Dopo tanti anni di attesa, la signora Anna – ebrea Subbotnik – ha ricevuto la cittadinanza israeliana

Anna Lazarevna Bocharnikova, una delle leader della comunità ebraica di Vysoki in Russia, è venuta in Israele per fare Aaliyah (immigrazione ufficiale) quasi 9 mesi fa. Per lei il 4 luglio 2019 sarà per sempre ricordato come una data speciale della sua vita. E’ stato in questo giorno che è stata invitata all’Ufficio Immigrazione di Gerusalemme per ricevere la sua “teudat zehut”, la carta d’identità, dopo tanti anni di attesa.

Anna Lazarevna era in contatto con Shavei Israel già negli anni in cui viveva a Vysoki. La sua casa era un luogo d’incontro per la comunità Subbotnik del luogo e le sue porte erano sempre aperte per celebrazioni, preghiere e lezioni di Torah.

Suo figlio era immigrato in Israele diversi anni fa, quando le porte dell’aliyah erano aperte agli ebrei Subbotnik, mentre lei aveva dovuto scegliere la via più difficile: studiare duro, fare una conversione ufficiale all’ebraismo con il tribunale rabbinico e solo allora fare richiesta di cittadinanza da Mosca. Non avendo ricevuto nessuna risposta dalle autorità, aveva deciso di venire in Israele e dal posto fare ancora una volta la richiesta.

Anna Lazarevna è stata accolta calorosamente dalla comunità locale, costituita da ex abitanti di Vysoki e Ilinka. Qui in Israele ha festeggiato il suo 71esimo compleanno, visitando il Muro del Pianto e Hebron, per la prima volta in vita sua; e ha partecipato a diversi eventi organizzati da Shavei Israel a Beit Shemesh, la sua nuova casa. Le piace molto condividere vecchie storie sul passato dei Subbotnik, sulle loro tradizioni e sulla loro autenticità.

Essere in Israele ha aiutato molto la signora Anna nel sentire una speciale connessione con la Terra di Israele e ad integrarsi con la comunità locale, ma ha dovuto attendere 9 mesi per ottenere uno status ufficiale. Ha ringraziato calorosamente Micheal Freund e Shavei Israel per l’assistenza nel processo di conversione e Aaliyah: “Questa esperienza è stata una scuola di vita per me, ho imparato così tanto. Voglio che i miei nipoti e bisnipoti rispettino le nostre tradizioni ebraiche, poiché ci sono state date da Dio. Credo in Dio e sono venuta in Israele per restarci per sempre”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.