha cessato di esistere. Sono stato in stretto contatto con lui per molti anni. Mi ospiterebbe per le serate di Seder. La scissione è stata molto difficile. Ho lavorato per Shavei Israel fino al 2017. Mi sarei presentato per due settimane a Grenada, Siviglia e Maiorca”.

Un anno fa, la comunità di Maiorca lo ha invitato a servire come loro rabbino della comunità. “Ora sono due settimane qui in Israele, due settimane a Maiorca. Sono sposato, con figli e nipoti. Mia madre e i miei fratelli, che non sono ufficialmente ebrei, vivono a Maiorca”.

Dice che in alcuni casi le persone sono state separate dal giudaismo per 600 anni. “Le rivolte del 1391 in Spagna fecero scomparire intere comunità, come quelle di Siviglia e Grenada. A Maiorca, 300 furono uccisi e altri 700 furono costretti a convertirsi al cristianesimo”.

Le famiglie non si assimilarono completamente ei simboli ebraici non scomparvero del tutto. “Maiorca ha il vantaggio di essere un’isola. È chiuso. Non c’era libertà di movimento, quindi la comunità si è tenuta per sé in termini di matrimoni e ha continuato a vivere all’interno del quartiere ebraico”.

Il rabbino Ben Avraham spiega che provare l’ascendenza ebraica non è un compito facile per i discendenti di Conversos. “La registrazione delle nascite e dei decessi è iniziata solo nel 1550, quindi abbiamo un divario dal 1490 al 1550. È molto difficile verificare cosa accadde in quegli anni. Tuttavia, se trovano qualcuno con il tuo cognome che è stato giustiziato anni dopo dall’Inquisizione perché ebreo, allora questo dimostra la tua connessione.

הרב ואשתו

Egli stima che “ci sono circa 1000 persone che sono halachicamente ebree, ma pochissime effettivamente ritornano. Ora stiamo organizzando un gruppo che non ha intenzione di creare un’Aliyah che sarà ascoltata da un beth din, una corte rabbinica dell’ebraismo. È positivo che si stiano convertendo formalmente. I Chueta si sposarono tra loro fino alla seconda guerra mondiale, quando la diminuzione dell’antisemitismo, unita all’assimilazione, fece iniziare l’apertura della comunità. La discendenza ebraica è più difficile da rintracciare in questa fase”.

I Chueta, sottoposti a varie forme di oppressione a Maiorca, iniziarono a emigrare, accendendo il dibattito sul loro ebraismo. In Israele, il rabbino Nissim Karelitz ha affrontato formalmente la questione. “Ero nella stanza quando è successo”, dice il rabbino Ben Avraham. “Ha risposto affermativamente quando gli è stato chiesto se i Chueta fossero ebrei. Gli è stato chiesto se potevano essere inclusi in un quorum di preghiera, un minyan, e ha detto “Sì, sono ebrei”. Gli è stato chiesto se avevano bisogno di una conversione rigorosa e ha risposto che non era necessario, ma forse prima del matrimonio. Il problema è che in Israele il rabbinato capo si rifiuta di accettare questa posizione”.

Nell’età dell’oro prima dell’Inquisizione, quattro sinagoghe funzionavano a Maiorca. Furono tutti convertiti in chiese. Oggi solo una sinagoga – “Benjamin Klien”, dal nome di un congregato britannico – è operativa sull’isola. Il rabbino Ben Avraham spiega che Klien era un sopravvissuto all’Olocausto sposato con una donna yemenita del quartiere Hatikva di Tel Aviv. La sinagoga usa il nosach sefardita (riti di preghiera).

Sinagoga Benjamin Klien

L’attuale appartenenza alla comunità di Maiorca è composta principalmente da ebrei del Nord Africa e del Sud America. Mamo Shay ci dice che nel 2015 ha identificato la comunità come sull’orlo dell’estinzione. “Ho festeggiato Rosh Hashana lì sette anni fa. C’erano molti ebrei, per lo più molto anziani. Hanno tenuto un pasto festivo comunitario con tutti i simboli ebraici. C’erano 93 persone lì – 90 adulti ei miei tre figli. Quando ho visto che non c’erano bambini lì, mi sono reso conto che la comunità viveva a tempo debito”.

Mamo Shay ci dice che le giovani generazioni della comunità partono per seguire opportunità accademiche e professionali e non fanno ritorno. Ma questa è solo una delle ragioni della continua scomparsa della comunità. “La questione Converso è complessa, perché negli anni non sono stati accolti. Ha creato molti conflitti, tensioni e animosità. I Converso soffrirono quando erano ebrei. Sono stati costretti a diventare cristiani ea condurre una doppia vita, e quando hanno voluto tornare non sono stati accettati.

“La secolare tensione tra i Conversos e gli ebrei ha permeato la comunità odierna, provocando l’abbandono di alcuni all’interno della comunità. Il nuovo presidente della comunità è un Converso”.

Mamo Shay ci dice che l’ex presidente della comunità, Avraham Ben Shilon, afferma che la tensione tra i gruppi ha causato “un inevitabile scoppio e i Conversos hanno ottenuto il controllo della sinagoga”. Negli ultimi tre anni, i due gruppi sono stati completamente disconnessi.

Perché i nuovi ebrei non si uniscono alla comunità per rafforzarla?

“È un mistero. Durante la pandemia di COVID-19, i figli dei membri della comunità sono tornati a casa, ma quando le cose si sono sistemate, se ne sono andati tutti di nuovo. Mi dispiace dire che non c’è una leadership giovane per facilitare l’esistenza della comunità. È molto angosciante vedere una comunità che non può sopravvivere”.

פלמה דה מיורקה

Secondo il rabbino Ben Avraham, la comunità è molto piccola. “Meno di 10 dei 50 membri della comunità sono Conversos che si sono già convertiti. Ci sono altri che si stanno convertendo, che aspettano di essere ascoltati da Beth Din. Uno di loro non ha bisogno di convertirsi. Lei semplicemente vuole il riconoscimento del suo status di ebreo, il che è un processo estremamente complicato”.

Il rabbino Ben Avraham è d’accordo. “Sono decisamente respinti per il fatto di essere Conversos. Cosa posso dirti? Ha esaurito la comunità. Alcune persone che si oppongono ai Conversos se ne sono semplicemente andate e non vogliono far parte della comunità. Maiorca ha una cultura locale molto ricca. I discendenti dei Conversos di lingua maiorchina iniziarono ad arrivare sull’isola e ciò causò la terza guerra mondiale. Si sentono maiorchini e hanno una cultura chiaramente identificabile, ma non è stata accettata nella comunità, penso che sia un peccato.“

Forse gli israeliani che vivono sull’isola potrebbero dare nuova vita alla comunità che invecchia. Ben Avraham dice che ci sono circa 50 famiglie israeliane sull’isola che non fanno formalmente parte della comunità. “Anche questo è un peccato. Gli israeliani conducono attività nella sinagoga, insegnando l’ebraico e conducendo attività natalizie per bambini a Purim, Tu Bishvat e Hannuka. Mi piacerebbe che fossero più coinvolti”.

Mamo Shay dice che alcuni degli ebrei di Maiorca che hanno scelto di boicottare la comunità, quest’anno celebreranno le feste altrove. E così, a quasi 600 anni dalle conversioni forzate a Palma di Maiorca, in questa minuscola antica comunità insulare continuano a ribollire aspri attriti.

leggi il testo originale https://www.ynetnews.com/magazine/article/hy26bajji

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.