Un atteggiamento di accettazione: la vera riforma della conversione di cui abbiamo bisogno – opinione

C’è un punto chiave che è stato trascurato in mezzo a tutti i battibecchi: il nostro atteggiamento verso coloro che scelgono di convertirsi, che non è meno bisognoso di miglioramenti.

Di MICHAEL FREUND

La conversione è stata nelle notizie molto di recente e per tutte le ragioni sbagliate.

I piani del governo di approvare una legislazione che riformerebbe il sistema di conversione di Israele hanno scatenato una feroce protesta, con sostenitori e oppositori che invocano retorica e persino vetriolo che sembrano stranamente fuori luogo data la natura spirituale dell’argomento in questione.

Il dibattito si è incentrato su chi dovrebbe essere autorizzato a convertire, quali standard di conversione dovrebbero essere applicati e chi deve avere l’autorità ultima per conferire il timbro di approvazione dello stato.

Per quanto importanti siano queste domande, c’è un punto chiave che è stato trascurato in mezzo a tutti i battibecchi: il nostro atteggiamento verso coloro che scelgono di convertirsi, che non è meno bisognoso di miglioramenti.

Dopotutto, il processo è cruciale, ma lo sono anche le persone. Occorre compiere ogni sforzo per garantire il rispetto di adeguati standard di conversione halachica. Ma dobbiamo ricordare che queste norme includono anche l’amore per il convertito e l’accoglienza in mezzo a noi con calore e affetto.

Troppi di noi guardano ancora con sospetto ai convertiti, mettendo ingiustamente in discussione la loro sincerità o le loro motivazioni. Invece, noi come ebrei dobbiamo fare uno sforzo maggiore per abbracciare gli ebrei per scelta e inondarli di gentilezza e adorazione.

Negli ultimi due decenni, come presidente di Shavei Israel, ho lavorato con innumerevoli persone provenienti da una varietà di paesi in tutto il mondo che hanno fatto sacrifici coraggiosi ed enormi per legare il loro destino con il popolo ebraico. In un mondo in cui l’antisemitismo e l’odio per gli ebrei è in aumento, la decisione di unirsi al popolo di Israele è niente di meno che coraggiosa e persino eroica.

In effetti, come ebrei di nascita, abbiamo molto da imparare dai convertiti sul non dare per scontata la nostra fede o identità. Nel corso della storia del nostro popolo, i proseliti e la loro progenie ci hanno arricchito spiritualmente.

Le nostre preghiere quotidiane includono numerosi passi dei Salmi, che sono stati scritti dal re Davide, un discendente di Rut il Moabita. Accanto al testo in ogni edizione ebraica standard del Pentateuco c’è il commentario aramaico di Onkelos, scritto da un nobile romano che si convertì al giudaismo quasi due millenni fa. E la Bibbia stessa include il Libro di Abdia, che fu scritto da un convertito edomita che divenne un profeta ebreo.

Diversi luminari talmudici le cui regole hanno plasmato l’ebraismo come lo conosciamo oggi erano discendenti di convertiti, come il grande rabbino Akiva e il suo allievo Rabbi Meir. A proposito di quest’ultimo, il Talmud dice in Eruvin 13b: “Rabbi Aha bar Hanina ha detto: È rivelato e conosciuto prima di Colui che parlava e il mondo è venuto in essere che nella generazione di Rabbi Meir non c’era nessuno che fosse suo pari”.

È interessante notare che l’atto di convertire un gentile al giudaismo non è elencato tra le 613 mitzvot della Torah da nessuno dei principali codificatori della legge ebraica, ma il requisito di amare il convertito lo è sicuramente.

Il Sefer Hahinuch, un testo del 13° secolo attribuito a uno studente di Nahmanide che enumera le mitzvot, dice (Mitzvah 431): “Ci è comandato di amare il convertito”, osservando che “siamo avvertiti di non causare loro alcun dolore, ma piuttosto di fare loro del bene e trattarli rettamente come meritano”.

E nel suo grande compendio della legge ebraica, la Mishneh Torah, Maimonide scrive (Hilchot De’ot 6:4) che “Dio ci ha comandato riguardo all’amore di un convertito, proprio come ci ha comandato di amarLo”, e aggiunge che “Dio Stesso ama i convertiti, come dice la Torah (in Deuteronomio 10:18), ‘e ama i convertiti'”.

E una delle affermazioni più potenti di tutte si trova nel Midrash Tanhuma (Lech Lecha 6), dove Rabbi Shimon ben Lakish afferma: “Un proselita è più amato davanti al Santo, sia Benedetto, di tutti coloro che stavano sul Monte Sinai [cioè, il popolo di Israele]”.

Spiega che se le persone che stavano al Sinai “non avessero sperimentato il tuono, le fiamme, i fulmini, il tremito della montagna e il suono degli shofar, non avrebbero accettato il giogo del Regno dei Cieli”.

Al contrario, dice Rabbi Shimon ben Lakish, il convertito al giudaismo non ha assistito a nessuna di queste cose e tuttavia ha scelto di sua spontanea volontà di accettare Dio. Conclude chiedendo retoricamente: “C’è qualcuno più prezioso di questo?”

Tuttavia i cambiamenti si svolgono nella battaglia sul sistema di conversione di Israele, quando la polvere si deposita faremmo bene a prendere a cuore le parole di Rabbi Shimon ben Lakish. Piuttosto che concentrarci esclusivamente su come perfezionare il processo di conversione, dobbiamo anche dare la priorità alla ricerca di modi per abbracciare coloro che si uniscono al popolo ebraico. Solo allora potremo dire che il sistema di conversione sarà stato veramente riformato.

Lo scrittore è fondatore MICHAEL FREUND e presidente di Shavei Israel (www.shavei.org), che aiuta le tribù perdute e altre comunità ebraiche nascoste a tornare al popolo ebraico.

Articolo tratto dal Un atteggiamento di accettazione: la vera riforma della conversione di cui abbiamo bisogno – opinione – The Jerusalem Post (jpost.com)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.