Parashat Ytr?

Di Rav Reuven Tradburks

Itr? si unisce a Mos?. Consiglia a Mos? su come delegare i giudici. Sul Monte Sinai Dio offre al popolo ebraico di essere un popolo eletto. Nel Sinai vengono dati i Dieci Comandamenti. In risposta, le persone tremano.

1?. Aliya (18:1-12) Yitro, suocere di Mos?, eccitato dall’esodo dall’Egitto, viaggia per incontrare Mos?, portando Tzipora e i suoi due figli. Mos? li riceve e dice loro cosa ? successo. Yitro benedice Dio, affermando che ora sa che Dio ? grande e gli offre sacrifici.

Rashi dichiara che questa storia di Yitro avviene dopo la consegna della Torah, il che significa che la Torah l’ha tolta dalla sua cronologia e l’ha inserita qui. Presumibilmente per una buona ragione. Perch? localizzare questa storia qui?

Potresti rispondere a questa domanda per cosa verr? dopo o cosa ? appena successo. L’ultima fase della parasha della scorsa settimana ? la guerra con Amalek. Attaccato ad Amalek c’? Yitro. Abbiamo trovato diversi tipi di non ebrei nella storia: Amalek e Yitro. Amalek sta cercando di farci del male. Yitro sta cercando il nostro D-os. Amalek vede le nostre debolezze. Yitro vede la nostra grandezza.

2?. Aliya (18:13-23) Yitro osserva che la gente aspetta tutto il giorno per parlare con Mos? . Yitro contesta questo. Mos? risponde: le persone vengono a cercare Dio, a cercare delle risposte, e io insegno loro le leggi di Dio. Yitro critica Mos?. E suggerisce come questo dovrebbe avvenire. Mostra loro le leggi di Dio ma scegli anche i giudici che possono giudicare al tuo posto secondo le norme della Torah. Giudici indipendenti, timorosi di Dio, difensori della verit?, che aborrisce guadagni inappropriati.

Yitro d? buoni consigli a Mos?: delega l’autorit? ai Giudici. Sebbene proponga di delegare l’autorit?, non suggerisce di delegare l’autorit? di Mos? in altre azioni. Perch? in questi, Mos? ? semplicemente insostituibile.

Mos? dice a Yitro che ha tre ruoli: aiutare coloro che cercano Dio, giudicare le questioni pi? complesse e insegnare i comandamenti di Dio. Yitro gli dice che gli altri possono risolvere le controversie. Ma quando si tratta della ricerca di Dio e dell’insegnamento dei comandamenti di Dio, nessuno ha la possibilit? di farlo. Quando si tratta di comunicazioni di Dio, sei unico, insostituibile, unico nella tua classe.

Questo scambio presenta un principio fondamentale della Torah: che Dio parla a Mos? in un modo particolare e non parler? mai a nessuno in futuro allo stesso modo. Quando Mos? dice che le persone vengono da lui alla ricerca di Dio, ci? che significa : ho accesso a Dio. Mi parla. (Parlare con Dio non ? un trucco, il trucco ? quando risponde). Allo stesso modo, quando Mos? dice che insegna la legge di Dio, significa che Dio comunica queste leggi solo a lui.

Questo potrebbe essere lo scopo pi? importante nella storia di Yitro. Perch? nella storia che ne consegue della consegna della Torah, lo stesso tema che mostra l’individualit? di Mos? come l’unico a cui Dio parla ? centrale.

3? . Aliya (18:24-27) Mos? presta attenzione. Sceglie i giudici e gli vengono presentati solo i casi pi? complicati. Mos? rimanda Yitro a casa.

Solo un leader onesto accetta suggerimenti per il miglioramento. Mos? dimostra la sua onest? e umilt?; Se il suggerimento ? buono, accettatelo. Proprio come Yitro accett? la notizia dell’esodo e afferm? che Dio ? Uno, Mos? ammise che poteva migliorare il suo sistema. Due uomini onesti e umili.

4?. Aliya (19:1-6) La gente si accamp? nel deserto del Sinai di fronte alla montagna. Mos? sal? sulla montagna. Dio disse: se mi ascolterai, manterrai la Mia alleanza, sarai un regno di Cohanim (sacerdoti) e una santa nazione. Dillo al popolo ebraico.

Questa breve aliya ? piena di significato: ? l’invito a un incontro intimo. Fino a questo punto l’intera Torah parla di Dio che raggiunge l’uomo. Ed ecco l’apice di questa gamma. Simile a un abbraccio divino. Dio cre? il mondo; un atto di desiderio per un mondo. Ha creato l’uomo. Venne ad Abramo, promettendogli, senza richiederlo, la terra d’Israele. Ma ha mantenuto le sue distanze. Anche l’Egitto, quando si avvicin? di nuovo per togliere il popolo ebraico dalla schiavit?. Ora dice a Mos? che si sta avvicinando al popolo ebraico come il Suo pi? vicino, Cohanim, coloro che si trovano nel Suo santuario interiore.

5?. Aliya (19:7-19) Mos? introduce le parole di Dio al popolo. Rispondono: faremo tutto ci? che Dio dice. Dio ti dice: Vengo in una nuvola e la gente sapr? che sto parlando con te. Preparateli per tre giorni perch? il terzo giorno, scender? alla vista di tutte le persone. Nessuno toccher? la montagna. Mos? prepar? il popolo. Il terzo giorno c’erano fulmini e tuoni, una densa nuvola e il potente suono dello shofar (corno di ariete). La gente del campo aveva paura. Mos? li port? sulla montagna. Tutto era circondato dal fumo perch? il Dio ? sceso nel fuoco. La montagna trem?. Lo shofar aument? il suo potere. Mos? parl?; La voce di Dio sorse.

La rivelazione nel Sinai ? l’apice della portata di Dio verso l’uomo. Egli promette, Ci libera, e ora parla, comunica.


E mentre questo ? un picco nella storia dell’uomo, non ? esattamente chiaro cosa la gente abbia sentito. La narrazione, senza il midrashim, sembra raccontare che la gente ascolter? Dio parlare a Mos?. Dopo tutto la comunicazione divina con l’uomo ? travolgente, incoerente con il nostro essere limitato. La gente ha paura; Mos? deve convincerli. Pi? tardi, nella settima aliya, la gente dice a Mos? di non resistere all’ascolto della voce di Dio o moriranno.

? qui che vediamo veramente che Mos? non ha eguali: l’unico che pu? ascoltare la voce di Dio e vivere. Pi? tardi la Torah lo descriver? in questo modo; nessuno poteva tollerare “panim el panim” (faccia a faccia), comunicazione diretta da Dio. La cosa particolare di Mos? non ? come leader, legislatore, re, guerriero o come oratore motivante. La cosa particolare ? che egli ascolta le parole di Dio, i Suoi ordini, i Suoi comandamenti, ed ? in grado di resistere e sopravvivere.


Lo scopo della rivelazione nel Sinai ? quello di lasciare che le persone siano strettamente esposte all’esperienza della comunicazione Dio a Mos?. Questa esperienza rafforzer? l’idea che Dio parli a Mos? e poi accetti gli insegnamenti di Mos? come parola di Dio. E li travolger? e li avviciner? a credere in Dio.


6?. Aliya (19:20-20:14) Dio scende sulla montagna e chiama Mos? a salire. La avverte ancora una volta che le persone non possono toccare la montagna o moriranno. I Dieci Comandamenti: Io sono Dio, non avrai idoli davanti a me, non usare il nome di Dio invano, Ricordati di santificare il giorno del Sabato, onorare i genitori, non commettere omicidi, adulterio, rapina, falsa testimonianza, avidit?.

Il Midrash sottolinea che i primi due comandamenti sono in prima persona, D-os parla direttamente al popolo: io sono Dio. E il resto in terza persona, apparentemente Mos? che parla di Dio nel Suo nome: Non prendere il Suo nome invano. Questo ? l’opposto di quello che ho detto prima, che la gente non ha sentito il contenuto di ci? che ha detto Dio; lo sent? solo parlare con Mos?. Il Midrash ? d’accordo dicendo che dopo aver ascoltato i primi due comandamenti direttamente da Dio, le persone sono morte sul posto a causa della travolgente esperienza della rivelazione. Poi hanno rianimato. Da quel momento Mos? parl? a nome di Dio, perch? il popolo non poteva sopportare la potenza dell’esperienza diretta di Dio.


7?. Aliya (20:15-23) La gente fugg? per vedere i fulmini e i tuoni, ascoltare lo shofar e il fumo della montagna. Dissero a Mos?: ? preferibile che Dio parli con te, ma non con noi, perch? non vogliamo morire. Mos? assicur? loro che Dio venne ad avere paura di lui. Dio vi ha decretato: avete visto che vi ho parlato del cielo.


Due simboli persistono dall’esperienza del Sinai, lo shofar e la nuvola. Lo shofar ? il nostro modo di ricordare la Sua Presenza, la nube ? il Suo modo di indicare la Sua Presenza. D’ora in ora in poi, quando la nuvola si poser? sull’Ohel Moed (la tenda di radunanza), indica che la Presenza di Dio ? qui, parlando con Mos?. Proprio come la nuvola e il fumo sul Monte Sinai.


E shofar ? il nostro modo di ricordare la Sua presenza sul Monte Sinai. A Rosh Hashana, quando dobbiamo sentirci particolarmente vicini al Dio, ricordiamo lo shofar del Sinai. La redenzione definitiva ? annunciata anche dallo Shofar Gadol. Lo shofar resiste come simbolo dell’intima Presenza di Dio, come ? accaduto sul Monte Sinai.

Informazioni sull’autore:

Il Rav Reuven Tradburks ? il direttore di Maj?n Milton, il corso preparatorio in inglese per la conversione, un’associazione del Rabbinical Council of America (RCA) e Shavei Israel. Inoltre, ? il direttore della regione RCA-Israele. Prima della sua aliya, Rav Tradburks, ha lavorato per 10 anni come direttore della Vaad Harabonim Conversion Court di Toronto e come rabbino della congregazione a Toronto e negli Stati Uniti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.