Parashà Nitzavim – Il patto di ognuno di noi

Ogni cultura concepisce forme diverse di relazione ed impegno tra le persone e le istituzioni. Noi ci rapportiamo alle persone ed alle istituzioni, per iscritto o oralmente, sia attraverso le emozioni, che l’intelletto, che la legge. In questa parashà la Torà pone di fronte a noi una formula diversa di impegno: il Patto.

Il Patto che formula la Torà prevede la necessità di due parti, chiaramente differenziate ed obbligatoriamente presenti, che accettano il patto in modo esplicito. Da un lato abbiamo Dio, dall’altro il popolo di Israele composto da persone che, nel momento in cui viene stipulato il Patto, si rivolgono a Dio al singolare come se fossero un unico individuo. Il patto si realizza sempre tra due parti che mantengono la loro indipendenza ma che non sono obbligatoriamente uguali o reciprocamente equivalenti. Il concetto di Patto è applicabile al rapporto tra Dio e l’uomo, a quello di un uomo con sua moglie, a quello tra due uomini o a quello tra istituzioni con usi ed ideologie differenti: due uomini o entità “uguali” non hanno bisogno di un patto. Sarebbe inutile fare un patto con se stessi.

A differenza di quanto accade per i contratti, le norme e le leggi – tutte queste sono formulazioni umane di relazioni a termine – il Patto è fondato sul concetto di fedeltà al di sopra dei benefici. Un patto necessita e stabilisce un impegno comune ed un obiettivo al quale tendono i contraenti – che diventano alleati – a cui vengono subordinati gli elementi di differenza.

Il mondo nel quale viviamo ha contribuito a debilitare nel popolo ebraico, il concetto e la conseguenza del patto. Le relazioni interpersonali e tra le istituzioni si basano su norme e contratti che variano in funzione delle circostanze. Di fatto gran parte della crisi dell’Ebraismo nel mondo post-moderno deriva dall’assenza del “patto” nella vita quotidiana degli ebrei, l’indebolimento della loro connessione con l’Ebraismo, con il resto del popolo ebraico, con la memoria collettiva, con la Diaspora e lo Stato di Israele.

Allo stesso modo, gran parte della soluzione alla crisi generale che affrontiamo sta in un rinnovamento individuale di ciascuno del “patto” ereditato, quale mezzo per tornare ad avere una identità collettiva forte e sana, che sia valida per tutti noi e renda valido quel patto che, in ogni momento della nostra vita, ci ha protetto e ci protegge, ci ha impegnato e ci impegna.

One thought on “Parashà Nitzavim – Il patto di ognuno di noi”

  1. נִצָּבִ֤ים
    Deuteronomio 29
    9 Voi siete rimasti oggi tutti davanti al Signore, Iddio vostro…………

    Non si tratta di un rimanere statico: infatti נִצָּבִ֤ים si può spezzare in נִצָּ che significa “sbocciare, germogliare, produrre”, nella la particella בִ֤י che rende l’idea di un approfondimento (in) o di un mezzo (con, insieme a…) e
    ם “la lettera dell’acqua, simbolo dello scorrere della vita e della saggezza divina. La lettera Mem suggerisce simultaneamente il rivelato e il nascosto. La Mem aperta rappresentala Torah rivelata e la Mem chiusa (ם), la Torah nascosta perché nessuno sa dove abiti” (da: L’alfabeto Ebraico di Georges Lahy, Ed. Venexia).

    Quindi il rimanere del popolo ebraico indica tutti quei processi interiori e dinamici che portano a far germogliare frutti di vita e che presuppongono l’adesione alla saggezza di D-o condensata nella Torah che con il fluire del tempo e con il suo studio assiduo sarà svelata in tutta la sua potenzialità.
    Il patto bilaterale con D-o ha questa funzione di preparare il suo popolo ad un’esistenza che generi nella libertà molto frutto.

    Shalom,
    Giovanni

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.