Come un abitante di un villaggio peruviano di origine cattolica ha portato centinaia di persone alla conversione ebraica fino ad arrivare in Israele.

articolo in lingua originale, guarda le foto nel link in basso.

https://www.timesofisrael.com/how-a-catholic-born-peruvian-villager-led-hundreds-to-jewish-conversion-and-israel/

In “Il profeta delle Ande”, l’autrice Graciela Mochkofsky documenta l’improbabile storia di Segundo Villanueva, le cui rivelazioni e sforzi portarono gli “ebrei Inca” nella Terra Promessa

leggi il testo originale https://www.timesofisrael.com/how-a-catholic-born-peruvian-villager-led-hundreds-to-jewish-conversion-and-israel/

Nel 1948, un uomo peruviano di 21 anni di nome Segundo Villanueva aprì per la prima volta il tronco del padre assassinato. Era stato tramandato attraverso generazioni di uomini nella sua famiglia.

Fu scioccato nel trovare una vecchia copia della Bibbia. Non riusciva a capire cosa stesse facendo lì, poiché la sua famiglia era cattolica e quindi gli era proibito possedere Bibbie. Solo i sacerdoti potevano leggere il libro sacro e trasmetterne il contenuto alla gente, capì.

Questa strana scoperta ha cambiato il corso della vita di Villanueva, portandola su un sentiero altamente improbabile da Rodacocha, un piccolo borgo delle Ande dove è nato nel 1927, all’antico cimitero ebraico sul Monte degli Ulivi a Gerusalemme, dove nel 2008 fu sepolto sotto il nome di Zerubbabel Tzidkiya.

Poiché Villanueva ha osato aprire quella Bibbia proibita e leggerla, alla fine è diventato un ebreo osservante, dopo aver prima provato diverse identità religiose cristiane e sincretiche meno conosciute.

Villanueva portò con sé molti altri nel suo viaggio risoluto per comprendere la parola di Dio come scritta nella Bibbia ebraica. La sua ricerca genuina e senza fine della verità ha portato centinaia di famiglie peruviane a convertirsi al giudaismo ea vivere in Israele. Sono arrivati ​​in tre piccole ondate di aliya (immigrazione) tra il 1990 e il 2006.

“Questa è una delle storie più affascinanti in cui mi sono imbattuto come giornalista”, ha detto la giornalista e autrice di origine argentina Graciela Mochkofsky, che l’ha approfondita per molti anni.

Il 2 agosto, quando Mochkofsky ha messo insieme gli eventi della vita di Villanueva, e quelli dei suoi familiari e seguaci, ha portato a “Il profeta delle Ande: un viaggio improbabile nella terra promessa”.

Ebrea da parte di padre, Mochkofsky, 53 anni, è il nuovo preside della Craig Newmark Graduate School of Journalism presso la City University di New York. Nel tracciare il racconto del “profeta”, ha messo a frutto le sue capacità di giornalista: l’autrice ha appreso che sebbene i principali contorni della storia riportata da Villanueva fossero veri, ha costantemente affrontato la sfida di separare i fatti dalla finzione.

È iniziato con il primo resoconto che Mochkofsky ha incontrato su Villanueva e sui suoi seguaci, che alla fine si sono chiamati Bnei Moshe. Era un saggio scritto dal rabbino Chabad-Lubavitch Myron Zuber intitolato “Converting Inca Indians in Peru”, che ha letto nel settembre 2003.

Secondo Zuber, “Tutto iniziò nel 1966, nella città peruviana di Trujillo, con un uomo chiamato Villanueva, un buon cattolico che frequentava spesso la chiesa… Dopo un certo periodo, Villanueva giunse alla conclusione che la Chiesa cattolica non poteva soddisfare la sua ricerca spirituale; decise di abbracciare l’ebraismo.

“Non ci è voluto molto per accumulare 500 persone che desideravano anche convertirsi al giudaismo… Villanueva ha cambiato il suo nome in Tzidkiyahu ed è venerato come profeta e leader in Israele”, ha continuato Zuber.

Mochkofsky avrebbe poi scoperto che in realtà non era quello che era successo, in Perù o in Israele.

“Il profeta delle Ande: un viaggio improbabile nella terra promessa” di Graciela Mochkofsky (Knopf)
Ma l’articolo di Zuber, per quanto problematico fosse, ha incuriosito Mochkofsky abbastanza da scavare nella storia. Dopo diversi viaggi di reportage in Perù e Israele per incontrare i membri del Bnei Moshe, ha scritto un libro in lingua spagnola intitolato “La Revelación” (La Rivelazione).

Pubblicato nel 2006, l’autore ora la definisce “una prima edizione molto imperfetta” di “Il profeta delle Ande”. Una delle ragioni principali di ciò era la sua incapacità di intervistare Villanueva. Si trovava in Perù quando lei era in Israele e viceversa. (Non è stata nemmeno in grado di parlare con lui per questo nuovo libro perché, quando è stata in grado di lavorarci, aveva sviluppato la demenza.)

“Il primo libro era più una favola sulla fede e la ricerca della verità. Non avevo le risorse per fare tutte le ricerche necessarie. Per avere la storia completa ho bisogno di conoscere più storia e di più sul giudaismo e sull’ebraico, su Segundo e sulla politica di Israele”, ha detto.

Un profeta curioso
Nel frattempo, Mochkofsky sentiva parlare di un numero crescente di comunità simili ai Bnei Moshe che spuntavano in Sud America. Ne ha scritto uno a Bello, alla periferia di Medellín, in Colombia, che è stato pubblicato su The California Sunday Magazine nell’aprile 2016.

“Al momento in cui ho finito di scrivere ‘Il profeta delle Ande’, c’erano circa 60 di queste congregazioni in 14 paesi dell’America Latina”, ha detto Mochkofsky.

La storia del Bnei Moshe inizia con Villanueva, all’epoca giovane falegname, che legge la Bibbia e raccoglie intorno a lui gruppi di persone per leggerla e discuterne con lui. Le domande e il desiderio di Villanueva di comprendere il vero significato della parola di Dio erano incessanti. Coinvolgerebbe chiunque abbia voglia di studiare.

Ha contattato studiosi e leader religiosi locali presso le congregazioni protestanti che stavano spuntando per la prima volta a Cajamarca, dove viveva.

“La storia di Segundo è stata parallela all’afflusso di chiese protestanti nelle Ande nel 20° secolo. Ci sono state tante interpretazioni quanti sono gli studenti”, ha detto Mochkofsky.

Ma quando ha iniziato a fare domande impegnative, le porte si sono chiuse in faccia.

Prendendo la Bibbia in un senso molto letterale, Villanueva non riusciva a capire perché i cristiani che conosceva osservassero il sabato la domenica, in contraddizione con quanto scritto nei Cinque libri di Mosè. Alla fine si unì a una chiesa che non solo aveva senso per lui, ma era anche accogliente: il Movimento di riforma avventista del settimo giorno.

“Quell’apertura, così come la loro osservanza del Sabbath di sabato, rigide restrizioni dietetiche, zelo dogmatico e conservatorismo sociale – le donne indossavano gonne lunghe, niente trucco o gioielli e non usavano profumo – hanno fatto appello a Segundo e al suo gruppo”, Mochkofsky scrive.

Ma dopo qualche tempo, Villanueva non si sentiva ancora bene su dove fosse. Così, nel 1962, fondò la sua chiesa, l’Israele di Dio. Dopo aver appreso della piccola congregazione di José Alfredo Loje, Israelites of the New Covenant, Villanueva adottò il loro uso del calendario lunare e l’osservanza dei giorni festivi israeliti menzionati nella Torah, come Sukkot, Pesach e Shavuot.

Zerubbabel Tzidkiya (a destra) nell’insediamento di Elon Moreh in Cisgiordania, 1990 (per gentile concessione di Yehoshua Tzidkiya)
Identificandosi ancora come cristiani, i membri di Israele di Dio fondarono congregazioni in diverse località del Perù centro-settentrionale, incluso un piccolo insediamento che si costruirono in Amazzonia nel 1967 che chiamarono Hebron.

Fu solo quando Villanueva riuscì ad accedere a una libreria religiosa in Perù che vendeva una varietà di traduzioni della Bibbia che si rese conto che la traduzione per impostazione predefinita comporta errori e interpretazioni.

Decise che la versione della Bibbia che doveva seguire è l’ebraico originale, così iniziò a imparare la lingua. Questo alla fine lo portò a essere ulteriormente turbato dalle incongruenze tra la Bibbia ebraica e il Nuovo Testamento e dal modo in cui potrebbe aver interpretato male le scritture.

Alla fine concluse che Gesù non era il Messia e che lui e il suo gregge dovevano diventare ebrei. Sarebbero conosciuti come i Bnei Moshe.

Dolori al parto per Bnei Moshe
“Per la terza volta nella sua vita, a quarantasei anni, Secondo è stato colpito da tutta la forza della rivelazione, portata dalle pagine di un libro. Ecco, finalmente, la spiegazione… Nessuno dei profeti aveva detto che il Messia sarebbe venuto due volte, prima per fallire, poi per trionfare. Gesù non era stato, e non poteva essere, il Messia. Il suo messianismo era stata un’invenzione umana, ben intenzionata ma falsa”, scrive Mochkofsky.

Poi iniziò la complicata politica della conversione del Bnei Moshe al giudaismo e dell’aliya a Israele.

Per la maggior parte, le congregazioni di ebrei assimilati di discendenza europea in Perù non volevano avere nulla a che fare con i Bnei Moshe, né dubitando delle loro intenzioni né discriminandoli a causa del loro background razziale e del loro status socio-economico. Non accettati nelle sinagoghe stabilite, Villanueva e il suo popolo costruirono le proprie case di preghiera in stile baraccopoli da utilizzare fino a quando non avrebbero potuto convertirsi ufficialmente e fare aliya in Israele.

Zerubbabel Tzidkiya nell’insediamento di Kfar Tapuach in Cisgiordania, 2004 (per gentile concessione di Yehoshua Tzidkiya)
Quando un rabbino conservatore è arrivato in Perù offrendo di convertirli, il severo Villanueva ha rifiutato, dicendo: “Grazie, ma stiamo cercando una conversione ortodossa”.

Segundo ha inviato lettere a rabbini e leader ebrei in Nord America e Israele, sperando di ottenere il loro sostegno. La maggior parte non ha mai risposto. Alcuni hanno risposto e fatto visita, in particolare rabbini religiosi sionisti che consideravano il Bnei Moshe come una possibile fonte di ebrei che potevano stabilirsi in Cisgiordania per aumentare la popolazione ebraica lì.

L’approvazione del rabbinato capo di Israele sarebbe necessaria per questa conversione di massa estremamente insolita di persone che non rivendicavano origini ebraiche (sebbene il figlio di Villanueva stia ora cercando di dimostrare un legame con gli ebrei espulsi dalla Spagna nel 1492).

Dopo che furono forniti rapporti positivi da rabbini israeliani in visita, un beit din (gruppo di tre rabbini) tornò il 17 agosto 1989 per amministrare gli esami e convertire 160 Bnei Moshe. Molti degli ebrei appena coniati scelsero nomi ebraici. Villanueva divenne Zerubbabel Tzidkiya.

Il 28 febbraio 1990 Tzidkiya e il primo gruppo arrivarono in Israele. Sono stati immediatamente portati all’insediamento di Elon Moreh nella Cisgiordania settentrionale. Molti di loro si sono successivamente trasferiti nell’insediamento di Kfar Tapuach.

Alla fine altri due gruppi di peruviani convertiti al giudaismo, i Bnei Abraham e gli ebrei Inca, arrivarono in Israele. Israele alla fine ha posto fine all’immigrazione nel 2006, quando ha iniziato a sembrare che molti candidati fossero più interessati alle opportunità economiche che all’essere ebrei osservanti.

Mochkofsky ha detto che non pensa che i Bnei Moshe siano stati manipolati da coloro che li hanno stabiliti in Cisgiordania senza dare loro la possibilità di scegliere dove vivere.

Tomba di Zerubbabel Tzidkiya, cimitero del Monte degli Ulivi, Gerusalemme, 2016 (per gentile concessione di Graciela Mochkofsky)
“I media erano razzisti al momento dell’arrivo dei Bnei Moshe. Erano visti come privi di azione, come un fenomeno. Ma non li vedo come pedine. Tutti i soggetti coinvolti avevano un’agenda o un obiettivo e i Bnei Moshe avevano i loro. Hanno capito cosa era cosa e hanno ottenuto quello che volevano. Erano dove volevano essere. La loro è una storia di successo”, ha detto l’autore.

Senza rivelare spoiler, è possibile dire che i lettori de “Il profeta delle Ande” saranno sorpresi da come sono andate le cose per Segundo Villanueva/Zerubabel Tzidkiya negli anni dopo aver finalmente realizzato il suo sogno di stabilirsi in Israele come ebreo . Mochkofsky certamente lo era.

“Pensavo che la fine del mio libro sarebbe stata la sua aliya di successo, ma non è stato così”, ha detto.

C’è una svolta verso la fine del libro che lascia i lettori ad ammirare Tzidkiya per il suo impegno illimitato nella sua ricerca spirituale, ma anche a compatirlo per questo.

Ci sono diversi modi per leggere questo libro. Ma uno è vederla come una tragica e infinita ricerca della verità da parte di un uomo che è stato consumato da un libro”, ha detto Mochofsky.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.