Parashat Shemot

 Rav Reuven Tradburks

Parshat Shemot

Il popolo ebraico è in Egitto. Una nuova Paro si preoccupa delle dimensioni del popolo ebraico. Decreta lavori forzati, infanticidio e poi annega attivamente i bambini maschi. Moshe è nato, cresciuto nella casa della figlia di Paro. Dopo aver visto gli ebrei maltrattati, fugge a Madian, si sposa e si stabilisce lì. All’età di 80 anni, Moshe incontra il roveto ardente. D-o gli ordina di andare a Paro e chiedere, nel nome di D-o, di liberare il popolo ebraico. Moshe, dopo aver tentato di rifiutare questa missione, va a Paro. Paro aumenta gli oneri. La gente si lamenta.

 Aliya (1:1-17)

70 Bnei Yisrael scendono in Egitto. Crescono estremamente numerosi, riempiendo la terra. Sorge un nuovo re che non conosceva Yosef. Temendo che gli ebrei si unissero ai nemici dell’Egitto, cerca di indebolire il loro numero. Una tassa sul lavoro è seguita da lavoro oppressivo. Poi le ostetriche vengono istruite a uccidere i bambini ebrei. Le ostetriche temono D-o e non ascoltano la direttiva di Paro.

Il libro di Shemot, dell’Esodo è radicalmente diverso da Bereshit. Bereshit era la storia delle persone: Avraham, Yitzchak e Yaakov, Sarah, Rivka, Rachel e Leah. Poi Yosef e i suoi fratelli. E sovrapposto alla storia delle persone c’è il ritornello divino: “Ti do la terra promessa ad Avraham”. È quasi come una canzone con un ritornello; ogni persona è il verso, con il coro della promessa di D-o della terra ripetuta. Avraham e la sua vita, con la promessa di D-o ripetuta. Yitzchak e la sua famiglia, con la promessa di D-o ripetuta. Yaakov e poi la storia di Yosef, con la promessa di D-o ripetuta. In Bereshit il popolo è al centro della scena, con D-o sempre presente ma di poche parole; la promessa ripetuta.

In Shemot D-o e l’uomo si scambiano posto. È la storia del controllo divino del destino ebraico. Lui è il direttore principale, il popolo ebraico i semplici attori teatrali. Non è più in agguato, con ripetute promesse. Agisce, domina, controlla, manipola. Inizia, comunica, comanda. Più tardi, al Sinai, Egli si rivela.

Ma la Sua apparizione inizia solo quando tocchiamo il fondo.

Paro agisce per indebolire il popolo ebraico. Azioni viziose, tra cui l’omicidio. Le ostetriche temono D-o, rifiutano di uccidere. Non c’è menzione delle azioni di D-o. Lo abbiamo già visto prima. Il nome di D-o è assente dalla vendita di Yosef, come è qui. Spirale verso il basso possiamo fare da soli. L’uomo fa un ottimo lavoro di crudeltà tutto da solo. D-o appare quando tocchiamo il fondo.

2Aliya (1:18-2:10)

Le ostetriche difendono le loro azioni a Paro. Nasce Moshe, messo in acqua in un cesto. La figlia di Paro lo salva. Miriam fa in modo che la madre di Moshe lo allatti. Viene restituito alla figlia di Paro e chiamato Moshe.

Quando Moshe nasce sua madre “ha visto che era buono”. E fu messo in acqua, anche se in un cesto. Quei 2 elementi, acqua e “era buono”, ci ricordano subito il primo giorno della creazione. All’inizio “lo spirito di D-o aleggiava sulle acque” (Genesi 1:2). E quando la luce fu creata, “D-o vide la luce ed era buona”. Il fatto che Moshe sia stato messo nell’acqua e sua madre “abbia visto che era buono” potrebbe essere il modo in cui la Torah dice che c’è una nuova storia della creazione in corso: con la nascita di Moshe, un nuovo mondo sorge per il popolo ebraico.

 Aliya (2:11-25)

Moshe matura. Esce per vedere i travagli dei suoi fratelli. Difende un ebreo uccidendo il suo aggressore egiziano, e poi salva un ebreo da un aggressore ebreo. Fugge per salvarsi la vita da Midian, aiuta le figlie di Yitro, viene accolto da Yitro, sposa Zipporah, ha un figlio Gershom. “Perché io sono uno straniero in una terra straniera”. D-o vede la sofferenza degli ebrei e ricorda la sua alleanza con Avraham, Yitchak e Yaakov.

Moshe chiama suo figlio Gershom, per “Sono uno straniero”. A quale strana terra si riferisce? Essere un ebreo in Egitto? O essere un egiziano a Midian? Dov’è la casa di Moshe?

La storia fino a questo punto è la storia delle persone; D-o deve ancora apparire. In un mondo senza la presenza di D-o, ci sono persone buone e persone cattive. Paro, il male. Ostetriche, buone. I genitori di Moshe, coraggiosi. La figlia di Paro, buona. Sorella di Moshe, altruista. Padrone di schiavi egiziano, crudele. Ebrei in lotta, violenti. Yitro, accogliente.

E Moshe? Esce. Interessato. Aiuta chi ha bisogno di aiuto. Sente angoscia; uno sconosciuto.

Appare D-o. Il suo nome appare 5 volte in 3 versi. Ora tutto cambia. O forse no. Tutta l’attività umana fino a questo punto; l’ha orchestrata, o è la gente che fa quello che fa la gente? Alcuni buoni, altri no? O semplici burattini nella mano del burattinaio?

4. Aliya (3:1-15)

Moshe e il roveto ardente. Moshe, Moshe, Hineni. D-o parla, Moshe si rannicchia. D-o gli dice: Ho visto la sofferenza del Mio popolo. Li salverò dall’Egitto e li porterò nella terra del latte e del miele. Vi mando ad andare a Paro e lui libererà il mio popolo dall’Egitto. Moshe obietta: chi sono io per andare a Paro? E il popolo ebraico si chiederà chi mi ha mandato. D-o dice: dite loro il D-o dei loro antenati, Avraham, Yitzchak e Yaakov vi hanno mandato.

L’intera storia della Torah cambia qui. D-o passa dalla forza invisibile dietro l’azione umana a dettare direttamente l’attività umana. Egli dice a Moshe che porterà il popolo ebraico fuori dall’Egitto e lo porterà nella terra di Israele. Fino ad ora, al popolo ebraico è stata promessa la terra, ma ha vissuto solo con la promessa, non con il suo adempimento. Non hanno visto la Mano di D-o, ma l’hanno piuttosto rilevata dietro gli eventi. Come disse Yosef: “D-o mi ha portato in Egitto per salvare la famiglia”. Non l’ha mai sentito. Guardò dietro il velo e lo rilevò.

Ora il velo è steso. A Moshe viene detto in vividi dettagli esattamente ciò che accadrà. Gli ebrei saranno mandati da Paro. La storia dell’Esodo dall’Egitto è un pilastro della fede ebraica perché è una palese e diretta dimostrazione della Mano di D-o nella nostra storia. È la Sua Mano in piena mostra, non dietro il velo.

 Aliya (3:16-4:17)

D-o continua: Radunate il popolo. Dite loro che li porterò nella Terra. Ascolteranno. Vai a Paro. So che non ascolterà. Colpirò gli egiziani. Sarai caricato con oro, argento e vestiti dagli egiziani. Moshe è ancora convinto che la gente non gli crederà. D-o gli dà dei segni: il bastone si gira verso il serpente e poi indietro, la mano diventa lebbrosa e poi indietro. E acqua al sangue. Moshe obietta: Non sono un buon oratore. D-o dice: Io parlo all’uomo. Manderò Aharon con voi. Egli parlerà. Prendi il tuo staff.

Mentre Moshe sente più dettagli e gli vengono dati segni da portare al popolo, accetta con riluttanza di essere il condotto umano per la Mano Divina. Si rende conto che le sue debolezze umane sono irrilevanti; è semplicemente il burattino nella mano del burattinaio. L’Esodo dall’Egitto non è la storia di un grande leader carismatico che guida il suo popolo dall’oppressione alla libertà, mostrando il potere della volontà umana di fronte all’ingiustizia. È la storia della Mano Divina che guida gli eventi umani attraverso un leader riluttante. Questa non è la storia di Moshe. È del Divino. Moshe accetta con riluttanza il suo ruolo in questa, la più importante manifestazione della Divina Provvidenza nella storia.

 Aliya (4:18-31)

Moshe riceve la benedizione di Yitro per tornare in Egitto. D-o dice a Moshe che coloro che cercano la sua morte sono morti. D-o gli dice di dire a Paro: D-o dice che Israele è il mio primogenito. Manda mio figlio, perché se non lo fai, ucciderò il tuo primogenito. Zippora circoncide suo figlio. Aharon saluta Moshe. Raccolgono la gente. Il popolo crede che D-o li redimerà.

D-o aggiunge un’altra cosa a Moshe; Israele è il Mio primogenito. Come a dire: “Moshe, questa è una storia d’amore. Considero il popolo ebraico come il mio amato primogenito”. E. Il rifiuto da parte di Paro si tradurrà in una punizione divina. Il nostro ethos occidentale è a disagio con questi principi centrali del giudaismo: la mano di D-o nella storia, l’amore di D-o per il popolo ebraico e la punizione divina. Come disse Rabbi Sacks, z”l; Radicale quindi. Radicale ora.

7. Aliya (5:1-6:1)

Moshe e Aharon si avvicinano a Paro, chiedendo un viaggio di 3 giorni nel deserto per festeggiare. Paro rifiuta. Aumenta il carico di lavoro. Nasce un conflitto tra i lavoratori ebrei e i supervisori egiziani. Gli ebrei criticano Moshe per aver aumentato il loro fardello. Moshe si lamenta con D-o. D-o lo rassicura che attraverso una mano forte, Paro li manderà fuori.

Moshe incontra la scomoda realtà degli esseri umani. Lo svolgimento del piano divino non preclude la resistenza. Le persone non abbracciano il piano divino a braccia aperte. L’uomo serpeggia mentre il piano divino si svolge. Ma unfold lo fa.


Informazioni sull’autore:

Rav Reuven Tradburks è il direttore di Machon Milton, il corso preparatorio inglese per la conversione, un’associazione del Consiglio rabbinico d’America (RCA) e Shavei Israel. Inoltre, è il direttore della RCA-Region Israel. Prima della sua aliyah, Rav Tradburks ha servito 10 anni come direttore della Corte di conversione Vaad Harabonim di Toronto e come rabbino congregazionale a Toronto e negli Stati Uniti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.