Rosh Hashanah 5782

La lettura della Torah di Rosh Hashana viene letta con un nusach unico, una melodia commovente. Durante l’anno abbiamo un certo numero di musicalità diverse usate per la lettura pubblica: c’è una melodia durante l’anno per la lettura della Torah, uno diverso per l’Haftorah e diversi per il Megillot. Le diverse melodie, trasmettono un significato. D-o parla all’uomo, si rivela all’uomo in modi diversi. La Torah è una forma: diretta. I Profeti è diverso – attraverso le visioni. E Ketuvim, gli Scritti, è anche una comunicazione diversa: è ispirazione, ispirazione divina. Le diverse forme di comunicazione con l’uomo si esprimono utilizzando melodie diverse nella loro lettura.

La melodia per Rosh Hashana e Yom Kippur è inquietante. Le diverse melodie riflettono diversi stati d’animo di rivelazione. La melodia della Torah è in chiave maggiore: il discorso di D-o all’uomo è forte e solido. La melodia delle haftorah è in chiave minore, poiché molte delle profezie sono dure e critiche e molte devono ancora aver luogo. In Rosh Hashana ci vediamo più vicini al Re, più intimi, nel Santo dei Santi per così dire. Questa vicinanza è allo stesso tempo meravigliosa e spaventosa, gioiosa e con trepidazione. Essere vicino a Lui e Lui vicino a noi è un’esperienza inquietante. Quindi, la melodia di Rosh Hashana è di per sé ossessionante.

Giorno 1.
La lettura della Torah per il primo giorno è Genesi, capitolo 21, v. 1-34. Questo capitolo descrive la nascita di Yitzchak, l’insistenza di Sarah per mandare via Yishmael e la quasi morte di Agar e Yishmael nel deserto prima di essere salvati. Si conclude con un patto stipulato tra Avraham e Avimelech a Beer Sheva.

1° Aliya (Genesi 21:1-4). La promessa fatta ad Avraham e Sarah viene concessa e nasce Yitzchak. Nel descrivere la nascita, la frase “come disse” compare 3 volte nei primi 2 versi. Questo è il motivo per cui questo viene letto su Rosh Hashana. Il tema Zichronot non è solo che Dio ricorda, ma che fa ciò che promette, agisce in base a ciò che dice. Ha concesso a Sarah il bambino che ha promesso.
2a aliya (21:5-12) Sarah dice “tutti quelli che sentono parlare di questa nascita rideranno”. Quindi Yitzchak. La storia ebraica inizia con gli increduli. Una risata, che esprime quanto sia incredula questa nascita. Sarah non sapeva quanto sarebbe stata davvero incredula la nostra storia.
Sarah chiede che Agar e Yishmael siano mandati via, perché solo Yitzchak è il nostro futuro. Anche se questo non piace ad Avraham, Hashem gli dice che Sarah ha ragione, perché Yitzchak è il futuro ebraico. Mentre diamo valore a tutte le persone, il destino ebraico è diverso, il nostro popolo è diverso e il nostro patto con D-o è diverso.
3° aliya (21:13-21) Avraham si sveglia presto per mandare via Agar e Yishmael. Vanno a Beersheva. Non può sopportare di vedere la morte di suo figlio, un angelo le dice che suo figlio è salvato mentre D-o ha sentito la voce del bambino; anche lui sarà una grande nazione. Apre gli occhi e vede l’acqua e bevono. Cresce e diventa arciere.
Questa è una storia parallela all’Akeda( legatura di Isacco)che leggeremo domani. Al mattino presto, via, con un figlio, vicino alla morte, l’angelo chiama, i suoi occhi sono aperti.
C’è un tema universale di Rosh Hashana, di tutta la creazione di D-o. Ci sono grandi nazioni. Come Yismaele. Ma il parallelo con la storia di Yitzchak e dell’Akeda sta nell’evidenziare la differenza. Ci sono molte grandi nazioni. Yishmael diventa un grande arciere guerriero. Ma Yitzchak manterrà il patto. C’è solo un popolo ebraico.
4a aliya (21:22-27 Avimelech fa un patto con Abramo perché “D.o. è con te in tutto ciò che fai”. Anche questa è una promessa adempiuta. Ad Abramo fu promesso che avrebbe avuto un grande nome. La sua fama è diventata realtà. Do promette e adempie quelle promesse.
5° aliya (21:28-34) Chiamano il nome del luogo Beersheva dalla parola giuramento, o patto. Anche questo vuole trasmettere un contrasto: Avimelech e Avraham fanno un patto, ma il loro è un patto terreno; in agguato sullo sfondo delle persone che fanno alleanze, c’è l’alleanza molto più pesante e cosmica di un patto con il Divino.

Giorno 2.
La lettura della Torah sono i 24 versi della Genesi, capitolo 22. Questa storia, Akedat Yitzchak, il legame di Isacco è l’espressione più drammatica di quanto l’uomo sia disposto ad andare lontano nella sua fedeltà a D-o. È una storia complessa. Ma la semplicità della storia, l’impegno profondo e incrollabile di Avraham è maestoso. La storia si conclude con l’ariete, impigliato nel boschetto per il corno; lo shofar che usiamo per Rosh Hashana.
1a aliya (Genesi 22:1-3) D-o mette alla prova Avraham: prendi il tuo amato figlio e offrilo come offerta. Avraham si sveglia presto, si alza e va con i suoi assistenti, con Yitzchak e con la legna.
La drammaticità della storia è smentita dalla formulazione sorprendentemente semplice: hineni, eccomi, si è svegliato presto, si è alzato ed è andato a fare ciò che D-o gli chiedeva. Colpisce l’assenza di qualsiasi dialogo, di qualsiasi domanda, di sfida a D-o, di discussione con Sarah, di spiegazione a Yitzchak. Questa semplicità guida il messaggio della semplicità della lealtà di Avraham a G-d. Perché questa storia terribilmente complessa è alla radice abbastanza semplice. Questa semplicità è un tema di Rosh Hashana.י Viviamo in un mondo terribilmente complicato; abbiamo molte domande senza risposta, domande teologiche, molte sfide e confusione. Ma a un livello molto profondo e profondo siamo semplici nella nostra devozione. Come lo shofar: nessuna parola, solo un semplice richiamo dal profondo delle nostre anime.
2° aliya (22:4-8) Arrivano sul posto. Gli assistenti restano indietro. Avraham e Yitzchak camminano insieme. Yitzchak chiede dove sia l’offerta. Avraham risponde che D-o fornirà l’offerta. E camminano insieme.
Camminano insieme. Questa unione è ironica, poiché Avraham sa che dovrà sacrificare Yitzchak, mentre Yitzchak non lo sa. O forse lo fa. Forse sta davvero insieme ad Avraham. Mentre Avraham è messo alla prova, anche Yitzchak lo è. Il ruolo di Yitzchak come l’offerta disponibile è drammatico. E come padre del popolo ebraico esprime l’immagine dell’ebreo quasi distrutto, ma sopravvissuto.
3° aliya (22:9-14) Abramo costruisce l’altare, sistema la legna, pone Yitzchak sull’altare e prende il coltello per massacrare suo figlio. L’angelo interrompe; istruirlo a non massacrare suo figlio, né a fare nulla, poiché ora sappiamo che non mi tratteresti nemmeno da tuo figlio. Avraham vede l’ariete e lo offre al posto di suo figlio. Chiama il luogo “D-o vedrà, yireh” ed è chiamato la montagna in cui si vede D-o (Har Hamoriah).
Che altro si può dire di questo momento potente e drammatico. La montagna si chiama “Egli vede” e “Egli è visto”. 2 direzioni: Lui ci vede, noi vediamo Lui. La storia gli diceva molto su Avraham. Vide Avraham non solo professare la fede, ma essere fedele. E la storia ci dice molto su di Lui. Ciò che non possiamo percepire in Lui rimane misterioso: perché ha fatto questo. Vediamo e sappiamo poco delle Sue vie. Ma allo stesso tempo c’è qualcosa che vediamo: la sua misericordia e la sua fedeltà a noi. Questo era chiaro da vedere. Ha salvato Yitzchak e ha salvato Avraham da un momento infido. Il perché rimane misterioso; ma la lealtà verso di noi si mostra brillantemente.
4° Aliya (22:15-19) L’angelo chiama Abramo una seconda volta. Gli viene detto che D-o giurò che se Abramo non avesse trattenuto suo figlio, lui e i suoi figli sarebbero stati benedetti, sarebbero stati una benedizione e sarebbero stati un grande popolo.
Anche questo è un tema di Rosh Hashana. La Creazione del mondo era un’espressione del desiderio divino di un partner nell’uomo. La scelta di Avraham è stata un’espressione più intima del desiderio divino di un partner specifico nell’uomo. E l’espressione della benedizione al popolo ebraico è un’ulteriore espressione della nostra alleanza unica. Rosh Hashana non è solo la maestà di D-o, ma la maestà dell’uomo. Siamo partner del re. Ci raggiunge, ci crea, ci sceglie, ci istruisce, ci benedice. Che mandato maestoso: i partner, il partner intimo del re.
5° Aliya (22:20-24) Ad Avraham viene detto che suo fratello ha una famiglia completa di discendenti, inclusa Rivka.
La prossima generazione è ora pronta a raccogliere questa grande alleanza e ad occupare il suo posto nella storia ebraica.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.