IN UN’OPERAZIONE SPECIALE: 160 BNEI MEASHE IMMIGRATI IN ISRAELE

Dopo anni di attesa, circa 160 membri della comunità Bnei Menashe sono emigrati in Israele in un’operazione speciale guidata dal ministro dell’Aliyah e dell’Assorbimento Pnina Tamano-Shata.
Questo lunedì sono arrivati gli immigrati della comunità Bnei Menashe, con un volo unico e insolito, nonostante il coprifuoco sui voli dall’India, a causa del virus Corona.

La loro immigrazione è stata resa possibile dalla decisione del governo nella sua ultima riunione circa tre settimane fa, guidata dal ministro dell’Immigrazione e dell’Assorbimento, Pnina Tamano-Shata, in collaborazione con il ministro dell’Interno e il ministro delle Finanze, che ha approvato l’immigrazione di circa 550 immigrati in Israele, guidati da Michael Freund, che lavora da anni per portare i membri della comunità in Israele e per accelerare l’immigrazione comunitaria a seguito dell’improvvisa epidemia del coronavirus in India.

Si prevede che circa 450 immigrati in più arriveranno in Israele durante la festa di Tishrei (settembre) di quest’anno. Questa decisione si è aggiunta a una precedente decisione del governo durante il mandato del ministro dell’Immigrazione e dell’Assorbimento, che è stata attuata nel dicembre 2020, quando è immigrato un gruppo di circa 250 immigrati. Come ricorderete, sono passati 3 anni da quando sono emigrati gli ultimi immigrati di questa comunità e da allora è stata approvata l’immigrazione del resto di coloro che aspettano l’immigrazione, ma nel loro caso non è successo nulla e la loro immigrazione ha incontrato ostacoli, fino a quando adesso.

A seguito di un rapido processo di assorbimento all’aeroporto Ben Gurion, gli immigrati verranno mandati in isolamento secondo le linee guida del Ministero della Salute e del Comando del Fronte Interno, e trascorreranno i primi tre mesi in strutture designate con l’assistenza del Ministero della Salute Aliya e Assorbimento e Shavei Israel a Ness Ziona Una comunità di Bnei Menashe vive lì da anni.

Ministro dell’ Aliya e dell’Assorbimento, Pnina Tamano-Shata: “Vedo davanti ai miei occhi tutti gli ebrei della diaspora e l’incoraggiamento dell’immigrazione da tutto il mondo, e quindi ho agito per accelerare l’immigrazione dei cari Bnei Menashé che hanno aspettano da molti anni di emigrare in Israele. Portare ebrei da tutto il mondo in Israele, e specialmente quelli che aspettano l’aliyah da molti anni, è una priorità assoluta per me. Sono molto felice di accogliere i cari immigrati dei figli e delle figlie della comunità di Menashe che arriveranno presto, sarà fatto ogni sforzo per rendere il loro assorbimento agevole e facile. E faremo in modo di accelerare l’ascesa del resto di coloro che aspettano in India”.

Michael Freund, presidente e fondatore di Shavei Israel: “Dopo 2.700 anni di esilio, i discendenti della tribù Menashe stanno finalmente tornando nella terra dei loro antenati. La storia di questa comunità speciale, che è riuscita a mantenere il legame con il popolo di Israele e la Terra d’Israele “Il 2021 dovrebbe essere per loro un anno importante, durante il quale prevediamo di accogliere circa 550 nuovi immigrati dalla comunità , il doppio dell’importo che abbiamo ricevuto l’anno scorso. Continueremo a fare del nostro meglio fino a quando non vedremo presto gli altri membri della comunità emigrare in Israele”.

Tra gli immigrati che atterreranno in Israele nei prossimi due mesi c’è una star di YouTube di nome Zero Tangalm (24) che vive nella città di Churchanadpur, nello stato di Manipur. Il suo canale fa parte di una tendenza globale chiamata Mukbang da uno spettacolo gastronomico filmato condiviso con gli spettatori. Zero, un ebreo osservante, è ben noto nella comunità Bnei Menashe e in India in generale, e centinaia di migliaia di spettatori sono esposti ai suoi video “colorati”, basati sul cibo kosher.

Secondo la tradizione tramandata di generazione in generazione, i membri della comunità Bnei Menashe in India si considerano discendenti della tribù Menashe, una delle dieci tribù espulse da Israele alla fine del periodo del Primo Tempio, più di 2.700 anni fa dal re d’Assiria. Il loro numero è attualmente stimato in circa 10.500 persone. Circa 6.500 di loro stanno ancora aspettando di immigrare in Israele. Più di 4.000 membri della comunità sono già immigrati e sono stati assorbiti con successo in Israele.

Vedi l’articolo originale in ebraico Ynet News

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.