Salva gli ebrei subbotnik russi

Michael Freund

Sebbene numeri indicibili si siano trasferiti in Israele nell’ultimo secolo senza problemi, all’inizio degli anni 2000 sono sorti ostacoli burocratici inspiegabili e da allora la loro immigrazione è stata bloccata.

Negli ultimi 15 anni, centinaia di ebrei subbotnik nel villaggio di Vysoky, nel sud della Russia, hanno languito nel limbo, aspettando con ansia l’opportunità di fare l’aliya e riunirsi ai loro cari nello Stato ebraico. Sebbene numeri indicibili si siano trasferiti in Israele nell’ultimo secolo senza problemi, all’inizio degli anni 2000 sono sorti ostacoli burocratici inspiegabili e da allora la loro immigrazione è stata bloccata. Con l’insediamento di un nuovo governo israeliano, è giunto il momento di rimuovere gli ostacoli sul loro cammino e salvare gli ebrei subbotnik russi prima che sia troppo tardi.

Gli ebrei SUBBOTNIK non devono essere confusi con i “Subbotnik”, un gruppo completamente separato di cristiani russi che hanno scelto di osservare lo Shabbat. La storia degli ebrei subbotnik, come gran parte della storia ebraica è piena di fede e determinazione, ma anche scandita da terribili sofferenze e tragedie. Le origini degli ebrei subbotnik risalgono alla fine del XVIII e all’inizio del XIX secolo, quando le sette giudaiche sorsero nella Russia meridionale per ragioni che gli studiosi hanno faticato a spiegare. Secondo gli archivi zaristi e i documenti della chiesa russa dell’epoca, il movimento si diffuse rapidamente e crebbe fino a raggiungere il numero delle decine di migliaia.

Pur rimanendo cristiani, molti aderenti assunsero alcune pratiche ebraiche, come osservare il “Subbot”, o sabato, il sabato, portandoli ad essere indicati come “Subbotnik”.Tra questi, tuttavia, c’era un piccolo gruppo che lasciò la fede ortodossa russa e subì la conversione all’ebraismo. Riferendosi a se stessi come ai “Gerim”, usando la parola ebraica per convertiti, iniziarono a praticare apertamente l’ebraismo, che nella Russia zarista non fu un’impresa da poco. Gli ebrei subbotnik osservavano la legge ebraica, sposavano ebrei ashkenaziti russi nella città di Voronezh, e alcuni mandavano i loro figli a studiare in yeshivot in Lituania e Ucraina. Il loro abbraccio all’ebraismo non passa inosservato, e il regime russo perse poco tempo nel tentativo di distruggere il movimento. Secondo il compianto Simon Dubnow, il grande storico dell’ebraismo russo e polacco, lo zar Alessandro I venne a conoscenza dell’esistenza degli ebrei subbotnik nel 1817, quando gli chiesero di lamentarsi dell’antisemitismo che stavano soffrendo “a causa della loro confessione della legge di Mosè”.

Piuttosto che proteggere i suoi sudditi, lo zar scelse di perseguitarli. Emise una serie di crudeli decreti contro gli ebrei subbotnik, che includevano il rapimento dei loro figli, e che culminarono nella loro deportazione nelle estremità della Siberia orientale. Nel corso del tempo, molti migrarono indietro, stabilendosi di nuovo nella Russia meridionale o in Ucraina mentre cercavano valorosamente di preservare la loro identità di fronte all’oppressione zarista e successivamente sovietica. Negli anni ’20, il sesto Rebbe Lubavitcher, Rabbi Yosef Yitzchak Schneersohn, inviò un emissario di nome Rabbi Chaim Lieberman a vivere e lavorare con la comunità. Fondò un mattatoio kosher e una fabbrica di tallit, o scialle da preghiera, che era presidiata dagli ebrei subbotnik e che ha gestito le comunità ebraiche in tutta la Russia. Operarono fino a quando Lieberman fu arrestato e assassinato dai comunisti nel 1937 per la sua promozione dell’ebraismo. Quando i tedeschi invasero l’Unione Sovietica durante la seconda guerra mondiale uccisero molti ebrei subbotnik a causa della loro ebraismo.

Successivamente, nei giorni bui della Russia stalinista, gli ebrei subbotnik affrontarono l’oppressione e la persecuzione a causa della loro ostinata insistenza nel rimanere fedeli all’ebraismo.Figure di spicco nella storia moderna della nostra nazione, come il capo di stato maggiore delle IDF Rafael Eitan e il leggendario Alexander Zaid, un pioniere della Seconda Aliyah, che fondò Hashomer, un gruppo di autodifesa ebraico, un secolo fa, erano di origine ebraica subbotnik. Così come Yossi Korakin, leggendario comandante dell’unità navale israeliana Shayetet 13, deceduto durante un’operazione antiterrorismo contro Hezbollah in Libano nel settembre 1997.Decenni di comunismo sovietico hanno avuto un pesante tributo, e negli ultimi anni un numero crescente di ebrei subbotnik ha purtroppo ceduto all’assimilazione e al matrimoni matrimoni, rappresentando una minaccia per il loro futuro di ebrei.

Ecco perché è così essenziale che Israele si muova rapidamente per permettere ai rimanenti ebrei subbotnik di fare l’aliya.Prima del 2005, centinaia di ebrei subbotnik del villaggio di Vysoky, nel sud della Russia, si trasferirono in Israele, mentre migliaia di persone provenienti da altre parti dell’ex Unione Sovietica arrivarono durante la grande ondata di aliya dalla Russia che ebbe luogo durante gli anni ’90.Quando l’aliya degli ebrei subbotnik è stata fermata nel 2005, ha causato loro grandi difficoltà, dividendo le famiglie e inviando un messaggio a coloro che sono ancora in Russia che non erano davvero i benvenuti nello Stato ebraico.Il risultato fu che centinaia di ebrei subbotnik nel villaggio di Vysoky si ritrovarono lasciati indietro.Il trattamento riservato loro è stato semplicemente imperdonabile. Non c’è motivo per cui dovrebbe essere così difficile per loro fare l’aliya e tornare al popolo ebraico.

Infatti, in un recente articolo su Tchumin, un giornale halakhico, Rabbi Pinchas Goldschmidt, il rabbino capo di Mosca, pubblicò un lungo e meticolosamente studiato studio degli ebrei subbotnik. La sua conclusione è che “non possiamo distogliere lo sguardo da questa comunità e lasciarli al loro destino”. In questo modo, scrive, è probabile che li portino a perdersi a causa del popolo ebraico nel giro di pochi anni. C’è, conclude Goldschmidt, “una grande base per giudicarli convertiti kosher”, e quindi dovrebbero essere portati sull’aliya in Israele, dove possono subire un ulteriore processo per rimuovere eventuali dubbi sul loro status ebraico.Anche questa è stata la posizione assunta di recente da Rabbi Asher Weiss, uno dei più importanti haredi decisori della legge ebraica.Alla luce di ciò, chiedo al Primo Ministro e al governo israeliano di agire immediatamente per portare gli ebrei subbotnik rimasti sull’aliya. Il tempo è essenziale.Gli ebrei subbotnik si aggrapparono coraggiosamente alla loro ebraismo per due secoli, sopravvivendo all’oppressione zarista, alla persecuzione nazista e alla tirannia sovietica. Abbiamo il dovere nei confronti loro e dei loro antenati di ridurre la burocrazia e consentire loro di tornare finalmente a casa.


Michael Freund è fondatore e presidente di Shavei Israel (www.shavei.org), che assiste le tribù perdute e altre comunità ebraiche lontane a tornare al popolo ebraico.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.