Parashà Vaieshev 

Riconosci, per favore… e riconobbe Yehuda

La Parashà di Vayeshev (Genesi 37) ruota, principalmente intorno alla figura di Yosef. In essa sono narrate tutte le vicissitudini che colpiranno il nostro protagonista, dai sogni, alla vendita, fino alla discesa in Egitto. In questo scenario famigliare drammatico, si inserisce nel mezzo della narrazione, l’episodio di Tamar e suo suocero Yehudà.  

Chi era Yehudà?

Yehudà era il quarto figlio di Leah, il quale sposò una donna cananeadalla quale ebbe tre figli. Yehudà prese per Er, il suo primogenito, una moglie di nome Tamar. Er era malvagio agli occhi del Signore e Dio lo fece morire. Tamàr sposò il secondogenito, per obbedire al costume del levirato fin da allora vigente. Ma anche il secondo marito moriva, perché anch’egli, come il fratello agiva in malo modo agli occhi del Signore. Tamàr veniva rimandata alla casa paterna in attesa che il terzo figlio di Yehudà fosse cresciuto ed ella potesse ottenerlo per marito.  Il ragazzo crebbe, ma Yehudà non si pronunciò in merito. Tamar comprese le sue intenzioni ed escogitò un sotterfugio per attrarre Giuda presso di lei.

Tamar indossò le vesti da meretrice e si unì con Yehudà, in cambio lei chiese in pegno il suo sigillo, il suo drappo e la sua verga. Dopo di ciò Tamar si dileguò e quando Yehudà tornò per darle il capretto e riprendere i suoi oggetti, non la trovò. Passarono tre mesi e fu riferito a Yehudà che sua nuora Tamar era incita, egli immediatamente la mandò a prendere per darle la punizione.

Ma a quel punto Tamar agì con saggezza e modestia. Le sue parole saranno ponderate e rivolte solo al diretto interessato, ella non punterà il dito per svergognare il suocero e renderlo ridicolo agli occhi dei presenti ma chiederà all’uomo, della quale è incita di “riconoscere” gli oggetti da lui lasciati in pegno. Altrettanto Yehudà, risponderà con grande integrità morale e non esitò ad ammettere “Ha ragione, è da me che è incinta.  E in quell’ istante riconobbe ed espresse apertamente di aver sbagliato nei confronti di Tamar. Un atto di grande responsabilità e saggezza.

Il Signore ripagò Yehudà “misura per misura”: con l’espressione “riconosci per favore, se questa è la tunica di tuo figlio (37,32)”. Yehudà aveva causato al padre un dolore immenso. A questo punto Tamar affrontò Yehudà con le stesse parole, le quali ebbero un forte impatto su di lui.  

C’è molto da imparare da questo episodio. Viviamo in una realtà dove ogni giorno siamo chiamati a riconoscere e ad affrontare il nostro operato, purtroppo non sempre siamo pronti ad agire di conseguenza e soprattutto ad ammettere la verità. Siamo sempre pronti a puntare il dito verso l’altro e mai verso noi stessi. La regalità apparterrà alla tribù di Yehudà poiché riconobbe e prese su di sé la responsabilità di quanto accaduto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.