MMA indiano ebreo e campione di kickboxing si prepara per fare l’Aliya .

Traduzione dell’articolo di Itamar Eichner, pubblicato il 21/9/2020 su Ynetnews.
Obed Hrangchal, parte della comunit? di Bnei Menashe, spera di unirsi all’IDF e rappresentare Israele in competizioni internazionali una volta che finalmente emigra nel paese con i suoi genitori e la sorella dopo le Festivit? Ebraiche. Un campione indiano-ebreo di MMA e kickboxing, che ha vinto una serie di prestigiose competizioni, ? destinato a fare aliya in Israele dove spera di competere per lo stato ebraico.

Obed Hrangchal, 26 anni, ha gi? vinto due medaglie d’oro, sette d’argento e due di bronzo a Wushu, Kickboxing, Muay Thai e Karate. Ma ci? che rende unica la storia di Hrangchal ? che ? un ebreo osservante e una parte della comunit? Bnei Menashe.


I Bnei Menashe dicono di discendere di ebrei da una trib? biblica perduta, banditi dall’antico Israele all’India nell’VIII secolo a.C. Insieme ai suoi genitori, Gabriel e Ruth Hrangchal, e alla sorella Lucy, Obed ? pronto a realizzare il suo sogno di una vita dopo le Festivit? ebraiche a emigrare in Israele, dove vogliono stabilirsi nella citt? di Nof HaGalil nella parte settentrionale del paese dopo aver completato il loro processo di assorbimento.
“Ho sempre sognato di fare aliya nella Terra di Israele e sono molto eccitato alla prospettiva di farlo. Se possibile, vorrei sicuramente unirmi all’IDF e sarei onorato di rappresentare Israele nelle competizioni MMA e Kickboxing”, ha detto Obed.
L’atleta spera di completare il processo di immigrazioni con l’aiuto di Shavei Israel, un’organizzazione ebraica con sede in Israele che incoraggia le persone di origine ebraica a rafforzare il loro legame con Israele.


“Siamo molto orgogliosi di Obed e dei suoi risultati impressionanti e non vediamo l’ora di dare il benvenuto a lui e alla sua famiglia qui in Israele insieme agli oltre 700 Bnei Menashe, che porteremo nel prossimo anno”, ha detto il fondatore e presidente di Shavei Israel Michael Freund. “Obed ? un altro esempio eccezionale di come il Bnei Menashe possono contribuire alla societ? israeliana e spero che presto lo vedremo salire sul palco e vincere medaglie per Israele in tutto il mondo”, ha aggiunto.
Originaria del villaggio di Thinghlun, nello stato indiano di Mizoram, gli Hrangchals erano l’unica famiglia ebrea in citt?. Nel 2013, hanno venduto la loro casa e terreni agricoli per trasferirsi nella capitale Aizawl al fine di unirsi alla comunit? ebraica locale in attesa dell’opportunit? di fare aliya.
Senza la fattoria di famiglia, il padre di Obed, ? stato lasciato senza un lavoro ed essere ebreo rende pi? difficile trovare un lavoro stabile dal momento che gli ebrei non lavorano nello Shabbat o nelle festivit? ebraiche.

Nonostante le difficolt?, Obed ? riuscito a ottenere un ampio riconoscimento nel mondo dello sport e ha vinto premi nelle arti marziali dal Mizoram State Sport Council e dalla Mizoram State Wushu Association, che sono affiliati con l’Associazione Olimpica Indiana e il Comitato Olimpico Internazionale (CIO).
“Ho iniziato a praticare le arti marziali fin da giovanissimi, circa 6 anni, ma senza istruzioni adeguate”, riferisce Obed Hrangchal. “Mentre sono cresciuto, sono costantemente migliorato e poi ho iniziato a gareggiare a livello statale nel 2014, quando ho gareggiato nel Kickboxing cinese o Wushu e ho vinto il secondo posto. Nello stesso anno, ho iniziato a studiare Arti Marziali Miste (MMA) con un istruttore.”
Finora, pi? di 4.000 Bnei Menashe hanno fatto aliya in Israele negli ultimi due decenni, grazie in gran parte a Shavei Israele. Altri 6.500 rimangono in India, tutti i quali desiderano rendere lo stato ebraico la loro casa.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.